:: Home » Numeri » #78 » SUSSURRI » Voci che sussurrano
2001
25
Set

Voci che sussurrano

Commenti () - Page hits: 2600
Voci che sussurrano

Agosto è finito, il solleone se n'è andato assieme agli ultimi strascichi di ferie, ed anche Kult è tornato dopo un periodo di necessario riposo, in cui abbiamo ricaricato le batterie per un autunno ricco di novità.
Ci aspettano innanzitutto l'ormai tradizionale concorso letterario 8ko-, dal tema quanto mai intrigante e attuale, la genetica; quindi la festa annuale della rivista, in cui verranno premiati i vincitori con sostanziosi pacchetti di software, offerti dalla Expert System; ci saranno poi sviluppi dalla creazione dell'associazione.
Lo so, in questi giorni sembra quasi irreale che esista una realtà al di fuori del gravissimo atto di guerra che si è abbattuto sugli Stati Uniti, spazzando via migliaia di innocenti: la speranza, la preghiera è che i mandanti, i fiancheggiatori, i complici anche solo morali vengano individuati e puniti, e che una tragedia del genere non possa più accadere.
Intanto, noi continuiamo sommessamente la nostra vita, e continuiamo anche a leggere SUSSURRI: molte le voci nuove in questo numero, da Marco Saya con una poesia struggente, a Mario Giardini con una leggenda dal solenne fascino inca, a Marco Marengo, che propone un originale "omaggio" a Bukovski.

___________________

Assieme alle voci nuove per Kult, ci sono anche autori che abbiamo imparato da qualche tempo ad apprezzare e ad amare, come Vittorio Baccelli, che propone il suo racconto forse più visionario e articolato. Express Tramway è un lungo incubo circolare, angosciante e surreale come possono esserlo i sogni vissuti all'ombra della morte; l'atmosfera è opprimente e irreale, kafkiana in quel ripetersi di vicende irrisolte, soffocanti, che si dipanano solo nel finale.

___________________


Tiriamo un respiro di sollievo con la tranquilla liricità di Mariacarla Tarantola, che con Felicità resta legata al suo stile poetico arcaizzante, alla sua armonia quasi ottocentesca: un inno alla vita e alla pienezza, unito alla consapevolezza che tutto sia sospeso al filo dell'illusione. Bellissima l'immagine finale della gioia che si spegne "languidamente" a calar del sole.

___________________


Una voce nuova e originale è quella di Mario Giardini, che speriamo continui a collaborare con Kult.
La scala degli Dei è un racconto soffuso di ieraticità inca, a partire dallo stile "alto" e solenne, come si conviene ad una leggenda eroica: si narra infatti del sacrificio di un guerriero nel corso di un crudele rito, deciso da lui stesso per giungere alla gloria delle stelle.

___________________


Un altro balzo, quasi stridente, nella contemporaneità più shockante di Enzo Moschetta, che in New Pop si compiace di visioni sconvolgenti nella loro assoluta amoralità. Lo stile è quello consueto del dialogo martellante, questa volta tra un DJ di una radio alternativa e un padre affamato di droga, che racconta il rito della sua iniziazione. Tutto è in bilico nell'illusione però: "niente di quello che vi è stato raccontato è vero".

___________________


Mai grido è stato più appropriato, in questi giorni carichi d'ansia: Perché mai? si chiede Marco Saya, alla sua prima prova per Kult, in una lirica intensa, bellissima nell'armonia calibrata dei versi, che disegnano con perfezione suggestiva immagini desolate, lontanissime tra loro eppure intimamente legate: un vecchio grammofono, le crepe di un soffitto, il tempo che abbraccia la morte, l'inutilità che pervade la vita, l'amore.

___________________


Un altro nome nuovo, ed ugualmente molto interessante, è quello di Marco Marengo, che propone un breve e divertente "omaggio" a grande beat Bukovski, e insieme un'originalissima riflessione della condanna che porta la fama letteraria: quella di rivivere in eterno le proprie opere, di restare imprigionati nei propri personaggi. Uno spunto arguto e suggestivo, ma il messaggio di A cena con Bukovski è probabilmente molto più profondo di quello che appare a prima vista: forse si riesce ad essere persone complete solo se non si splende nel lavoro e nella fama.

___________________


Conclude in bellezza questo variegato numero di SUSSURRI l'ultima - purtroppo - lirica della raccolta di Biagio Salmeri L'esatta cubatura del vuoto. Poesie bellissime e lapidarie, che ci tengono compagnia ormai da vari mesi, e da cui è difficile staccarsi. Difficile restare indifferenti di fronte alla similitudine dell'animo come una molla in tensione, strattonata da Dio e dalla vita: sono pochi versi, contraddistinti dall'alito indefinibile della vera poesia.

___________________


Il tempo a mia disposizione è finito, ma prima di chiudere vorrei segnalare un autore da seguire, Enrico Pietrangeli, che ha appena pubblicato la raccolta di poesie D'amore, di morte presso l'editore Teseo.
Nel prossimo numero troverete una selezione dei suoi brani, ma vi invito fin d'ora chi fosse interessato a fare un salto in libreria per conoscere da vicino una voce originale, diretta, immediata nell'espressione e nella pulizia del verso.
Non mi resta ora che salutarvi e augurarvi, come al solito, buona lettura!

Lorenza Ceriati
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 170 millisecondi