KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Intervista con JMP – Jam Movie Project

4 min read
 
 
Nuovo album per la Qua’ Rock Records del progetto JMP del noto chitarrista Gabriele Bellini. Il progetto JMP, acronimo di Jam Movie Project vede la presenza oltre che di Gabriele Bellini alla chitarra anche di Claire Briant Nesti dietro al microfono e di Michel Agostini alla batteria. Il lavoro è stato realizzato a La Fucina Studio di Empoli, registrato, mixato e masterizzato da Giacomo Jac Salani. Anche questo disco è disponibile su tutte le piattaforme digitali ed in formato fisico richiedendolo direttamente alla Qua’ Rock Records scrivendo alla mail quarockrecords@gmail.com. 
 
 
Intervista
 
Davide
Ciao. Musica e cinema dunque. Perché avete voluto affrontare questo binomio e legame indissolubile? E in che modo?
 
JMP
Il cinema e la musica sono due forme d’arte d’indiscusso spessore. Molto spesso ci riferiamo ad un film proprio per la colonna sonora, che rimane nella mente delle persone come un motivetto continuo. Quello che abbiamo fatto è stato solo l’unire la passione che abbiamo per il cinema con il nostro modo di esprimerci: la musica.
 
Davide
In particolare avete scelto brani dai film SAW, SIN CITY, MATRIX… Perché questi film in particolare e più in generale cos’è per voi l’immaginario horror e sci-fi e in che modo si rapportano idealmente con la musica rock?
 
JMP
La scelta dei brani che avrebbero fatto parte del disco è stata molto accurata. Il progetto nasce come pura improvvisazione su colonne sonore e, dopo aver calcato molti palchi, abbiamo scelto i brani che erano stati più coinvolgenti per il pubblico e più emozionanti da suonare. I film horror e fantascientifici svelano un mondo personale che fa leva sulle emozioni e paure più forti che abbiamo. Il rock permette di dare sfogo a queste sensazioni interne fino a liberare un’altra dimensione che va oltre i nostri limiti.
 
Davide
Per le restanti due tracce avete invece scelto la strada del medley. Olympics Movie Story e Rock Movie Story contengono cioè tracce da varie colonne sonore… Come nasce l’idea di fare questi medley e con quale intento?
 
JMP
I medley nascono per omaggiare una parte dei films che hanno fatto parte delle nostre esperienze di vita. Sarebbe impossibile improvvisare tutte le colonne sonore in modo completo, ma con i medley si può dare un piccolo scorcio in questo mondo immenso.
 
Davide
Cos’è esattamente il Jam Movie Project? Qualcosa di occasionale o seguiterà con lavori analoghi di rilettura di musica da cinema?
 
JMP
Come già detto JMP nasce come un progetto di improvvisazione di colonne sonore. Ormai sono due anni che portiamo avanti questo progetto e siamo molto affiatati. In cantiere ci sono tante altre rivisitazioni, basta seguire i nostri prossimi concerti!
 
Davide
Cosa rappresenta l’immagine astratta nel fotogramma del nastro perforato in copertina?
 
JMP
E’ un pezzo di una pellicola cinematografica, indica quello che sarà il disco:  un film bellissimo, una storia intrigante e molto rock.
 
Davide
Claire Briant Nesti, soprano lirico, voce del gruppo metal Inside Mankind rende tutto ancora più epico. Che significato hanno per voi l’epico e il lirico?
 
JMP
Il progetto JMP è un ottimo modo per sviluppare le proprie capacità e per provare ad andare anche oltre i propri limiti. Nella lirica la voce è l’assoluta protagonista di un’opera, ma qui è usata come uno strumento musicale che si incastra con gli altri. Questo è dato anche dal fatto che non essendoci un testo l’emozione viene spontanea cantando e facendosi tutt’uno con le melodie proposte. Il canto lirico dona anche più epicità al pezzo, rendendolo un po’ più maestoso.
 
Davide
Cosa accomuna i numerosi e diversificati progetti capitanati da Gabriele Bellini?
 
JMP
Accomuna sicuramente la passione per la musica a 360°, lo spirito per la ricerca, la voglia di sperimentare, di mettersi sempre in gioco, di andare oltre, la ferma consapevolezza che non ci sono limiti alla creatività e ai mezzi per fare arte nelle sue forme più svariate ed espressive.
 
Davide
Cosa seguirà?
 
JMP
Intanto il ROCK ON FEST al Parco di Serravalle di Empoli, insieme ad altre numerose band di grandissimo rilievo nazionale. Siamo orgogliosi di questo primo lavoro e speriamo di farlo conoscere il più possibile.
 
Davide
Grazie e à suivre…

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.