:: Home » Numeri » #166 » COMPUTER » Nasce il portale del riuso
2009
5
Mag

Nasce il portale del riuso

media 3.02 dopo 173 voti
Commenti () - Page hits: 5100

 
Nello scenario attuale di evoluzione dei sistemi informativi pubblici il riuso delle applicazioni informatiche è considerato un tema prioritario. Le Pubbliche Amministrazioni italiane dispongono di un patrimonio informatico esteso a molteplici settori dell'azione amministrativa che rappresenta un bene pubblico rilevante sotto diversi profili.
L'investimento economico di ogni PA in software ed applicazioni che migliorino il lavoro di gestione del servizio al cittadino è oneroso, soprattutto per le piccole amministrazioni locali. È per questo che nasce il CNIPA, un catalogo che raccoglie tutte le applicazioni sviluppate nel tempo e messe a disposizione così da essere ri-usate da altre amministrazioni e diffuse in un clima di condivisione che favorisce l'abbattimento dei costi e l'aumento della professionalità ed efficacia delle comunità locali.
Le PA possono accedere alle applicazioni attraverso contratti di riuso regolati da una specifica normativa che può essere letta sul portale del riuso nelle specifiche sezioni, fornendoci così, ancora una volta, l'esempio pratico dell'utilità di comunità di condivisione delle tecnologie.
Dopo tutto, le applicazioni sviluppate e finanziate all'interno di una PA sono a tutti gli effetti un bene pubblico in quanto è il cittadino stesso, tramite le sue tasse, ad averne pagato la creazione ed è sempre il cittadino ad usufruire dei vantaggi che esso apporta al funzionamento aziendale. Il portale del riuso permette a piccole amministrazioni che non dispongono di grossi budget, l'utilizzo di applicazioni, comunque avanzate. I vantaggi che si profilano riguardano:
·           il punto di vista economico, in quanto frutto di consistenti investimenti effettuati nel tempo;
·           il punto di vista tecnologico, in quanto in molti casi costituito da applicazioni realizzate con tecnologie recenti e con un buon livello di qualità del software (strutturazione, documentazione, portabilità, etc.);
·           il punto di vista filosofico, in quanto giacimento di conoscenza, poiché le applicazioni integrano nella loro architettura funzionale l'espressione della cultura e della conoscenza specifica dell'amministrazione relativa al procedimento amministrativo supportato; nelle applicazioni si ritrova cioè la capacità delle PA di interpretare e tradurre le norme in strumenti e servizi per la collettività.
"Nella generalità dei casi, a fronte di esigenze simili le amministrazioni sviluppano applicativi che già sono stati realizzati da altre amministrazioni; il riuso o la condivisione del software esistente consentirebbero di razionalizzare le spese e di ri-orientare i flussi economici verso settori non ancora coperti da informatizzazione". È questo lo scopo ultimo del progetto che ci sembra per una volta un passo intelligente verso il cittadino ed una prassi da seguire anche in altri settori. 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Sara Ferraiuolo
Sara Ferraiuolo è nata a Castellammare di Stabia, nel napoletano, il 21 Maggio 1983 e lavora come copywriter free lance per alcune riviste del web ed aziende. Appassionata di scrittura tratta numerosi temi, dalle applicazioni informatiche all'antropologia, passando per la cucina e le nuove tecnologie.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 172 millisecondi