KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Fiori Appesi

1 min read

FIORI APPESI


I Fiori appesi

Fili di ferro
Ai muri
Patiti
Come prigionieri
La pelle attaccata alle ossa
I fiori appesi
Occhi senza un viso attorno
Lacrime di sangue
Rappreso Raggrumato
Mani pallide
Posero
Sulle mure annerite di fumo

Fumo pieno di risa e sogni
I Fiori appesi
Muoiono nel freddo
Nella fuliggine
Nella solitudine
Nell’oblio

Petali tristi
I fiori appesi
Cadono a terra
Anime annerite
Figli impauriti

La mano di d-o scese
A cogliervi uno a uno

Avevo questo da scrivere da quando ero stato alla risiera di san sabba a Trieste.
Era una mattina gelida, era il 2 gennaio 2001, circa le 9,30, non c’era nessuno, solo un paio di inservienti.
Ricordo i muri altissimi, cilindri di ferro battuto lanciati a toccare il cielo a memoria del fumo che saliva dai forni; alcune stanze dove venivano uccisi i prigionieri, i muri scuri e sparuti mazzetti di fiori rinsecchiti dal gelo.

Matteo Ranzi






Altri articoli correlati

7 min read
6 min read
1 min read

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.