:: Home » Numeri » #117 » LETTERATURA » Ragù di Capra
2005
25
Mar

Ragù di Capra

Commenti () - Page hits: 4200
Ragù di Capra

Ragù di Capra è il nuovo romanzo delle edizioni Flaccovio, collana Gialloteca.

E' un giallo puro, un esperimento interessante, una storia avvincente. Cattura e trascina pagina dopo pagina in una corsa perfetta verso il finale. I personaggi sono ben tratteggiati, l'ambiente della Locride reso con efficacia, le abitudini e le caratterizzazioni locali sono perfette. Il dialetto calabrese e milanese che affiora qua e là tende a ravvivare la narrazione offrendoci gradevoli macchiette.

Ma il punto di forza è assolutamente lo stile. Artistico, elegante, graffiante, innovativo.

Turano sa sorprenderci anche nei momenti narrativi più banali, nelle descrizioni di contorno, non si rilassa mai, tiene sempre alta la nostra attenzione, anche il passaggio più periferico, quello collaterale, il brano di collegamento, quello introduttivo o riflessivo, sono potenti mezzi espressivi posti al servizio di una storia tutto sommato niente male.

Nel 1924 Richard Austen Freeman scriveva "i critici e i letterati di professione tendono a bandire con disprezzo il romanzo poliziesco come qualcosa che si colloca al di fuori del dominio della letteratura e a considerarlo un prodotto di scrittori rozzi e assolutamente incompetenti, destinato a fattorini, commesse e, insomma, ad un pubblico privo di cultura e gusto letterario"

In seguito Borges riscattò l'intero genere affermando che "in un periodo letterario caotico, c'è una sola cosa che, umilmente, ha conservato le virtù classiche: il racconto poliziesco. Non è possibile concepire un racconto poliziesco senza principio, parte centrale e fine. (…) il romanzo poliziesco non ha bisogno di difese; letto con un certo disdegno, ora sta salvando l'ordine in un'epoca di disordine. E questa è una prova meritoria, di cui dobbiamo essergli riconoscenti"

Non è dunque un caso che ultimamente in un periodo letterario piuttosto piatto, le uniche novità degne di nota, guizzanti e vitali, ci pervengano proprio da questo settore letterario di nicchia, a lungo denigrato, ed ora in via di definitiva riscossa e riabilitazione.

Ragù di Capra è la storia intrigante, e per certi versi ironica, di un rampante industriale milanese che, oberato dai debiti, decide di simulare il naufragio del suo yacht e di fingersi morto. Naturalmente ha bisogno di un complice per sbrigare le pratiche con l'assicurazione, e di un luogo sicuro in cui nascondersi, in attesa di lasciare il suolo patrio per avviare una nuova impresa commerciale in Transilvania. Trova appoggio logistico e supporto nel suo socio milanese, di origini calabresi, che rimane in azienda a gestire gli affari, a riscuotere i soldi del premio assicurativo, e lo invia nel suo paese natio per una comoda e confortevole latitanza.

Lo sbarco di questo milanese arrogante sul suolo della Locride è una delle scene meglio riuscite di tutto il romanzo, e il confronto tra l'infiltrato e la popolazione locale costituisce il fulcro centrale di tutta la narrazione, fino alle pagine del disfacimento finale, dove l'autore tocca dei toni drammatici e desolanti, in un crescendo di situazioni negative che, come nei Malavoglia, conduce il protagonista a una rapida quanto incresciosa fine.

Non poteva mancare ovviamente il piccolo finale a sorpresa tipico di tutti i gialli, che contribuisce a donare a quest'opera l'ultimo guizzo di una vitalità sapientemente espressa e a mala pena contenuta dello stile fantasioso e attentamente costruito di questo autore, mostratosi capace di non badare solo alla storia, ma anche alla forma espressiva, e in maniera veramente pregevole.

Le contrapposizioni quasi da contralto tra le abitudini locali, gli accenti calabresi, gli atteggiamenti delle 'ndrine malavitose, e la mentalità del protagonista, convinto di poter impiantare a sua volta un clan personale reclutando giovani sbandati e nullafacenti tra i ragazzi del paese, sono un crescendo musicale, che ci conduce passo passo verso una fine praticamente annunciata, ma non per questo meno accattivante.

Un libro raramente ben impostato dove nulla viene lasciato al caso. Non c'è personaggio per quanto secondario che non sia abilmente tratteggiato, non c'è passaggio narrativo che non goda di un'abilità descrittiva veramente fuori dal comune, non c'è dettaglio che non venga illuminato dalla giusta luce.

Si ha l'impressione di trovarsi davanti a un'opera ben stutturata, articolata e complessa. I piccoli colpi di scena che ci accompagnano nella lettura sono passaggi d'obbligo, tipici della narrativa del genere, ma anche se ogni impostazione classica viene qui perfettamente rispettata, permane il senso di profonda soddisfazione che si prova quando ci si trova a leggere qualcosa di diverso, sostanzialmente innovativo e fortemente vigoroso.

Ma d'altronde non fa meraviglia quando si scopre che Turano fa il commediofrago, che è uno che sa come si muovono i fili, che ha dimestichezza con gli intrecci narrativi di un plot coionvolgente come questo.

E allora ben vengano i cari vecchi canta-storie che, in spiccato anacronismo con le attuali tendenze della moda letteraria, ci convincono ancora una volta della bontà di coloro che scrivono senza pretese, semplicemente per raccontare. A chi come noi vuole solo essere deliziato da un libro e convinto da una bella storia narrata bene.

Il che dimostra che per fare buona letteratura non è necessario trattare di temi impegnati o socialmente coinvolgenti, non è indispensabile aspirare alle vette dell'olimpo o ripiegarsi nella mistica contemplazione di se stessi.

La realtà è a portata di mano ed è fonte inesauribile di vicende talmente coinvolgenti da rendere inutile qualsiasi altro tipo di ispirazione.

Complimenti dunque a questo autore e alla nuova collana della Flaccovio che ultimamente non sbaglia un colpo, e che ci invita ad aspettarci presto altri gradevoli sorprese.

Sabina Marchesi
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Sabina Marchesi
Nata a Roma nel 1963. Da sempre appassionata di studi umanistici e antropologici. La possibilità di attingere liberamente ai numerosi volumi presenti nella ricca libreria paterna l’ha condotta a un grandissimo amore per la letteratura classica, ancora in giovanissima età. Oggi scrive racconti, romanzi, saggi ed articoli. Fa parte della redazione di Progetto Babele, Sherlock Magazine, Thriller Magazine, Kult Underground e Il Rifugio degli Esordienti. Scrive per Inchiostro, Super Eva, Punto di Vista, Italia Donna, Donne In Viaggio, Brivido Giallo, La Tela del Ragno e Kult Virtual Press. Classificata quarta al concorso Danae, prima e terza al concorso Da Sette a Dodici di Progetto Babele, uno dei suoi racconti è stato prescelto come strenna natalizia per la newsletter delle Librerie Mondadori. Curatrice del Sito di SuperEva per i canali Giallo Noir e Letteratura Fantasy & Fantascienza, responsabile del Servizio Valutazione Inediti di Progetto Babele, coordinatrice dei gruppi di lettura Eros e Bonsai per il Rifugio degli Esordienti, membro tecnico della Giuria per i concorsi letterari di Kult Underground e Statale 11. Allieva di Cinzia Tani, ha in corso di pubblicazione alcuni racconti che saranno inseriti in diverse antologie. Cura rubriche mensili e quindicinali per Kult Virtual Press e Thriller Magazine. In corso di preparazione una serie di articoli a tema sui Misteri della Storia, da pubblicare sulla rivista Scienza e Paranormale del Cicap (Centro Italiano Controllo Affermazioni sul Paranormale), fondata da Massimo Polidoro e Piero Angela. In pubblicazione un ciclo di interviste a personaggi del mondo Giallo Noir: Cinzia Tani, Corrado Augias, Enzo Fileno Carabba, Luigi Bernardi, Carlo Lucarelli. Numerosi articoli di saggistica, biografie, rivisitazione dei classici, monografie, recensioni letterarie e cinematografiche possono essere visionati, oltre che sulle riviste sopra citate, su questo sito
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 143 millisecondi