:: Home » Numeri » #179 » LETTERATURA » Sinfonia per l’imperatore - Donato Altomare
2010
24
Giu

Sinfonia per l’imperatore - Donato Altomare

media 3.04 dopo 107 voti
Commenti () - Page hits: 3950
Introduzione di Ugo Malaguti
Elara S.r.l.
Narrativa romanzo
Collana Narratori europei di science fiction
Pagg. 288
ISBN 9788864990231
Prezzo € 27,00
L'apoteosi della fantasia 

 

Ricordo che, nel corso di un mio viaggio in Puglia svoltosi alcuni anni fa, ebbi l'occasione di visitare il famoso Castel del Monte. Vi arrivai che il sole iniziava a tramontare, con un cielo carico di nubi plumbee, che di li a poco si sarebbero accumulate in uno strato uniforme, dando inizio a un temporale, con saette che sembravano scaricarsi sulle mura del maniero. L'atmosfera, intrisa di elettricità, l'oscurità quasi improvvisa mi sembrarono più proprie di un vecchio castello inglese o tedesco, abitualmente frequentato da fantasmi.
Per fortuna, a fugare ogni mio timore non ero l'unico visitatore, ma ve n'erano altri, anche se pochi, tutti intenti a rimirare l'interno di una fortezza assai più appagante vista dal di fuori. Mi sorse subito una domanda: che scopo aveva quella costruzione in cima al colle? Aveva una funzione strategica? No, di certo, perché non arroccava su strade di accesso alla Puglia uniche o di vitale importanza. Era forse una dimora gentilizia, base per battute di caccia? No, troppo spoglia e, soprattutto, eccessivamente protetta da possenti mura, anche se non cinta da un fossato. Era eventualmente una prigione? Forse, ma per rinchiudervi ben pochi detenuti, vista la limitata e inadeguata superficie coperta. E poi perché quella ricorrenza del numero otto? La pianta ottagonale e le otto torrette, pure loro ottagonali, sono insomma un richiamo continuo a quella figura geometrica intermedia fra il quadrato e il cerchio, vale a dire fra la terra e il cielo.
Ho pensato allora, da profano, che l'edificio potesse avere una funzione religiosa, insomma potesse considerarsi una sorta di tempio ibrido fra paganesimo e cristianesimo. Del resto il castello fu costruito dietro preciso ordine di Federico II Hohenstaufen, una figura quasi leggendaria, già mitizzato nella sua epoca (XIII secolo), al punto che, vox populi,  si divulgava la profezia che dopo la sua morte sarebbe ritornato nelle sue terre trascorsi mille anni.
Le stranezze del castello, quest'alone mitologico che ha sempre avvolto Federico II devono avere interessato e affascinato in modo particolare Donato Altomare, tanto da indurlo a scrivere un romanzo di genere fantastico, con la vicenda che appunto si svolge in due epoche distinte, il XIII e il XXI secolo.
Premetto che la realtà storica costituisce solo la base di partenza, sulla quale l'autore pugliese costruisce pure lui un castello, in un intreccio di passato e futuro, con ammiccamenti al presente attuale, che, anziché stancare, come spesso accade quando si alternano epoche diverse, è una delle chiavi di valore di quest'opera, una vera e propria apoteosi della fantasia.
Per rispetto nei confronti del lettore e anche perché un pur sintetico sunto risulterebbe estremamente difficile mi limito pertanto a evidenziare i tanti meriti di questo romanzo, fra i quali di sicuro rilievo vi è la capacità di avvincere con invenzioni creative che non capitano a caso, ma si inseriscono perfettamente nella struttura narrativa. Le pagine scorrono veloci, grazie all'italiano fluente e di uso corrente, tranne forse nelle digressioni di carattere architettonico e musicale, comunque sempre comprensibili  pur nella loro complessità. Né mancano riflessioni pertinenti, ma di logica corrente, su tematiche come la religione e le guerre per la religione (vedasi il colloquio fra Federico II e l'emiro Fakhr al-din ibn ash-Shaikh), oppure osservazioni sul potere temporale della chiesa, che non potevano non essere presenti, dato il carattere dell'Imperatore, non certo ateo, ma comunque anticlericale.
Ho parlato prima di apoteosi della fantasia e questo termine mi sembra particolarmente appropriato, perché Donato Altomare, nello scrivere Sinfonia per l'imperatore, ha anche composto una sinfonia della fantasia, con idee e intuizioni che arrivano continuamente, tanto da farmi pensare che di materiale a disposizione ce n'era per scrivere certamente più di un romanzo.
Ma quel che più conta è che l'abbuffata non satura, non sazia l'appetito del lettore, che anzi si trova naturalmente disposto a chiedere ancora di più, senza che per questo si corra il rischio di essere infastiditi, perché appunto tutto rientra in un equilibrio armonico che, in alcuni passi, mostra pure accenni poetici.
Duecentoottantotto pagine non sono poche, ma se non si legge tutto d'un fiato poco ci manca ed è i con sensi tesi al massimo che si arriva alla fine, a una naturale e positiva conclusione  che, forse, lascia aperto lo spiraglio per un auspicato seguito.
Da leggere, non ve ne pentirete, perché questo romanzo, altamente avvincente, è veramente splendido.
 
Donato Altomare nasce a Molfetta nel 1951 e vi risiede. È laureato in Ingegneria Civile presso l'Università di Bari ed esercita la libera professione.
Ha vinto due Premi Italia a San Marino e Courmayeur, il Premio Urania 2000 col romanzo inedito Mater Maxima, il Premio Urania 2007 con Il dono di Svet  e nel 2005 il Premio Le Ali della Fantasia per l'inedito col romanzo Surgeforas.
Tra le varie pubblicazioni da ricordare i volumi Cuore di ghiaccio (La Vallisa, Bari 1989), La risata di Dio (Solfanelli, Chieti 1993), L'albero delle conchiglie (Milella, Bari 1994), Prodigia (Tabula fati, Chieti 2001), Mater Maxima (Mondadori, Milano 2001), Uno spettro, probabilmente (Mondo Ignoto, Roma 2004), E la padella disse… (Delos Books, Milano 2004), Il fuoco e il silenzio (Perseo Libri, Bologna 2005), Il tesoro della Grancia (BESA, Nardò 2005), Surgeforas (Tabula fati, Chieti 2006). Sono stati pubblicati all'estero: Cas je spiràla (tit. orig. Dolcissima Roberta, romanzo breve, Svet Fantastiky n. 1, Praga 1990); Il popolo del cielo (testo in cirillico, Gradina, Belgrado 1993); La casa degli scheletri (testo in cirillico, Gradina, Belgrado 1996).
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 137 millisecondi