:: Home » Numeri » #127 » MUSICA » Baustelle - La malavita
2006
14
Feb

Baustelle - La malavita

media 2.85 dopo 1661 voti
Commenti () - Page hits: 19k

Finalmente Baustelle.
Il gruppo era gia conosciuto ai piu attenti appassionati di indie italiano, soprattutto grazie a giudizi critici positivi all'unanimità.
Ed ecco che finalmente, appunto, la Warner da la possibilità al gruppo milanese di avere un lancio su scala nazionale.
Ed in un attimo "La  guerra è finita" comincia  passare per radio, poi si intravede il video, trasmesso con frequenza sempre maggiore.
E poi l'album.
Francesco Bianconi, cantante del gruppo, costruisce liriche spontanee, ben bilanciate ed originali. Non appesantiscono nemmeno quando il tema è la solitudine del mondo di oggi, vero e proprio filo conduttore tra le tematiche dell'album.
Il suono, come detto, è un indie rock ben costruito, in cui la voce di Bianconi o di Rachele Bastreghi (la tastierista,canta Revolver) si adagiano comodamente, creando una piacevole amalgama, orecchiabile e piacevole.
La forza di Baustelle però è l'impatto dei testi: al pari di (ora faccio alcuni nomi "pesanti") Battiato, De Andrè o Fossati le canzoni dei Baustelle sono da ascoltare col cervello sveglio perchè sono un vero e proprio invito a riflettere, a pensare.
Tanto che Il corvo Joe sembra costruita apposta per essere declamata, non cantata.

Citare una canzone sopra tutte le altre è impossibile tanto l'album risulta piacevole.
Consiglio questo album a chiunque abbia amato i grandi autori italiani, quelli che con le loro canzoni sapevano comunicare idee ed ideologie dei loro tempi.

Tracklist

1 Cronaca Nera
2 La Guerra E' Finita
3 Sergio
4 Revolver
5 I Provinciali
6 Il Corvo Joe
7 Un Romantico A Milano
8 A Vita Bassa
9 Perché Una Ragazza Di Oggi Può Uccidersi
10 Il Nulla
11 Cuore Di Tenebra

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simone Bonetti
Nato nel lontano 5 maggio 1977, il prode Bonetti si destreggia tra le campagne di Spilamberto e le incursioni nella ''metropoli'' Modena. Si crea una cultura fumettistica già da bambino, quando legge quintali e quintali di Topolino ereditati dai genitori. Percorso che si evolve fino a portarlo a leggere Garth Ennis colo suo ''Punitore''. Appassionato di libri di ogni genere, si fa portabandiera del genere fantasy soprattutto dopo l'inizio della sua ormai quindicinale esperienza di giocatore diruolo, con la mitica edizione di ''Dungeons & Dragons'' della Editrice Giochi.

La sua vita ha sempre avuto una colonna sonora, se il primo walkman si distrusse passando pezzi di Battiato, il secondo andò in frantumi con AC DC e Iron Maiden . Ha cercato di avere una cultura musicale discretamente vasta e variegata, grazie soprattutto alla sua insaziabile curiosità, ad alcuni amici (Grazie Cesare! Grazie Stefano!) ed all'interesse per le manifestazioni che chiamano in causa gruppi locali. Recentemente ha partecipato all'iniziativa ''Fresh'' dell'Unione Terre di Castelli. Di professione è un chimico tecnico dell'ambiente e della sicurezza che lavora in ceramica. Grande appassionato di basket ed hockey.

 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 392 millisecondi