:: Home » Numeri » #221 » LETTERATURA » I luoghi della memoria - Adriana Pedicini
2013
12
Dic

I luoghi della memoria - Adriana Pedicini

Commenti () - Page hits: 5850
Arduino Sacco Editore
Narrativa racconti
Pagg. 114
ISBN 9788883545555
Prezzo € 12,00
 
Di un tempo passato
 
Perché raccontare del proprio passato? Perché fare emergere i ricordi di un’età spesso lontana? Le risposte possono essere tante e la meno plausibile, anche se ha un certo senso, è di mettere nero su bianco affinché altri, magari i discendenti, possano sapere.
La pratica non è infrequente, anzi è assai diffusa e ha interessato autori famosi, come Proust. Pure io mi sono avventurato al riguardo con non pochi racconti, dove lo spazio concesso alla fantasia è minimo e serve solo per interessare maggiormente il lettore. Forse ci si affida a questo espediente per far rivivere, in senso figurato ovviamente, la propria giovinezza, dove tutto è più bello, quasi magico, oppure per narrare di personaggi che ci sono rimasti in mente e che nella vita non hanno avuto la loro giusta luce.
Adriana Pedicini, come altri, è tornata all’indietro di anni, in un’epoca che sembra così diversa dall’attuale, un piccolo mondo ormai di ombre che lei con pazienza ed umiltà illumina. Sono semplici esseri umani, ma a loro modo sono dei protagonisti, perché per lei hanno significato tanto, al punto di conservarne la memoria e di farli riemergere dalla polvere del tempo.
Non ce n’è uno che non sia ricordato anche solo con una punta d’affetto, perfino Teresina, la scema di paese, che si trovava e si trova ancora nelle piccole realtà. La si potrebbe definire un’istituzione, ma mai derisa, osservata sì, ma con occhio compassionevole. Quelli che la città nasconde come fossero dei mostri, il paese restituisce alla collettività.
E poi ci sono i sapori di una volta, quello invitante del pane appena sfornato, preparato dalle abili mani della nonna Andreana, quasi un rito, che negli occhi di una bambina assumeva aria di mistero, il risultato di astruse formule magiche.
Ma non vado oltre, non voglio anticipare quello che il lettore desideroso di conoscere ciò che l’attuale società ha perso potrà trovare nei racconti di questa raccolta.
E qui sorge un’altra domanda: ma a chi dovrebbero interessare dei ricordi privati? A chi vuole conoscere le proprie radici, perché è dalla piccola storia di ognuno di noi che nasce l’epopea di una società, il modo di vivere della stessa, le sue speranze, spesso disattese.
Però non ho risposto ancora alla prima domanda, sul perché l’autrice è andata a rinvangare il passato. Certo, ama scrivere e le piace che qualcuno sia partecipe di quella è stata una parte della sua esistenza.
C’è però una ragione più profonda, che spesso non osiamo confessare: rammentare ciò che è stato, il nostro lontano vissuto è l’unica certezza che non abbiamo calcato inutilmente le strade di questo mondo, nel pur breve percorso che ci è riservato.
Sono tanti quindi i motivi per leggere questo libro, ben scritto, con una narratrice che non s’impone, ma si propone, e sono certo che molti  personaggi non potrete dimenticarli, vi parrà di vederli, piano piano li farete vostri, entreranno in voi in un gioco di memoria a cui sarà assai piacevole partecipare.
 
Adriana Pedicini, vive a Benevento. Già docente di lettere classiche nei Licei, scrive da tempo, ma solo con la pensione ha iniziato a dare concretamente visibilità alla sua scrittura. Ha pubblicato una raccolta di racconti I luoghi della memoria, A. Sacco editore 2011, (1° Premio nel Concorso Internazionale di Narrativa Taormina 2010) e una silloge di poesie, Noemàtia, Lineeinfinite edizioni 2012. Tra esse figura la poesia Mare Monstrum, I° premio al Premio internazionale di poesia Otto milioni 2013, assegnato dal Comune di Torrenova (Me). Ha anche curato Da Europa all’Europa (Ilmiolibro.it 2010), dispense didattiche sul teatro antico e sull’origine della civiltà occidentale, attraverso il mito di Europa e gli archetipi del pensiero, del diritto, dell’arte, della letteratura. È presente con poesie e racconti su varie antologie anche on-line. Collabora con diversi blog e siti letterari. Per contatti: adripedi@virgilio.it

 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 122 millisecondi