:: Home » Numeri » #161 » LETTERATURA » Generazione McDonald’s - Francesca Mazzucato
2008
16
Dic

Generazione McDonald’s - Francesca Mazzucato

media 3.39 dopo 633 voti
Commenti () - Page hits: 5750
Marlin Editore (Napoli, 2008)
pag. 196, euro 13,50
 
Un romanzo attuale, non un'opera d'attualità. Per chi avesse dimenticato che McDonald's è una multinazionale da boicottare, la scrittrice Francesca Mazzucato con la storia di Marcello lo ricorda. E, grazie a questo suo importante ultimo libro, Generazione McDonald's, la Mazzucato ci permette d'entrare nelle viscere della catena, ovvero nelle catene, cioè dentro le storie dei dipendenti. Il romanzo è un'avventura nel profondo significato del marchio. Le colpe stanno nella gestione del personale, nell'acquisizione della vita del lavoratore. Le colpe sono nella qualità dell'offerta. Le colpe sanno del puzzo del compleanno festeggiato in una famiglia artificiale, nei palloncini piazzati nel fast food, nell'illusione della felicità che poi sarà il fenomeno, pratico e praticato, che produce fra le altre cose tonnellate d'obesità. Francesca Mazzucato, questa volta, pesca una storia vera e – per la prima volta in assoluto – offre un romanzo che ci consente di leggere (attraverso una trama coperta d'altre vicissitudini) cosa diamine è veramente la McDonald's. Gli occhi di Marcello permettono di vedere tutto l'ingranaggio. Marcello, il giovane Marcello vede in quel lavoro la possibilità di sconfiggere un'inerzia condizionata dal non sapere che strada cominciare dopo aver studiato. La risposta, dunque, la offrono quelli dei tanti colori e tristi e dei panini a secchiate. Il percorso dell'opera presenta personaggi simpatici, a partire dai genitori del protagonista e passando per il marchettaro Tiki, che fanno conoscere mondi non sempre visti dalla realtà sotto la forma di norma. I dialoghi di Generazione MacD. hanno la buona qualità di saper garantire scorrevolezza e aspetti a prima vista secondari. A piccole dosi, in ogni passo, la scrittrice che aveva da poco dato alle stampe il bellissimo "Kaddish", è brava nel raccogliere indiscrezioni e cose discrezionali per far sentire tramite una storia il costante lavoro di un logo. I loghi, sappiamo con certezza, sono capaci di trasformare la società e si trasformano per fregare la società tutta. Fra i risultati, lo stato attuale del mondo. Il libro, però, non è un testo politico. Ma diventa un testo politico quando fa andare i sentimenti d'una parte dell'umanità attraverso i meccanismi per esigenza vissuti. I sentimenti dei giovani che fanno da ricambio di braccia, costituiscono il fulcro del romanzo. E questo è il tassello che spiega un romanzo perfettamente posizionato nella letteratura.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 126 millisecondi