KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Intervista con Joe Lally

21 min read
Comunicato stampa
 
Joe Lally, membro fondatore dei Fugazi,  si ètrasferito a Roma con la prospettiva di suonare in Italia ed in Europa. Lallyha iniziato a scrivere la sua musica; subito dopo i Fugazi hanno deciso diprendersi una lunga pausa. Senza preoccuparsi di mettere su una band,inizialmente ha iniziato a suonare cercando di provvedere una base per altrimusicisti liberi di aggiungere la propria creatività alla stessa. Nel 2003Lally si traferisce a Los Angeles dove nasce una collaborazione con JohnFrusciante (Ataxia) e nel 2004 esce il loro primo cd, Automatic Writing (RecordCollection) che vede anche la collaborazione di Josh Klinhoffer alla batteria(Beck, P.J. Harvey, Gnarls Barkley, Sparks). Nel 2005 ritorna a Washington, DCe inizia a girare per  pubs e gallerie d’arte cantando e suonando ilbasso. Nel 2006 continua a fare concerti accompagnato solo da percussionisti.Prima Jason Kourkounis (Delta 72, Hot Snakes, Bardo Pond) poi Justin Moyer (Antelope,Super System). Nel 2006 esce il suo primo cd da solista, There to Here(Dischord). Imusicisti che suonano con Lally sono Ian MacKaye e Guy Picciotto (Fugazi) AmyFarina (The Evens) Jerry Busher (part time Fugazi drummer, French Toast) EddieJanney (Rites of Spring) Scott Weinrich (The Obsessed, Spirit Caravan, HiddenHand) and Jason Kourkounis. Nei concerti negli Stati Uniti èaccompagnato dai gruppi Antelope e The Melvins suonando con alcuni componentidegli stessi, poi, per la prima volta, suona con Capillary Action dove tutti imembri del gruppo sono coinvolti nei concerti (batteria, chitarra, tastiere etrombone). Nel novembre del 2006 suona in Brasile con il percussionistaMauricio Takara (Sao Paolo Underground, Hurtmold) e il chitarrista FernandoCappi (Hurtmold). Nel 2007 Lally è stato accompagnato dal gruppo italiano Zu inGran Bretagna, Europa e Giappone. Il suo secondo album, Nothing is Underrated(Dischord), è  uscito a novembre 2007. I musicisti impegnati in questo progettoincludono Ricardo Lagomasino e Sam Krulewitch (Capillary Action) Ben Azzara(Delta 72, The Dusters) Ian MaKaye, Guy Picciotto e Eddie Janney. Nel giugno2007 esce il secondo lavoro degli Ataxia, AW II (Record Collection). Nel 2009Joe Lally  suona in Australia, negli Stati Uniti, in Giappone, inInghilterra e Irlanda. Il 2011 si apre con l’uscita del terzo cd, Why shouldI get used to it. L’album è stato registrato a Roma con Elisa Abela allachitarra ed Emanuele Tomasi alla batteria. Nel 2010 Fabio Chinca (Bruto Pop, AssaltiFrontali, Primati) prende il posto di Emanuele Tomasi alla batteria. Joe ha inprogramma una serie di tour in Italia, Europa, Stati Uniti, Giappone e Brasile.
 
Joe Lally played bass in Fugazi from theband’s inception in 1987 until their hiatus in 2003. When the members of Fugazidecided to take an indefinite break from recording and performing Joe beganworking on solo material and has continued to write and perform new material incollaboration with a wide vartiey of musicians and friends. Joe has released 2albums on Dischord Records, “There to Here” in 2006 and “Nothing is Underrated”in 2007, and has toured extensively in the USA, Europe, Brazil, Japan andbeyond. Joe’s albums and his tours have until recently featured a large cast ofcollaborators including his Fugazi mates, members of Cappilary Action, Zu,Melvins, and others. On Joe’s newest album, “Why Should I Get Used to It“he has settled on a more traditional line-up featuring his current touringmates, guitarist Elisa Abela and drummer Emanuele Tomasi. Thealbum was recorded in Rome, where Joe has lived for the last several years, andis being released on Dischord in conjunction with Joe’s imprint, TolottaRecords. Joe and his band will contine to tour in 2011, with dates inJapan, Europe, Brazil, and in the USA (with Alison Chesley of HelenMoney on cello and Ricardo Lagomasino of Many Arms on drums) alreadybooked, and more dates and territories to follow.
 
“WhyShould I Get Used to It” track-listing:
1.WHAT MAKES YOU
2.NOTHING TO LOSE
3.REVEALED IN FEVER
4.FORT CAMPBELL, KY
5.PHILOSOPHY FOR INSECTS
6.KEN-GAR
7.WHY SHOULD I GET USED TO IT
8.CORAL AND STARFISH
9.LET IT BURN
10.MINISTRY OF THE INTERIOR
11.LAST OF THE CIVILIZED

Elisa Abela, Fabio Chinca, Joe Lally (L toR)

Bio
 
JoeLally is best known as the bassist and a founding member of the band Fugazi.During the years that band has been on hiatus he has kept himself busyperforming and recording his own music. Before Lally’s solo music took shape, amove to Los Angeles led to a collaboration with long time Fugazi fan JohnFrusciante. In 2004 they released the first Ataxia record, Automatic Writing(Record Collection) along with drummer Josh Klinghoffer (Beck, P.J. Harvey,Gnarls Barkley, Sparks). A second Ataxia record was released in 2007 called AWll (Record Collection). In 2005 Lally returned to Washington, DC and beganperforming his own music in coffee houses and art galleries singing and playingbass. In 2006 Lally continued live performances accompanied by a percussionist,Jason Kourkounis (Delta 72, Hot Snakes, Bardo Pond). October 2006 saw therelease of his first solo record, There To Here (Dischord). Musiciansappearing with Lally included Ian MacKaye and Guy Picciotto of Fugazi, AmyFarina (The Evens), Jerry Busher (part time Fugazi drummer, French Toast),Eddie Janney (Rites of Spring), Scott Weinrich (The Obsessed, Spirit Caravan,Hidden Hand) and Jason Kourkounis. US tours followed with Antelope, TheMelvins, and for the first time with Capillary Action the whole band (drums,guitar, keyboard and trombone) backed up Lally for his set. Lally also touredBrasil in November 2006 teaming up with percussionist Mauricio Takara (SaoPaulo Underground, Hurtmold) and guitarist Fernando Cappi (Hurtmold) who broughta Samba flavor to the music.
Aftertouring Europe in 2007 with Italian band Zu, Lally recorded his second album, NothingIs Underrated aided by a number of friends; Guy Picciotto, Eddie Janney,Ricardo Lagomasino, Ben Azzara (Capitol City Dusters, DCIC), Devin Ocampo(Medications). On completion of that record Joe relocated to Rome and continuedtouring the US, Europe and Brazil with Andrea Moscianese (Mughen, Tiro Mancino)sitting in on guitar. After extensive touring in 2009 which covered Australia (backedby australian players Timothy and Jake Nicastri of Gallucci), 2 US tours,Japan, The UK and Ireland, the first half of 2010 was set aside to finishwriting and recording.
Lally’sfirst two solo records were almost experimental in design as he crafted songstructures from bass and vocal parts to provide a foundation which a variety ofother musicians could add to. Songs for the new record grew more naturally inthe
livesetting as Lally was joined more often than not by guitar player Elisa Abela ofCatania, Sicily and drummers Ricardo Lagomasino (Capillary Action, Many Arms)in the US and Emanuele Tomasi (Nohaybanda Trio) covering european dates. Abelaand Tomasi joined Lally in the studio for the new recording. There are plans totour Europe in the fall and to get back to the US to mix the new record whentime allows. Fabio Chinca (Brutopop, Assalti Frontali) will be joining Abelaand Lally as drummer on upcoming european dates.
 
Websites:
PressPages:
 
 
 
 
INTERVIEW
Davide
Gladto meet you Joe. Nine years ago the “indefinite hiatus” of Fugazi and thebeginning of many fine and interesting solo and side projects, like this lastone “Why should I get used to it”.  After the success in a worldwide famousband, a solo career can be something difficult?  What about yours and what doyou feel today when you are still associated to the name and the history ofFugazi?
 
Lieto di conoscerti, Joe. Nove anni fal’indefinita separazione dei Fugazi e l’inizio di molti interessanti e beiprogetti, con altri e da solo, come questo “Why should I get used to it“.Dopo il successo in una band famosa in tutto il mondo, una carriera solista puòessere qualcosa di molto difficile? Com’è stata la tua e come ti senti oggiquando vieni ancora associato al nome e alla storia dei Fugazi?
 
Joe
It’snice meeting you. The difficult thing about Fugazi going on break was that Ifound I still needed to play, record and tour. I had never even thought abouthow I would do those things on my own. It’s been good for me to learn formyself how to do what I want to with music. Fugazi never set out to be popular,so having a much, much smaller audience now doesn’t bother me. I just needenough people to come out so I can keep doing it. It means a lot to me to sharean evening with people in music.That’s my main goal. Being associated withFugazi is OK with me because I put a huge part of my life into that band.There’s no reason to separate myself from it.
 
Èun piacere incontrarti. La cosa difficile a proposito della pausadei Fugazi fu che mi trovai ancora nel bisogno di suonare, registrare e fareconcerti. Io non avevo mai nemmeno pensato di poter fare tutte queste cose perconto mio. È stato un bene per me imparare da me come fare quel che voglio conla musica. I Fugazi non sono mai partiti con l’idea di essere popolari, perciòavere un molto, molto piccolo pubblico non mi assilla. Ho solo bisogno di unpo’ di persone perché io possa continuare a farlo. Significa molto per me potercondividere musica per una sera con la gente. Questo è il mio principaleobiettivo. L’essere associato ai Fugazi è OK per me, dal momento che hoinvestito un’enorme parte della mia vita nella band. Non c’è ragione disepararmene.
 
Davide
Thisis your third solo album… What does it mean the term post-hardcore punk to younow? Was it and is it still a definition suitable to describe the music youmake?  What kind of approach to experimentalism is yours?
 
Questoè il tuo terzo disco solista… Cosa significa per te oggi iltermine post-hardcore punk? Era ed è ancora una definizione adatta a descriverela tua musica? Chetipo di approccio hai verso la sperimentazione?
 
Joe
Ibrought up the term recently to a friend who said his music was being pluggedas stoner rock against his will. I told him, it doesn’t matter much how peoplehave to write about you. I never considered myself in a post-punk band, Ithought it was a life-less term and still do. We just worked on music the waywe wanted to. I suppose no one would say I’m making experimental music, butagain it’s all terminology. I don’t take any of those terms to the table whenmaking music.
Forsure making music is a kind of experiment all the way through.
 
Ho riferito il termine di recente a unamico che mi ha detto la sua musica è stata collegata allo stoner rock controla sua volontà. Gli ho risposto che non ha molta importanza cosa abbia scrittola gente di lui. Io non mi sono mai considerato in una band post-punk, pensavoche fosse un termine non vitale e ancora lo penso. Noi abbiamo soltanto fatto musica nel modo in cui la volevamo fare. Suppongo che nessuno possa dire che iofaccia sperimentazione, ma ancora è tutta terminologia. Non userei nessuno deidue termini a tavolino quando faccio musica. Ma di certo fare musica è una sortadi esperimento comunque.
 
Davide
Fugaziwere noted for their DIY (Do It Yourself) ethical stance, manner of businesspractice and contempt towards the music industry… Today accessible electronicmeans, home recording, the web, the crisis of music industry and so on areeverywhere and independent self-production is the rule. Now a lot of music isDIY, maybe the larger part… but the meaning is quite different… What do youthink about it?
 
Elemento caratterizzante dei Fugazi eral’assoluto DIY (Do It Yourself), espresso in una totale indipendenza da ognicircuito commerciale e industriale… Oggi i mezzi elettronici facilmenteaccessibili, le registrazioni in casa, la rete, la crisi dell’industria deldisco e così via sono ovunque e l’autoproduzione indipendente è la regola. Oggimolta musica è DIY, forse la maggior parte… ma il significato è completamentediverso. Cosane pensi?
 
Joe
Likeyou said it’s become normal to work outside the industry. I think that’s goodperiod. Everything that has become an industry seems to collapse in on itselfand loses sight of its original goal. Eventually something new will be createdto get back to the original goal. As far as music goes, there are so many bandsthat it’s difficult for people to go out and see everything that’s going on.Maybe even getting it all into perspective historically is difficult. After theearly eighties it starts breaking into so many sub-divisions that many peopledon’t look very far back. It’s quite confusing to them I think. But I believesomething interesting will come of the big change that’s taken place. Music issomething people relate to in a specific way and it will always resurface in anew and exciting way that has a stronger affect on people.
 
Come hai detto tu, è diventato normalelavorare fuori dall’industria. Penso che oggi sia un buon periodo. Ogni cosache sia diventata una industria sembra crollare su se stessa e perde di vistail suo scopo originario. Forse qualcosa di nuovo oggi verrà creato per tornarealle origini. Per quanto vada la musica, ci sono così tanti gruppi che èdifficile che la gente possa uscire e andare a vedere tutto quello che stannofacendo. Forse perfino entrare all’interno di una prospettiva storica èdifficile. Dopo i primi anni Ottanta tutto è andato frantumandosi in così tantesottodivisioni che molti non riescono più a guardare molto lontano inretrospettiva. Penso sia una situazione molto confusa per loro. Tuttavia credoche arriverà qualcosa di interessante nel grande cambiamento che sta avendoluogo. Ci sarà sempre una significativa relazione tra musica e persone così chela musica tornerà sempre in modo nuovo ed eccitante ad avere una forteinfluenza.
 
Davide
Whichbass players have influenced your style the most? Who is or was the betterbassist according to you?
 
Quali bassisti hanno maggiormenteinfluenzato il tuo stile? Chi è o chi fu il miglior bassista secondo te?
 
Joe
I’vealways thought more about guitarists and maybe I’m playing to them or it’sguitar riffs that I am imagining on bass. Jimmy Page, Hendrix, Scott Weinrich.Larry Graham’s playing in Sly and the Family Stone was something I lstened towhen I was 11 or 12 years old, which was long before I picked up the bass. Inever think of someone as being better than someone else, the difference is whatmakes them beautiful. The music a band is making calls for a particular kind ofbass playing so it usually starts from there for me. I rarely like the bassistin a band I can’t stand. Billy Cox, Carol Kay, Peter Hook, Jah Wobble,McCartney (actually I just found out Lennon is playing on Helter Skelter and Ilove that kind of playing because it’s not typical), Aston Barret, Rick Denko,Christina Billotte… just to name some. I like them for the same reason I likepeople who play other instruments. It’s how they add to the overall picture ofthe song.
 
Ho sempre pensato più ai chitarristi eforse suono più per loro o sono i loro riff di chitarra che io immagino albasso. Jimmy Page, Hendrix, Scott Weinrich. Ascoltavo Larry Graham negli Slyand Family Stone all’età di 11 o 12 anni, il che avvenne molto prima che iopizzicassi un basso. Non ho mai pensato a qualcuno come al migliore, perché èla differenza ciò che li rende bellissimi. La musica che fa una band richiamaun particolare tipo di basso, perciò tutto per me inizia da lì. Di rado unbassista mi piace all’interno di una band che non sopporto. Billy Cox, CoralKay, Peter Hook, Jah Wobble, McCartney (attualmente ho scoperto che Lennonsuonava il basso in Helter Skelter e amo quel modo di suonare perché atipico),Aston Barret, Rick Denko, Cristina Billotte… Giusto per nominarne un po’. Mipiacciono per la stessa ragione per cui mi piacciono coloro che suonano altristrumenti. Ècome contribuiscono nel quadro complessivo della canzone.
 
Davide
Beingessentially a rhythm instrument, what is your approach or method to songwritingas a bass guitar player? Do you also use other musical  instruments?
 
Trattandosi di uno strumento musicaleritmico, qual è il tuo approccio o metodo alla composizione come bassista? Usi anche altristrumenti?
 
Joe
Well,I never play a bass line without hearing the drums playing along with it. Ihave a fantastic drummer in my mind. He does whatever I tell him! Even if itdoesn’t make sense. Songs are more often built from the bass line first.Sometimes the vocal melody is there first. I play drums and a little guitar andtrumpet. I use the piano to work through thoughts sometimes, but I can’t playit.
 
Beh, non suono mai una linea di basso senzaascoltare una batteria che vi suoni insieme. Ho un fantastico batterista nellamia mente. Fa qualunque cosa io gli dica. Anche se non ha senso. Le canzonisono spesso costruite a cominciare da una linea di basso. A volte è invece lalinea melodica della voce. Suono anche la batteria, un po’ di chitarra e ditromba. Uso il piano qualche volta per avere delle idee, ma non lo so suonare.
 
Davide
Whichis your main bass and why?
 
Qualè il tuo basso principale e perché?
 
Joe
My main bass is a fake Fender ’62 precisionstyle bass. I chose the types of wood, frets, and everything about it. I useflat wound strings on it so it’s played quite differently than one with roundwound strings, but with the right amp it has a lot of versatility. If I were toget on stage with Fugazi again I would use that instead of the Musicman. On mysolo records I often used a Hofner. I also record with a Jerry Jones NeptuneLonghorn bass. He worked for Dan Electro and developed his own version of it.It is great with effects and I use it to replace guitar a lot when writing.
 
Il mio basso principale è una imitazionenello stile del Fender precision del ’62. L’ho scelto per quel tipo di legno,per i tasti e per ogni altro suo particolare. Su di esso uso corde flatwound,piatte, che suonano in modo completamente diverso da quelle rotonde, ma con ilgiusto amplificatore è molto versatile. Se dovessi tornare sul palco con iFugazi userei quello invece del Musicman. Nei miei dischi solisti uso soventeun Hofner. Registro anche con un basso Jerry Jones Neptune Longhorn. Ha lavoratoper la Dan Electro e ne ha sviluppato una sua versione. È grandioso con glieffetti e lo uso per rimpiazzare la chitarra quando compongo.
 
Davide
SinceFugazi disbanded rumors began circulating regarding a possible reunion. What isyour contribution in the band now, after almost ten years of solo experienceand sogwriting on your own? What should be different now in case of reunion inyour approach and contribution to the band?
 
Fin da quando i Fugazi si sono sciolti vocisono iniziate a circolare su una possibile riunione. Qual è o quale sarebbe iltuo contributo nella band ora, dopo quasi dieci anni di esperienza e discrittura musicale come solista? Cosa sarebbe differente adesso in caso diriunificazione nel tuo approccio e nel tuo contributo alla band?
 
Joe
Igot the first 20 shows of the Fugazi Live Series going, but other than that I’mnot sure what I contribute. I am one of the members who travels around theworld playing. I stay prepared to play with Ian, Guy and Brendan should they beready. Before we went on hiatus I gave myself completely as a member of theband and I would continue to do the same.
 
Ho contribuito alla realizzazione dei primi20 spettacoli della Fugazi Live Series (CD-r 2004/2005) , ma oltre a questo nonsono sicuro di cosa sia il mio contributo. Sono uno dei membri che viaggiasuonando per il mondo. Rimango pronto a suonare con Ian, Guy e Brendan nel casoche fossero pronti anche loro. Prima che andassimo in pausa io mi sono dedicatocompletamente alla band e voglio continuare a fare lo stesso.
 
Davide
Let’stalk about the cover… a naked woman and a mask… What kind of mask does she wearand why? Whatmeaning or impression do you intend to communicate?
 
Parliamo della copertina… una donna nuda e unamaschera… che tipo di maschera indossa e perché? Quale significato o impressioneintendi comunicare?
 
Joe
Thecover photo was taken by my wife who is a photographrer, Antonia Tricarico. Sheis doing a series protesting violence against women. To me, the image fit verywell with the title of the record. Between the title and the image theredoesn’t seem to be much left to explain. It’s a very powerful and beautifulimage to me.
 
La foto di copertina è stata scattata damia moglie, che è una fotografa, Antonia Tricarico. Lei sta facendo una seriedi fotografie di protesta contro la violenza alle donne. Per me, l’immagine siadatta benissimo al titolo del disco. Tra il titolo e l’immagine mi sembrarimanga poco da spiegare. È secondo me una immagine molto bella e potente.
 
Davide
Now you live in Rome. What do you think about Italy ingeneral and in this particular critical and political moment?
 
Oravivi a Roma. Cosa pensi dell’Italia in generale e in questo particolare momentocritico e politico?
 
Joe
I can’t claim to understand what’s going onhere politically, but like the rest of the world politics seem to be coveringup a small group of people trying to rob the masses before it all blows up intheir face. It’s at a different level in each country and it’s affect on thepopulation is different, but the pattern is the same.
Eventuallypeople will stop deluding themselves that the few in power are looking out foranyone’s interest but their own. Something new will start. Maybe smaller groupsgoverning themselves. Maybe war will be outlawed.
 
Non posso dichiarare di comprendere cosastia succedendo qui politicamente, ma come nel resto del mondo la politicasembra celare un piccolo gruppo di persone che sta cercando di depredare lemasse prima che tutto stia per ritorcersi contro. È a differenti livelli inogni paese e l’influenza  sulla  popolazione è differente, ma la trama è lastessa.
Forse la gente smetterà di illudersi che ipochi che hanno potere non stanno badando agli interessi della gente masoltanto ai propri. Qualcosa di nuovo comincerà. Forse piccoli gruppi che siautogoverneranno. Forsele guerre verrano messe al bando.
 
Davide
Whatdo you think of italian music? What and who do you like the most?
 
Cosa pensi della musica italiana? Cosa echi ti piace di più?
 
Joe
Ican’t say I know a lot aside from classic 60’s and 70’s groups. I did sometouring with Zu, and I know a few bands here in Rome, Nohaybanda Trio, VivaSanta Claus, Neo, but very few. I just don’t go out at night these days. I getup and take my daughter to school. It’s a different phase in life and likeother phases it will pass.
 
Non posso dire di sapere molto dei gruppiclassici degli anni ’60 e ’70. Ho fatto qualche tour con gli Zu, e conoscoalcune band qui a Roma, Nohaybanda Trio, Viva Santa Claus, Neo, ma poche. Nonesco molto la sera, al mattino devo svegliare mia figlia e accompagnarla ascuola. È una diversa fase della mia vita e come altre fasi passerà.
 
Davide
Nowyou play with an italian line up… Tell us about Elisa Abela and EmanueleTomasi…
 
Adesso suoni con una formazione italiana…Parlaci di Elisa Abela e di Emanuele Tomasi…
 
Joe
Imet Elisa 2 and 1/2 years ago while playing in Catania with her friends SachaTilotta (3 Second Kiss) and Giovanni Fiderio (Tapso, Mashrooms). I was lookingfor a guitarist at the time and she hadn’t played much live, mostly drums, butshe was clearly a natural improviser. I pushed her into it really. Emanuele wasrefered to me by Massimo from Zu. He lives in my neighborhood and is one of thebest drummers I’ve played with. He recorded the record with me but is too busyto practice as much as I need to or tour as much as I want to. We since foundFabio Chinca (Brutopop, Assalti Frontali) who has more time to practice.
 
Ho incontrato Elisa un anno e mezzo o dueanni fa mentre suonava a Catania con i suoi amici Sacha Tilotta (3 Second Kiss)e Giovanni Fiderio (Tapso, Mushrooms). Stavo cercando un chitarrista a queltempo e lei non aveva suonato molto dal vivo, soprattutto la batteria, ma erachiaramente una improvvisatrice istintiva, naturale. L’ho letteralmente spinta.Emanuele mi fu presentato da Massimo degli Zu. Abita nel mio vicinato ed è unodei migliori batteristi con cui io abbia mai suonato. Ha registrato il discocon me ma è troppo impegnato per poter suonare in tour come vorrei. Perciòabbiamo trovato Fabio Chinca (Brutpop, Assalti Frontali), che ha più tempo.
 
Davide
Livingin Europe, how are you influenced and how much by the european musical sceneand culture?
 
Vivendoin Europa, come e quanto sei influenzato dalla scena culturale e musicaleeuropea?
 
Joe
I don’t know exactly. Playing with Zuconvinced me I didn’t have any musical limitations to worry about and I shouldincorporate whatever I imagined. A band like that wasn’t quite as available tome in the US as here. Europe has always been more hospitable to the arts sothat has been a bonus.
 
Non so esattamente. Suonare con gli Zu miha convinto che non ho limitazioni musicali di cui dovermi preoccupare e cheposso incorporare qualunque cosa io mi immagini. Una band come questa non ècosì disponibile per me negli USA come qui. L’Europa è sempre stata piùospitale verso le arti così che questo è un vantaggio.
 
Davide
TheIMF publications foresee that in 2016 the GDP of China will go beyond theamerican one and that it’s going to be the end of the american economicalsupremacy. What do you think of America in this moment? Which is the principlething you love of America, and which the one you hate?
 
Lepubblicazioni del Fondo Monetario Internazionale prevedono che nel 2016 il PILdella Cina sorpasserà quello americano e che arriverà la fine della supremaziaeconomica americana. Cosa pensi dell’America in questo momento? Qual è laprincipale cosa che ami dell’America, quale quella che più odi?
 
Joe
FirstI should make it clear that I don’t study political science.
Tome America is going to hell, for all the reasons I mentioned above. With somany countries following them as an example, lets hope something breaks soon sowe don’t bring anyone else down with us. It’s just another turning point inworld politics. It’s about facing reality. Why should some people have to beslaves? Every “modern society” is in some way in debt to a period of slavery. Idon’t think there’s anything civilized about that at all. There’s too much forme to try to talk about here, but I firmly believe that the problem is in thehuman mind. We don’t understand what we’re doing wrong because we’ve beenconditioned to be selfish and we reward each other for it.
 
Prima di tutto devo chiarire che io nonstudio scienze politiche. Per me l’America sta andando al diavolo, per tutte leragioni già menzionate prima. Con tutte le molte nazioni che ne seguonol’esempio, speriamo che qualcosa si interrompa al più presto così da nontrascinarci tutti dietro. È solo un altro momento di svolta nelle politiche delmondo. Riguarda il modo di affrontare la realtà. Perché alcune personedovrebbero essere schiave? Ogni “società moderna” è in qualche modo in debitoverso un periodo di schiavitù. Penso che non ci sia nulla di civile in tuttoquesto. C’è troppo secondo me da dire al riguardo, ma credo fermamente che ilproblema stia nella mente umana. Noi non  capiamo quel che stiamo facendoperché siamo stati condizionati ad essere egoisti e sulla base dell’egoismo ciricompensiamo gli uni con gli altri.
 
Davide
Inthese days there appeared a terrible iron inscription in the suburbs of Rome,in Pigneto…  “Work will make you free”, is inscribed and it is exactly alike,in materials and characters, to the Arbeit macht frei of Auschwitz… Howdo you feel when you read news like that?
 
In questi giorni è apparsa una terribilescritta in ferro nella periferia di Roma, a Pigneto… “Il lavoro vi renderàliberi”, è inscritto proprio come, nel materiale e nei caratteri, l’ArbeitMacht Frei di Auschwitz… Cosa provi quando leggi notizie come queste?
 
Joe
I believe the people in Pigneto were making a statementabout society today.
Maybethey were suggesting that to run a country as if it was a big corporation holdsits citizens in another form of slavery. They probably agree with the thingsstated above. It was a strong way to make a statement but that’s how you getpeople to notice what you want to say. Of course the city thought it lookedunpleasant and had it taken away.
 
Credo che la persone di Pigneto abbianovoluto fare un’affermazione sulla società odierna. Forse volevano suggerire cheguidare un paese come se fosse una grande società di capitali porta i cittadinia un’altra forma di schiavitù. Probabilmente loro sono d’accordo con quantoasserito. È stata una dichiarazione forte, ma a volte questo è il solo modo chehai di farti notar quando vuoi dire qualcosa. Naturalmente la città ha pensatoche fosse spiacevole ed è stata rimossa.
 
Davide
Wordsexist because of meaning.  Once you’ve got the meaning, you can forget thewords… Said Chuang Tzu. What is writing and singing lyrics to you?
 
Leparole esistono per il loro significato. Una volta che hai capito ilsignificato, puoi dimenticare le parole… disse Chuang Tzu. Cos’è scrivere paroleper te?
 
Joe
Writinglyrics for me is about connecting with people on a level they can understandand identify with as fellow humans. Singing is about losing the self to thecollective mind.
 
Scrivere parole per me è un modo diconnettersi con le persone a un livello che possano comprendere, peridentificarcisi umanamente. Cantare è perdere il Sé verso una mente collettiva.
 
Davide
A record label that still means a lot to you, Dischord…Whydid you cease your Tolotta records?
 
Un’etichettadiscografcia che ancora significa molto per te, la Dischord… Perché hai cessatol’attività della tua Tolotta records?
 
Joe
I was moving around a lot and I couldn’tcarry all the records with me. I gave them to the bands to sellthemselves.
 
Viaggiavomolto e non potevo portarmi dietro tutti i dischi. Li davo alle band perché seli vendessero loro.
 
Davide
Whatare you doing now and tomorrow?
 
Cosastai facendo ora e domani?
 
Joe
I’m with my family and I’m working onmusic.
 
Stocon la mia famiglia e lavoro con la musica.
 
Davide
Manis the only animal who enjoys the consolation of believing in a next life; allother animals enjoy the consolation of not worrying about it (Robert Brault)…
 
L’uomo è il solo animale che gioisce dellaconsolazione di credere in una prossima vita; tutti gli altri animali gioisconola consolazione di non preoccuparsene (Robert Brault)…
 
Joe
Iam definitely focused on this life and am not looking for another one.
 
Sono completamente concentrato su questa vita e non nesto cercando un’altra.
 
Davide
Thanksa lot and… à suivre.
 
Joe
Thank you.
 
 
Photos by Antonia Tricarico

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.