:: Home » Numeri » #159 » LETTERATURA » Una Del Giro - Sara Gran
2008
5
Ott

Una Del Giro - Sara Gran

media 3.46 dopo 631 voti
Commenti () - Page hits: 5000
LONGANESI PAGG. 203 EURO 14
 
Josephine Flannigan, Joe per gli amici,  è un'ex tossica, liberatasi dalla schiavitù della droga da due anni. Un'infanzia tormentata, abbandonata dalla madre, non ha mai conosciuto il padre, una sorellastra che ha mantenuto per molti anni, Shelly, un ex marito, Monte, la donna vive rubando gioielli e altri oggetti alle persone ubriache che rivende a Maude. Un giorno viene convocata da un importante avvocato affinché ritrovi la figlia tossica, Nadine Nelson in cambio, come anticipo, di mille dollari. E' l'inizio di un lavoro di detective, di una  discesa, per la seconda volta, nell'inferno di una Manthann degli anni '50 dove non mancano squallidi locali, sfruttatori di prostitute e, in questi giri, la droga la fa da padrona. Rivede personaggi del suo tormentato passato come l'ex marito, Harry il secco, ma nonostante sia forte il richiamo della droga, Joe dimostra di essere ormai uscita definitivamente dal giro. Riesce a sapere che la ragazza è andata a vivre con uno spacciatore Jerr Mc Fall che viene ucciso, così come viene assassinato , dal poliziotto Sprinter,  Jim Cohen, amico di Joe. Persone dalla doppia vita, personalità inquietanti, che sfruttano giovani ragazze per fare soldi.   Fra le sorprese, l'inesistenza dell'avvocato Nelson che ha ingaggiato la donna per ritrovare la ragazza, ma l'impianto narrativo imbastito da Gran riserva diverse altre  sorprese. Non è giusto, nei riguardi del lettore e dell'autrice svelare il nome dell'assassinio dei due uomini,  così come non è giusto anticipare il  finale del libro che si discosta completamente  dai classici finali dei noir. Una cosa è certa. La Gran dà vita ad una trama narrativa molto avvincente, articolata e complessa caratterizza benissimo i personaggi (basti pensare, oltre alla protagonista, alla figura della sorellastra diventata attrice) riesce ad alternare egregiamente i dialoghi con le scene egregiamente descritte. Il noir è un pretesto letterario che serve alla scrittrice per descrivere uno spaccato di società, un  universo certamente non idilliaco e per prendere una forte presa  di posizione contro gli spacciatori , ma anche  contro  i drogati, vittime-carnefici, "I tossici deludono chi gli sta accanto", contro un mondo di sommersi (per usare un'espressione cara a Primo Levi) che debbono essere salvati. Basti pensare alla parte finale del volume in cui la Gran descrive l'ultima "spiaggia" per le donne tossiche che, per procurarsi la roba, si prostituiscono: la casa-riposo, la descrizione è, nella sua realtà, altamente drammatica,  dove si va in attesa della morte,  di Jezebel, luogo  dove Joe troverà finalmente Nadine che porterà via con sé e il ritrovamento della ragazza, finita in un giro di prostituzione e di droga e che, lascia intendere l'autrice, alter–ego di Joe, salverà, come si è salvata, prima la protagonista. Un libro interessante, sia per la trama narrativa  che per gli argomenti trattati, di scottante attualità, non privo di scene poetiche come quella finale.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 175 millisecondi