:: Home » Numeri » #184 » LETTERATURA » Le guerre navali nel Mar Baltico - Gabriele Faggioni
2010
8
Nov

Le guerre navali nel Mar Baltico - Gabriele Faggioni

media 2.93 dopo 109 voti
Commenti () - Page hits: 3750
Edizioni Solfanelli
Saggistica storica
Collana Faretra
Pagg. 144 + 32 ill.
ISBN 978-88-89756-96-6]
Prezzo € 13,00
 
Un teatro di guerra poco conosciuto
 
Il Mar Baltico, per la sua conformazione e per il suo accesso all'Oceano Atlantico limitato dalla Danimarca che si protende quasi ad unirsi alla penisola scandinava, è un bacino che poco si presta a grandi scontri navali fra flotte consistenti; tuttavia, nel corso del primo e del secondo conflitto mondiale, è stato teatro di numerosi scontri, più importanti in un quadro tattico che in una visione strategica. Del resto, a rendere ancora più piccolo questo specchio d'acqua provvidero i contendenti creando vaste zone minate in cui incapparono, con le immaginabili conseguenze, non solo navi mercantili, ma anche scafi militari. In ogni caso le perdite, se non furono eclatanti come in altri teatri operativi, come il Mare del Nord, furono tuttavia di non poco conto, soprattutto per una marina, quella Russa, che di fatto più di altre era impegnata a difendere le sue coste.
Gabriele Faggioni con questo suo libro ha esaminato le condotte belliche dei due principali contendenti nelle due guerre (Germania Imperiale e Russia Zarista per la prima, Germania Nazista e Unione Sovietica per la seconda), fornendo un quadro assai esaustivo sulle principali azioni condotte e sulle perdite di entrambi i belligeranti.
Da queste pagine, integrate con cartine geografiche e con fotografie delle principali navi impegnate, esce un quadro di scontri quasi quotidiani, mai comunque di battaglie del tipo di quelle avutesi nell'Atlantico e nel Pacifico, proprio perché la limitata estensione del Baltico rende impossibile manovre di grandi flotte, che sarebbero altresì  sottoposte, data la vicinanza delle coste, a interventi aerei piuttosto frequenti e incisivi.
Così, giorno dopo giorno assistiamo alla progressiva disfatta della Germania, sia nel primo che nel secondo conflitto mondiale, tuttavia fino in ultimo in grado con le sue navi di impensierire gli avversari.
E ci sono anche imprese epiche, come l'evacuazione per mare, avvenuta negli ultimi mesi del conflitto, di oltre due milioni e mezzo di cittadini tedeschi minacciati dalla violenta offensiva sovietica, risultato ottenuto grazie a un'organizzazione non ancora sfaldata e all'indubbio eroismo dei marinai tedeschi, di cui non pochi perirono in questo sforzo titanico.
Il libro di Faggioni riesce quindi a fornire un resoconto di un teatro di guerra marittima forse minore, ma se il Mar Baltico ha costituito lo scenario di tante scaramucce, sui suoi fondali giacciono tanti ignoti marinai, di entrambi i contendenti, a dimostrazione che in una guerra mondiale non esistono posti più o meno sicuri e teatri più o meno importanti. 
Da leggere, sicuramente.
 
Gabriele Faggioni, nato nel 1970, vive a Lugano. Ha una formazione universitaria come economista aziendale, informatico ed archeologo. Questi variegati studi gli sono utili nella sua attività professionale e nel suo tempo libero per la realizzazione di diverse ricerche storiche e archeologiche che ha realizzato negli ultimi anni. Collabora con diverse riviste storico-militari, tra cui "Raids", "RID", "Rivista Marittima Militare", "Storia & Battaglie", "Storia & Verità", "Storia militare", "Panorama Difesa", "Seconda Guerra Mondiale" e "Mezzi corazzati".
     Ha pubblicato: Sistema difensivo della Piazza Marittima della Spezia nella prima metà del Novecento, in "Castrum" (Luna Editore, La Spezia 2007); Fortificazioni in Provincia della Spezia (Ritter, Milano 2008); Vallo Ligure (Ligurexpress, 2010 Genova); Castelli e fortezze delle Alpi svizzere (Mattioli 1885, Fidenza 2010), Fortificazioni del Levante Ligure (Mattioli 1885, Fidenza 2010), La guerra aeronavale nel Mare Nord, assieme con Alberto Rosselli (Mattioli 1885, Fidenza 2010).
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 145 millisecondi