KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Intervista con Olamot

4 min read

“Realms” è il titolo di un e.p. di Olamot, progetto metal da Perugia, pubblicato dalla label Lethal Scissor Records.

Tracklist: Bodily Destruction / Second Death / Disciples of the Mysteries / God’s Wrath.

Brani composti da Daniele Boccali.

https://www.lethalscissor.com/

https://lethalscissor.bandcamp.chttps://www.metal-archives.com/albums/Olamot/Realms/1042371om/album/realms

Bodily Destruction (Official lyric video)

https://www.youtube.com/watch?v=w5RSv3sNAtk

Intervista

Davide

Ciao Daniele. “Olamot”, un nome che rievoca una qualche creatura maligna, forse immaginaria? Chi o cos’è Olamot?

Olamot

Ciao Olamot sono le categorie complete dei regni spirituali della cabala ebraica, i “cinque mondi”.

Davide

Chi sono invece gli Olamot, quando e come si formano e cosa ha preceduto questo extended play, qual è la storia degli Olamot? Oppure Olamot sono solo Daniele Boccali e il suo progetto, aperto a svariati musicisti?

Olamot / Daniele Boccali

Gli Olamot attualmente sono io Daniele Boccali ed Edoardo Casini e stiamo crecando altri componenti per poterci eseibire live, per il disco Realms ho chiamato vari session men. Ho pensato a questo progetto nel 2022 con le prime note della chitarra classica accordata in drop si bemolle in sala a casa di mio padre 🙂

Davide

Ci introduci agli altri musicisti e vocalist che hanno preso parte nella realizzazione di “Realms”?

Francesco Ferrini si è occupato delle orchestrazioni, Alessandro Travetti ha scritto e registrato le parti di basso, Daniele Buzzanca ha cantato in (Bodily Destruction & Second Death), Alec Lopez in (Disciple of Mysteries) Jei Doublerice in (God’s Wrath), Leonardo Bellavista ha fatto un assolo in God’s wrath, Edoardo si è occupato di tutti i testi e degli assoli, Francesco Paoli ha scritto le batterie e le batterie sono state registrate da Alessandro Cupici. Io mi sono occupato della composizione e registrazione delle chitarre ritmiche.

Davide

Qual è la tua formazione musicale? Quali sono state le tue altre precedenti esperienze?

Olamot

La formazione attuale stabile comprende me ed Edoardo Casini, in passato ho suonato con i Disequilibrium ed i Taken from the nest come chitarrista.

Davide

Quali ascolti sono stati fondamentali nello sviluppo dei tuoi gusti musicali e nella crescita di Olamot?

Olamot

Io ascolto prevalentemente musica classica molte ore al giorno, stiamo crescendo, componendo nuovo materiale e studiando più strumenti musicali.

Davide

Quali chitarristi sono stati i più importanti per te?

Olamot

Diciamo che dal mio punto di vista ogni chitarrista è importante, come lo sono gli altri musicisti.

Davide

I testi sono in inglese e sono cantati con il profondo ruggito del growl: cosa descrivono? A quali “regni” ti riferivi nel titolo?

Olamot

Ha rappresentato l’abisso della disperazione più totale. Nell’abisso si dice ci siano delle stelle e delle emanazioni superiori che conducono a regni divini di estrema bellezza. I testi sono stati scritti da Edoardo Casini.

Davide

Per anni svariati ricercatori hanno cercato di dimostrare l’associazione della musica metal, specialmente quella più cupa, al disagio giovanile. Andando a fondo con le ricerche però sono arrivati a riconsiderare l’opinione negativa riguardo la musica metal e gli studi successivi hanno iniziato a riabilitare il genere musicale agli occhi della società, sconfermando tutti i luoghi comuni e gli stereotipi su chi ama questo genere musicale. Cos’è per te la musica metal, che cosa per te rappresenta il metal oltre la musica?

Olamot

Il metal per me attualmente rappresenta un processo di creazione sublime verso gli apici più perfetti della creazione ed oltre la creazione; dal mio punto di vista è esattamente il viaggio verso la conoscenza di Dio.

Davide

Cosa seguirà?

Olamot

Stiamo concludendo le registrazione del nuovo album che si intitolerà “Path of Divinity”.

Grazie per l’intervista un saluto da Perugia.

Davide

Grazie e à suivre…

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.