KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Ti penso

1 min read

Ti penso

Solo, in questa fredda sera, ti penso.
Penso ai tuoi capelli agli occhi tuoi come rugiada, a quel tuo sorriso strano, a come ti vorrei con me.
Lontano, in qualche luogo, come una gatta ti stai muovendo su di lui e la tua voce intona un canto che io non udrò.
Il vento non mi porta il tuo profumo nè le stelle il tuo calore.
Come un airone nel mio deserto sto ad occhi aperti guardando il cielo vuoto di stelle e mi sorrido mentre qualcosa muore e qualcos’altro nasce senza rimedio alcuno.
Soave è forse dell’amore il vino che mi è negato ora ma se i pensieri seguo capisco che non può il tuo ardore unirsi al mio nè la mia mano pavida sfiorarti il volto, fiore di giardino, e impunito andare oltre.
Ti amo dunque.
Ti amo come torrente, come montagna e mare, come animale e fiera, come tutto, senza tregua nè argini, in un esplosione di sensazioni pensieri ricordi perchè non c’è presente nè passato ma solo tu la tua luce il tuo odore speziato mai sentito ma tante volte sognato e desiderio vino acqua mare tutto sì tu mio tutto mia vita mia unica ragione mia mente no.
Solo, in questa fredda notte, ti penso, e del presente gioco mi faccio senza futuro

DENGO

Altri articoli correlati

7 min read
6 min read
1 min read

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.