:: Home » Numeri » #163 » LETTERATURA » Perché il mondo arabo non è libero - Moustapha Safouan
2009
9
Feb

Perché il mondo arabo non è libero - Moustapha Safouan

media 2.34 dopo 312 voti
Commenti () - Page hits: 5750
Politica della scrittura e terrorismo religioso
Spirali (Milano, 2008), pag. 196, euro 30.00

Safouan è uno psicanalista di formazione lacaniana, egiziano ma da anni residente in Francia, e con il suo ultimo saggio pubblicato in Italia continua a ricercare elementi di disturbo nella normalità araba. Con Perché il mondo arabo non è libero, lo scrittore M. Safouan spiega le ragioni per le quali si dovrebbe usare in quelle terre il vernacolo e togliere all'islam il pesante fardello del potere temporale. Con quest'opera, l'autore ripropone all'attenzione dell'Occidente lo stato attuale della cultura nei paesi arabi o di matrice araba. L'analisi dettagliata e in parte ideologica di Safouan entra in tanti settori' della vita araba, con particolare attenzione alla realtà egiziana, toccando senza mezzi termini le dimensioni e ogni dimensione del potere. Passando tante volte attraverso le vie della religione. Ripresentando anche figure politiche e di intellettuali che a diverso titolo e in virtù di originali vicissitudini hanno segnato e segnano il presente. Moustapha Safouan, comunque, in ogni sua affermazione lascia trasparire la forte matrice ormai occidentale che possiede. E il suo rispetto, quando non "reverenza" per la cultura e/o la tradizione europea in particolare. Il saggio è pregno di una serie impressionante di spunti. Il libro si conferma quale opera importante quanto meno per una seria discussione e una più attenta riflessione sulle idee fondamentali che reggono o dovrebbero ugualmente reggere ogni Stato. Safouan conferma le sue forti critiche alla gestione della vita politica nei paesi arabi. Per molto meno si è arrivati alla cacciata. Ma l'intellettuale ha lasciato anni or sono la propria terra. Nei pochi passi in un certo senso nostalgici e più sentimentali, lo scrittore si rammarica però di non aver potuto comprendere a fondo il suo popolo fatto di coloro che da sempre hanno contatto diretto con la terra quasi nuda, ovvero è dispiaciuto per non aver appreso l'essenza della parte più importante di quelle terre. Perché il mondo arabo non è libero sa di pamphlet. Ha l'odore ad ogni modo della denuncia.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 1191 millisecondi