:: Home » Numeri » #143 » CINEMA » Come l'ombra
2007
26
Giu

Come l'ombra

media 2.98 dopo 755 voti
Commenti () - Page hits: 5500

 

 

In una Milano svuotata e irriconoscibile si trascina l'esistenza di Claudia. Una donna che sembra vivere sotto vuoto, incapace di esprimere i propri sentimenti, a distanza di sicurezza da qualsiasi cosa.

Una donna aggrappata alla sua quotidianità, al lavoro (un'agenzia di viaggi), ai pochi amici (dovrebbe raggiungerli per una vacanza in Grecia), agli incontri con la sorella e la madre (che le prepara sempre il polpettone). Claudia segue un corso di russo. Gli capita di iniziare a frequentarsi con il suo nuovo professore.

 La regista lavora sui silenzi, sulle attese. A volte riprende Claudia come se fossi in un acquario, da dietro una vetrina, con il sonoro attutito. La guarda nel suo mondo chiuso, la contempla nella sua solitudine. E la Milano mostrata diventa espressione di tutto questo, i palazzi, i cartelloni, le strade vuote. Le immagini parlano di quello stato d'animo che la stessa Claudia sembra incapace di confessare a se stessa. I luoghi si trasformano, non sono più semplice architettura, ma suggeriscono delle emozioni, sussurrano il disagio e l'isolamento, il corpo della città rimanda il proprio malessere al posto di quello dei personaggi che invece sembra essere assente, proprio come un'ombra.

 Boris, il maestro di russo di Claudia, chiede alla donna se può ospitare una sua cugina per qualche giorno. Claudia, da prima incerta, si lascia convincere e riceve così in casa la cugina di Boris. Tra lei e Claudia nasce piano piano qualcosa, un gioco di emozioni e complicità, tutto molto rarefatto, nascosto, espresso in maniera quasi impercettibile. Olga vaga per Milano, nei negozi dei cinesi, tra i suoi connazionali. Marina Spada, nel mostrare la vita degli immigrati, dei loro luoghi d'incontro, delle loro piccole comunità, sceglie uno stile ai limiti del documentarismo, che coglie anche in questo caso una MIlano inedita e globalizzata, non dalle sfilate e dall'alta moda, ma da tutta un'umanità in movimento verso il sogno di una vita migliore.

 Poi un evento improvviso rompe questo strano equilibrio che si era venuto a formare tra le due donne. Claudia sembra prendere finalmente una decisione, infrange la sua passività e cerca un cambiamento nella propria esistenza.

Come l'ombra è un film che cerca veramente di esprimere qualcosa, un disagio, un vuoto interiore. E lo riesce a fare prima di tutto con le immagini, con poche battute, riducendo i dialoghi allo stretto necessario. E proprio in questa scelta si percepisce un approccio diverso nei confronti del cinema, soprattutto del nostro cinema recente. Si ritrovano quelle atmosfere rarefatte tanto care ad Antonioni (citato dalla stessa regista come uno dei suoi autori più amati), si toglie ad una città come Milano ogni elemento di facile riconoscibilità, si lavora sulla colonna sonora come elemento espressivo e non solo come semplice amplificatore emotivo. Marina Spada si concentra sui sottotesti, su quello che rimane fuori campo, su tutto quanto non viene detto ma solo suggerito, accennato, lasciato alla comprensione dello spettatore.

 Questo film è un'opera coraggiosa (la stessa regista ha fatto un mutuo per realizzarlo), personale, lontana dalle semplici soluzioni a cui ci siamo abituati, che tratteggia il malessere femminile in maniera precisa e consapevole, fuggendo dalle semplici soluzioni.

 Molto belli i versi finali, di Anna Achamatova, recitati da Olga a Claudia, che danno il senso e la giusta profondità di tutto il lavoro svolto da Marina Spada.

 

Come vuole l'ombra staccarsi dal corpo

Come vuole la carne separarsi dall'anima

Così adesso io voglio essere scordata.


Trailer su YouTube.com

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 158 millisecondi