KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Intervista con Obscure Obsession

5 min read

“Obsessions and solitudes” è EP d’esordio di 4 brani della band dark/doom metal trevigiana Obscure Obsession. Gli Obscure Obsession sono Luca Steel alla voce, Ido Evome alla chitarra, Francesco “James” Fornasiero alla chitarra, Giuly Maso al basso, Diego Bordin alla batteria. L’ep è stato registrato, mixato e masterizzato presso gli Underground Studios” di Montebelluna (Treviso) tra gennaio e agosto 2020.

Track list:

Maybe you could understand me / Obsession / Aurora / Fading away.

Intervista

Davide

Ciao. Qual è la storia degli Obscure Obsession e quali sono i vostri principali obiettivi?

Obscure Obsession

Gli Obscure Obsession nascono nel febbraio 2019 da un’idea dell’amico e chitarrista trevigiano Francesco Brunello, autore di quasi tutti i riff presenti nell’ep. 
Il suo intento era quello di mettere insieme musicisti con varie esperienze per produrre un rock-metal il più possibile fresco e accattivante, magari anche con qualche spunto innovativo.

Davide

Perché “Oscura Ossessione”? Ve n’è una in particolare a cui pensavate nel dare questo nome al gruppo?

Obscure Obsession

Una c’è, e ha molto a che fare con il dilemma pirandelliano, ovvero l’essere e l’apparire: come ci vedono gli altri, come siamo noi veramente… le due cose coincidono raramente, o qualche volta, o spesso, oppure mai?
Una vera ossessione.
Ma un’ossessione può essere anche il frutto di troppo isolamento, troppa solitudine, è questo il vero focus dei temi trattati nella nostra musica.
Inizialmente avevamo pensato a una specie di “concept”, una strega maligna che simboleggia il male nel mondo, capace di tirare fuori il peggio dagli uomini.
Successivamente però, senza nemmeno accorgerci, i temi affrontati nei brani sono diventati le ossessioni e le solitudini degli uomini, di qui il nome dell’EP.

Davide

Quali argomenti avete affrontato nelle quattro tracce di “Obsessions and solitudes”?

Obscure Obsession

“Maybe you could understand me” parla di un amore possibile ma non corrisposto solo per ragioni di etichetta, due persone che potrebbero capirsi e vincere insieme la solitudine, ma che a causa dei pregiudizi di una delle due finiscono per allontanarsi.
La seconda, “Obsession”, descrive un’ossessione generica, potrebbe essere la paura del domani, la fissazione verso qualcuno o qualcuna che desideriamo fortemente ma che è irraggiungibile, l’ossessione per il sesso o altre cose.
“Aurora” è ispirata a un fatto realmente accaduto, una giovane donna che, spinta dalla disperazione, entra a far parte di una setta satanica. Alla fine però troverà la salvezza e la pace del cuore.
La quarta e ultima traccia, “Fading away”, diversamente da “Aurora”, è in chiave pessimistica, uno scampolo di felicità subito annullato dallo spettro della solitudine.

Davide

Sulle note del booklet avete dedicato questo ep a tutte le persone che non hanno nessuno nella loro vita e ogni giorno devono trovare un motivo per credere nella vita stessa. Non sanno di essere eroi. Avevate in mente qualcuno o una storia in particolare?

Obscure Obsession

Diciamo che più che altro avevamo, anzi abbiamo, la convinzione che i mali del mondo derivino soprattutto, ancora una volta, da questa alienazione di cui parliamo.
Una persona senza affetti, che è completamente sola, e che non viene accettata e capita da nessuno, se non gode di un equilibrio di suo, può facilmente diventare violenta. Ecco il perché di tanta violenza che c’è nel mondo, anche intorno a noi.
Chi invece, nonostante l’isolamento e la solitudine, con dignità e coraggio affronta la vita, secondo noi è un eroe silenzioso.

Davide

Un lavoro registrato tra gennaio e agosto del 2020. Cosa c’è in esso, cosa vi avete riversato del difficile periodo che abbiamo attraversato, e non ancora finito?

Obscure Obsession 

A dir la verità i brani erano completati prima di marzo 2020, quando iniziò il terribile “lockdown”. Quindi è stata solamente una coincidenza se i temi trattati nei brani trovano corrispondenza nel difficile periodo storico che stiamo vivendo.
La stessa cosa non si può dire per i nuovi pezzi scritti da marzo 2020 ad oggi, e che speriamo di registrare nei prossimi mesi.
Contengono diversi elementi autobiografici dei componenti del gruppo, e di come abbiamo vissuto questo triste periodo.

Davide

Quali sono i vostri riferimenti musicali imprescindibili, sui quali vi siete orientati e che hanno in qualche modo contribuito al vostro suono e alle vostre creazioni?

Obscure Obsession

Per rispondere a questa domanda occorre fare una premessa doverosa.
Di nostro non siamo degli “snob musicali”, quindi se c’è qualche bella idea musicale che funziona, noi ne siamo attratti, anche se proviene dal pop o dalle sigle dei cartoni, giusto per fare un esempio.
Probabilmente i “Black Sabbath” come riferimento imprescindibile, ma possiamo davvero dire che qualsiasi musica ci può ispirare, basta che sia bella.

Davide

Uno studio a suo tempo svolto dalla Humboldt State University dimostrava come gli effetti benefici della musica metal si baserebbero sull’aumento dell’autostima,  della sensazione di appartenenza. Inoltre libererebbe dai sensi di colpa chi lo ascolta. Perché fare e ascoltare la musica metal? Cosa rappresenta per voi?

Obscure Obsession 

Per noi il rock più energico, con determinate sonorità, il cosiddetto metal, è veramente un momento liberatorio.
È un ottimo antidoto alla depressione e alla disperazione.

Davide

Ci sono dei link a vostre pagine o videoclip musicali per approfondire la vostra attività?

Obscure Obsession

È tutto ancora in divenire.
Abbiamo la nostra pagina facebook e contiamo in quest’anno di fare un videoclip.

Davide

Cosa seguirà?

Obscure Obsession 

Come vedi è ancora tutto fermo.
Seguirà sicuramente un full-length, stiamo lavorando ai nuovi brani.

Davide

Grazie e à suivre…

Obscure Obsession 

Grazie a te per l’intervista.

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.