:: Home » Numeri » #170 » CINEMA » The Informant
2009
27
Set

The Informant

media 2.99 dopo 171 voti
Commenti () - Page hits: 7250
 
 
Una mente pericolosa, capace di dividersi, di pensare una cosa e farne un'altra. La narrazione procede su un doppio binario, quello delle azioni e quello dei pensieri di Mark Whitacre. La voce della sua mente parla per aneddoti, punti di vista capovolti, insolite considerazioni, parziali verità.
Le truffe che Mark Whitacre porta avanti, di nascosto da tutti, creandosi una doppia vita da informatore del FBI, sono velate da un candore che trasforma le sue frodi in  invenzione esistenziale, capacità di ridefinire se stessi e la propria vita. Whitacre cita molte volte i romanzi di Grisham e vede al cinema Il socio con Tom Cruise, quasi anche lui si sentisse il personaggio di un film o di un romanzo. In questa capacità di riscrivere la vita, di usare la bugia come spunto narrativo (i genitori morti, i milioni di dollari rubati) si manifestano tutte le meraviglie di ogni racconto, in cui lo scrittore può abbandonare la sua identità per entrare in quella (fittizia o reale) di chiunque altro. Mark Whitacre adotta le tecniche del romanziere per vivere, se questo poi sia un disturbo bipolare del suo cervello o una smodata fantasia non ci è dato di saperlo.
Intorno a lui, poi, i veri crimini Quelli portati avanti dalle multinazionali. In cui menzogna, inganno, profitto e speculazione sono parole all'ordine del giorno. Organizzazioni che costruiscono la loro gerarchia sul possesso del denaro, sull'accumulo di beni, sulla corruzione come pratica aziendale.
Soderbergh sfruttando a pieno le potenzialità narrative offerte dalla sceneggiatura e dal suo protagonista sviluppa un racconto che procede sempre per svolte imprevedibili come sono le rivelazioni di Mark Whitacre. E si dimostra ancora una volta un regista eclittico, capace di attraversare generi e storie diverse. Capace di costruire una convincente opera sul Che come una pellicola che con la sua apparente leggerezza smaschera molti dei mali della società in cui siamo costretti a vivere.

Trailer su YouTube
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 125 millisecondi