KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Bagaglio culturale e bagaglio digitale

3 min read

 
Il mondo sempre più veloce e sempre più in comunicazione può avere degli svantaggi. Circondata dagli amici nuovi utenti di Iphone mi sento in netto svantaggio. Ebbene si lo confesso, viaggio tantissimo, spesso alla ricerca delle combinazioni più economiche, ma ogni volta che tento di tenermi in contatto virtuale con il mondo durante i miei spostamenti entro in crisi. Non ho un Iphone né un telefono con connessione alla rete e detesto portare con me il portatile negli spostamenti. Pesa, è ingombrante e attira i male intenzionati… Che io passeggi in Regione, Nazione, Continente o anche solo mi sposti da un ufficio all’altro ho sempre bisogno di alcune cose, accesso costante alla posta elettronica, alla piattaforma di messaggistica istantanea e soprattutto ad una serie quasi infinita di documenti sia per lavoro che per esigenze familiari. Controllo i miei file dall’ufficio, da casa, da casa di amici, da internet point e più o meno da ogni-dove ma spesso il problema è: se scarico la posta sul mio Thunderbird a casa, poi ne ho bisogno in un altro luogo e non posso più accedervi, se non la scarico, la mia casella server si riempie in pochi giorni di dati e diventa difficile da gestire online, oltre che pesantissima e causa del grosso traffico. Se imposto i miei fogli di testo secondo alcune modalità (lingue, font predefinito, ecc…) poi ogni volta che cambio computer devo reimpostare il tutto e vi assicuro che per il mio genere di lavoro questo può far perdere molte ore di lavoro. Per quelli come me che sembra vivano in perenne movimento, l’alternativa diventa una sorta di “se Maometto non va alla montagna…” e cioè portare gli strumenti sempre con me e finalmente ho scoperto come: ecco a voi le applicazioni portatili. Esiste un sito http://portableapps.com/ da cui è possibile scaricare applicazioni gratuite portabili, ovvero: scarico il mio gestore di posta elettronica, ad esempio Thunderbird, lo salvo sulla mia pennetta USB, quella piccola chiavetta grande come un biscotto e facile da portare con se, e la configuro con i miei dati e con le impostazioni che più mi aggradano. Quando voglio controllare la posta quindi, al posto di accedervi online o scaricare sul computer, connetto la chiavetta USB al terminale (dell’ufficio, poi di casa, in viaggio, ecc) e vi accedo tramite porta USB scaricando, allo stesso tempo, tutti i dati sul supporto mobile… risolto il problema in un attimo, ho ancora tutte le mie impostazioni, ma posso accedervi ovunque e avere tutto sempre con me, sia da casa che dagli uffici, e persino in un internet point purché mi ricordi di portare con me una piccola pennetta. Questa gioia non si limita solo alla posta elettronica; strumenti di testo, calendari, browser, persino messaggistica istantanea e chat, il sito ospita un po’ di tutto… totalmente gratis, una risposta per ogni esigenza pur di offrire un vero servizio per l’utente. Non siamo quindi più obbligati a viaggiare con mille apparecchi e pagare abbonamenti di ogni genere per essere sempre connessi arrabattandoci tra una cosa e l’altra, basta spendere qualche euro per una buona penna USB di dimensioni adeguate al nostro traffico di informazioni e caricarvi su tutto ciò che riteniamo utile, trovare una buona tasca in cui custodire il tutto, e correre in agenzia a ritirare il nostro biglietto… e soprattutto, niente più mal di schiena e tutto veramente a portata di click.

Commenta

Nel caso ti siano sfuggiti

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.