:: Home » Numeri » #139 » LETTERATURA » I Rabinovitch - Philippe Blasband
2007
14
Feb

I Rabinovitch - Philippe Blasband

media 3.14 dopo 1104 voti
Commenti () - Page hits: 5500

 

Avete presente il sottile fascino che emanano le vecchie foto,  soprattutto i ritratti di famiglia? Osserviamo quei volti ingialliti, quasi cancellati dal tempo, quegli sguardi ancora carichi di avvenire, appartenuti a persone ormai morte,  che non conosceremo mai; e cerchiamo di carpire le loro vite, i pensieri, le passioni che li hanno animati.

In "I Rabinovitch" quattro generazioni di ebrei ci osservano dalle pagine consumate di un album di famiglia, ognuno sussurrando o gridando la propria storia; li vediamo fuggire da un villaggio polacco in seguito a un "pogrom", raggrupparsi a Bruxelles, attraversare la guerra, morire ad Auschwitz, vivere in un kibbutz, avere figli, tradire, amare, chiedere amore, impazzire.

Diari di ebrei, dunque; ma Philippe Blasband non ha voluto scrivere un libro sull'Olocausto, sulla tragedia di un popolo, anche se i racconti sono pervasi dall'amara disillusione, dalla consapevolezza della diversità, della complessità intellettuale ebraica – che deriva anche dall'odio e dalla sofferenza.

Lo sterminio, le atrocità del nazismo restano sullo sfondo, entrando di prepotenza solo nelle vite spezzate di Rifkele (Rebecca) e del fratello Ariè: l'una morta nei campi, l'altro ucciso nell'anima da un oscuro segreto che non riesce nemmeno a ricordare.

"I Rabinovitch" è soprattutto un grande, inquietante affresco in cui la verità si frantuma in mille specchi, si scompone in molteplici punti di vista (ricordate il bellissimo "Rashomon" di Kurosawa?), fugge e si dissolve ai nostri disperati tentativi di afferrarla.

A quale dei personaggi- beffardi, ansiosi, tristi, affascinanti, passionali, folli, ironici – dobbiamo credere? Alla bellissima Sarah, che gli uomini non riescono ad amare? All'ambiguo Ariè, che si dipinge come eroe? Alle sue figlie, una internata in manicomio? Al capostipite Zalman, che dissipò la sua saggezza nelle bettole e tra le puttane? Alla moglie Lea, incinta misteriosamente del quarto figlio senza aver più rivisto il marito? Al riflessivo Elie, al freddo Nathan? Nessuno può dirlo, e forse non è davvero importante. Nella vita nessuno si svela, ogni cuore è un grumo di mistero impossibile da penetrare.

Eppure ci rimane l'impressione, dopo aver divorato le storie dei Rabinovitch, di far parte di loro, di esserci seduti alla loro tavola, di aver peregrinato con loro attraverso l'Europa, di aver sofferto, amato, odiato con loro, come se la nostra vita fosse intanto sospesa.

 

"I Rabinovitch" di Philippe Blasband, pg.199, €13, Edizioni Clandestine, Marina di Massa 2006, traduzione di Francesca Maria Cerutti.

www.edizioniclandestine.it

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Lorenza Ceriati
Sono nata a Piacenza il 16 agosto 1974; dopo la laurea in Lettere Moderne, indirizzo storico, alla Statale di Milano, mi sono trasferita a Modena, dove da sei anni insegno (da precaria, ovviamente, ma resta un lavoro bellissimo) italiano e storia nelle scuole superiori, soprattutto professionali. Ho redatto diversi manuali per la casa editrice ''Sigem'' e curato la rubrica ''Sussurri'' per KULT Underground; oggi collaboro con la rivista ''Comunica''. Sono sposata da quasi tre anni e finalmente ho realizzato il mio obiettivo più importante: mettere in cantiere un bimbo, che nascerà a giugno 2007.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 152 millisecondi