:: Home » Numeri » #135 » LETTERATURA » Nel Paese delle Ragazze Suicide - Angela Buccella ed Eliselle
2006
2
Ott

Nel Paese delle Ragazze Suicide - Angela Buccella ed Eliselle

media 3.02 dopo 1281 voti
Commenti () - Page hits: 8100

Un romanzo breve di due  giovani scrittrici coraggiose, romanzo di sicuro anche se all'apparenza sembrano racconti, ogni racconto è un capitolo di questo paese macabro e reale che emerge. Ogni racconto è un modo di starci che passa attraverso il corpo di una donna... Nel loro narrare sono mischiate influenze della scrittura digitale, frammenti di panorami metropolitani ma, soprattutto, c'è  attenzione. Flash. Punte acuminate che incidono storie da marciapiede. Una telecamera sempre accesa che sa guardare nei luoghi scuri dove si possono trovare tachicardia, paura, fame e amori a buon mercato. Un libriccino che attirerà lettrici e lettori giovani che potranno riconoscersi, ritrovare il loro mondo, sentirne l'odore, il sapore, intuirne le tentazioni e coglierne le devastazioni. Eliselle e Angela  lavorano a quattro mani ma non si percepiscono le distonie stilistiche e i ritmi inceppati facilmente in agguato in questi casi. Intersecano con sapienza  le loro voci, le mischiano in un caleidoscopio. Il titolo è perfetto. Non c'è festa, non ci sono colori allegri. Più che altro il fondo dell'oceano, l'aria che manca, il corpo che si vende, le merci che ci seppelliscono. Questo nostro tempo che catturano con la loro telecamera d'autrici, coi loro sensi in allerta è un tempo di cadute. C'è il buio, ci sono le scale che portano alle cantine maleodoranti delle giornate di tante donne. Sono donne infatti, le protagoniste. Si tratta di storie declinate al femminile Donne fuori di testa, sopravvissute, donne in bilico, abbaglianti nella loro capacità di cavarsela in ogni modo. Le fanno esistere per noi, sono brave e capaci nel dosare i toni in un abile montaggio di purezza e pornografia. Sanno cantare il nostro tempo fra indicativi presenti e sensazioni forti. Si legge in un attimo. E' un  libro che racconta il consumarsi prima d'invecchiare, il vendersi a prezzo basso, l'avidità e la malinconia di certe menzogne che si dicono, che ci diciamo. Ambienti notturni e ipnotici con qualche puntata nel mondo delle fiabe. Dove c'è il Bianconiglio. Dove: "il buio rende complici" e ci sono "neon che fanno danzare il cervello" ma anche la "voglia di dimenticare la vita." Grondano dolore queste pagine, il ritmo amaro di certi momenti neri.  Nessun bagliore, neanche quello dell'insegna di un night, di certo già spenta. Con un linguaggio cangiante,  Eliselle e Angela Buccella ci parlano delle nostre maschere quotidiane, del sentirci burattini o bambole in affitto. Masticano il nostro tempo. Lavorano con le parole impastandole, sfilacciandole. Esplorano come amazzoni vite fallite, sconfitte e piegate. Ci sono immagini così nitide, talmente incendiarie da richiamare all'istante influenze cinematografiche o suggestioni dai migliori manga giapponesi. Un piccolo volume attraente e aspro come la notte. Da leggere per provare inusuali passioni e per avere un assaggio potente delle strade che sta percorrendo la scrittura influenzata da web, lap dance, merci, blog ed sms. Questi "lemming" della Coniglio editore  sono piccoli volumi con una bussola molto precisa che sta nel presente e che questo presente vuole comporre in un puzzle senza fine del quale ognuno dei libri costituisce un tassello. Nel paese delle ragazza suicide è il lavoro di due giovani donne, scrittrici e artiste, che si mettono all'opera in diversi campi e ambiscono a una totalità, a una completezza. Ci si domanda se sia possibile, fra queste frontiere da vertigine, una volta finita la lettura 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Francesca Mazzucato
Francesca Mazzucato vive fra Bologna e la Liguria. Laureata in lettere moderne, specializzata in biblioteconomia con un master al Parlamento Europeo, è scrittrice e traduttrice. Ha pubblicato tra gli altri: Hot Line (Einaudi 1996), Relazioni scandalosamente pure (Marsilio 1998, finalista al premio Fiesole e al premio Un libro per l'estate), Amore a Marsiglia (Marsilio 1999), Diario di una blogger (Marsilio 2003, finalista al premio Argentario Narrativa Donna), Storie illecite di perdizioni e diseredati (LietoColle 2003), La sottomissione di Ludovica (Borelli 2004), Enigma veneziano (Borelli 2004), L'Anarchiste (Aliberti 2005), Confessioni di una coppia scambista (Giraldi 2006), Train du reve (Giraldi 2006). Un suo racconto è contenuto nell'antologia Suicidi falliti per motivi ridicoli, Coniglio editore,2006. Ha scritto il saggio Louis Brauquier, (Kult Virtual Press 2006.) Ha vinto il premio fiuggi – erotismo e scrittura. È tradotta in Francia, Germania, Grecia e Spagna. Collabora a riviste letterarie e siti internet.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 208 millisecondi