KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Punck (Insolita Musica)

3 min read

ovvero Adriano Zanni e il suo Aural Diary
 

 

 

Ed eccoci alla terza parte dell’appuntamento con la “Insolita musica”. E’ di Ravenna e si chiama Adriano Zanni (1964), in arte Punck. Punck è un’artista decisamente insolito. Fa musica elettronica da più di un decennio, spaziando da deviate forme di dance music alla più pura sperimentazione del suono, rielaborando con il software suoni acustici naturali di oggetti di uso quotidiano o di ambienti vari registrati sul campo, quindi riutilizzati per composizioni al modo dei vecchi cut-up della tape music, veri e propri film sonori di notevole suggestione. L’ultimo suo lavoro si intitola “Aube Noir” ed è uscito per la Afe records di Andrea Marutti www.aferecords.com/releases/afe50017.htm Adriano Zanni ha tra l’altro fondato una etichetta, la CRTL+ALT+CANC  ( www.crtlaltcanc.tk ).

Tra le varie cose che si possono ascoltare del progetto “Punck”, mi soffermo a segnalarvi un aural diary, ovvero un diario di suoni che Adriano Zanni ha sapientemente registrato nei suoi viaggi o nella sua città. La demolizione di una casa a Ravenna, gli animali dello zoo di Londra, paesaggi sonori marini all’isola d’Elba, a Marsa Alam in Egitto, a Marina Romea di Ravenna o dell’Oceano Indiano alle Mauritius, la pioggia e la radio guidando a Berlino o per Ravenna, la neve a San Vito di Cadore, le formiche su un microfono a contatto, una messa nel cuore cattolico di Santa Maria De Belem, la metropolitana di Londra da St. James’s Park a Tower Hill oppure quella di Praga, il Brick Lane market di Londra, le mucche al pascolo in località Malga Ciauta a Vodo di Calore, il volleyball a Makunudu Island, Maldive, un viaggio in tram a Lisbona… Le registrazioni sono di ottima qualità e sono corredate da splendide fotografie (secondo me di ottima caratura artisitca) scattate dal medesimo. Un diario sonoro molto coinvolgente, mai disturbante, soffuso e ovattato nonostante si tratti di rumori e, vi dirò, rilassante anche se lo si ascolta in  sottofondo. C’è tutto il senso conclusivo e più nudo della musica d’ambiente teorizzata da Erik Satie o da John Cage, ovvero semplicemente le massime autorità in capitolo.

 

www.punck.net

www.ctrlaltcanc.tk

http://auraldiary.splinder.com/
http://www.punck.net/

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.