:: Home » Numeri » #143 » CINEMA » Hostel 2
2007
24
Giu

Hostel 2

media 2.88 dopo 918 voti
Commenti () - Page hits: 5400

 

Il nuovo lavoro di Eli Roth è una riflessione su temi molto attuali, come la violenza, la tortura e il capitalismo. Eli Roth non è semplicemente un collezionista di antri tranciati e sadismi vari, ma un regista che attraverso una rappresentazione estrema della violenza arriva a parlare di argomenti ben diversi e complessi. Prima di tutto c'è il denaro, lo strumento attraverso il quale, nella nostra società, tutto è possibile. Visto che il capitalismo presuppone una commercializzazione di qualsiasi aspetto della vita umana non bisogna stupirsi se anche la morte, la tortura e il sadismo possano diventare un business. Il teatro delle crudeltà allestito da Roth, nel quale si svolgono i "giochi" di alcuni ricchi signori, non è altro che un luogo adibito per la messinscena dello spettacolo della violenza e per la sua fruizione. Solo che poi non è tanto l'istinto omicida dell'uomo a venire alla luce quanto la possibilità, attraverso il denaro, di comprare corpi da torturare o da usare a proprio piacimento. Eli Roth punta molto su questo tema. Tralasciando il semplice intreccio sul quale il film si basa (alcune ragazze partono da Roma verso Praga, alloggiano in un ostello e poi vengono rapite) il regista cerca in ogni modo di mostrare le componenti economiche del suo meccanismo narrativo. In una sequenza, per esempio, si assiste all'asta internazionale per comprarsi le ragazze da seviziare e verso la fine del film una di esse trova la libertà non tanto perché qualcuno abbia avuto pietà di lei quanto perché questa libertà riesce a comprarsela. Tutto allora si svolge nell'ottica imprenditoriale del commercio, dove ogni cosa diventa merce e dove i legami tra le persone non sono più morali quanto contrattuali. La Elite Hunting, la società che organizza il tutto, è una vera e propria agenzia d'intrattenimento per uomini facoltosi, dove la merce è la vita umana.

Eli Roth poi ha un gusto del tutto personale per il grottesco (la festa nel paesino slovacco, con tutta una serie di maschere macabre, che servono a preannunciare le atrocità successive) e possiede un senso dell'ironia nerissimo e fulminante (la scena finale su tutte). Nella pellicola viene anche omaggiato in maniera esplicita molto del cinema italiano delgi anni settanta, grazie alla presenza di Edwige Fenech, Luc Merenda e Ruggero Deodato.

Hostel 2 è forse un film politico come pochi. Perché attraverso l'uso di un genere (quello horror) porta alla luce problemi e incongruenze della nostra società. Ed è in questo modo che una codificazione narrativa (come quella dei generi) si riversa poi nel reale, portando lo spettatore a riflettere su quanto sta vedendo e sul mondo in cui vive. Attraverso il sangue si arriva così a qualcosa di più profondo. I corpi squartati non sono solo carne da macello, sono la testimonianza diretta delle estreme conseguenze del capitalismo dove anche i corpi umani diventano merce (e in molti casi già lo sono) e per questo possono essere venduti e comprati, e una volta acquistati, utilizzati come meglio si crede.


Trailer su YouTube.com

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 194 millisecondi