KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Qui la mia assenza coltivo

1 min read

La quiete (dopo la tempesta) desiderando

qui la mia assenza coltivo
e la solitudine
e la mente selvatica
rare essenze/essenze sempre più rare veritas nobis dicimus
nell’ora che volge al disìo
nessuna cosa più interminabilmente aspettare
a niente resistendo
quasi ebete e beh beh belando
ritto in piedi gli algidi astri longilineo sostenendo
qualcuno per me al vento parossistico parlando
un tourbillon di parole inesistenti alle stelle volgendo
astri e disastri
la quiete desiderare
la pace perpetua / pax perpetua
l’armonia
carezze dolci il dolore a lenire
dolci carezze e parole lievi trasparenti
lievi veli
veli lievi
brine impalpabili
leggeri sorrisi
baci teneri
abbandono al sonno
tra veglia ed eternità senza confini
impalpabile passaggio all’essenza dell’assenza/all’assenza dell’essenza


Mario Pischedda

Altri articoli correlati

7 min read
6 min read
1 min read

Commenta

Nel caso ti siano sfuggiti

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.