:: Home » Numeri » #269 » LETTERATURA » Le putine del Canal Gorzone - Fiorella Borin
2017
20
Dic

Le putine del Canal Gorzone - Fiorella Borin

Commenti () - Page hits: 300
Postfazione di Nicola Di Girolamo
Montedit Edizioni
Narrativa racconto
Pagg. 47
ISBN  9788883563683
Prezzo Euro 5,20
 
 
Il sublime amore delle madri per i figli
 
 
Sono due i fatti di cui parla il libro, non collegati fra loro, ma comunque con il medesimo tema, tanto da ritenere plausibile che l’unico racconto in effetti consti di due prose.
Soprattutto nella prima, quella dell’annegamento in Venezia del piccolo Zuanin, con la madre che lo stringe fra le braccia, consapevole della sua dipartita che tuttavia rifiuta, mi è venuto in mente un altro evento, analogo, ma non uguale, immortalato dal nostro Alessandro Manzoni nei suoi Promessi sposi, con quella povera Cecilia che la morte si è portata via. Le analogie finiscono qui, ma quel che più conta è che mi è parso che Fiorella Borin nella sua narrazione sia riuscita a cogliere la momentanea discrasia fra la certezza del fatto doloroso e l’autodifesa, volta a non accettarlo, al punto da non considerarlo reale. Indubbiamente gli studi dell’autore costituiscono un valido fondamento, ma resta il fatto che riuscire a rendere narrativamente questo contrasto è una prova di grande capacità, la stessa che poi si ritrova nel personaggio della seconda prosa, cioè di quella madre che ormai alla fine della sua esistenza nell’ospizio si aggrappa disperatamente a ciò che le resta di una sua bambina morta moltissimi anni prima nel crollo di un ponte, unitamente ad altri infanti, fatto, quello del crollo, effettivamente avvenuto e che ha costituito il pretesto o meglio lo spunto per questa narrazione breve, ma di notevole bellezza.
Se pure è un’aria di tragedia che permea il libro, l’aver saputo porre in evidenza, senza ricorrere a luoghi comuni o ad accentuate enfasi, l’amore materno costituisce l’elemento di maggior pregio, tanto più che l’autore, mantenendo un costante distacco dai suoi personaggi, toglie loro quell’artificiosità propria della scrittura d’invenzione, rendendoli veritieri e perciò maggiormente interessanti.
Le putine del Canal Gorzone è un libro senz’altro da leggere, perché è più che meritevole.
 
Fiorella Borin, nata a Venezia nel 1955, è laureata in psicologia. Per onorare la memoria del padre, reduce dalla Russia, ha scritto molti racconti sulla Seconda Guerra mondiale. Con Alberto Perdisa Editore ha pubblicato nel 2003 La Signora del Tempio nascosto. Con Tabula Fati ha pubblicato Il bosco dell’unicorno, il pittore merdazzèr, La strega e il robivecchi, La firma del diavolo  e Christe eleison. Ha scritto, per le Edizioni Solfabnelli, Il pellegrino spagnolo,  Le voci mute. Nove storie veneziane. Con Edizioni della Sera ha pubblicato I giorni dello sgomento.
 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 156 millisecondi