:: Home » Numeri » #161 » LETTERATURA » Tamarri - Remo Bassini
2008
21
Dic

Tamarri - Remo Bassini

media 3.29 dopo 672 voti
Commenti () - Page hits: 5400
Edizioni Historica – Short Cuts 1
Pag. 45 – Euro 4,50
 
 
Parte alla grande la collana Short Cuts delle Edizioni Historica, fondate dal giovane Francesco Giubilei, entusiasta ideatore della rivista Historica (www.historicaweb.com), adesso unita alla storica Il Foglio Letterario (www.ilfoglioletterario.it).
I racconti sono un genere poco appetibile alla grande editoria, ma restano lo strumento migliore per raccontare la vita di provincia attraverso rapidi bozzetti e descrizioni di caratteri che a prima vista sembrano surreali. Remo Bassini lo sa bene e ci regala un gioiello come Tamarri, sette brevi storie che parlano di ladruncoli di periferia, persone senza futuro, idealisti, romantici, sognatori, suicidi, impiegati con sogni di fuga e treni che corrono nella nebbia.
Il racconto che ho preferito è L'Augusto, storia di un sognatore che conosce Salgari e Rimbaud, morto suicida premendo il grilletto di due pistole puntate alla tempia. La giacca è uno stupendo monologo intriso di struggente poesia che indaga il rapporto padre - figlio ("Da quanti anni non vengo più a trovarti papà? Sai che non ricordo nemmeno bene il colore della tua tomba?"), ma soprattutto ci conduce in un viaggio a ritroso nel tempo e nel passato di ciascuno di noi. La scrittura di Bassini ricorda i migliori film di Federico Fellini, i suoi personaggi portano alla moria gli assurdi protagonisti di Amarcord, catturati dalla realtà che ci circonda, intrisi di autobiografismo lirico e di nostalgiche parti oniriche. Gli ingenui delinquenti di periferia ricordano i Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini e a tratti pure gli scenari de Le notti di Cabiria, solo che Bassini non parla di Roma, ma della sua terra, quella piana vercellese nascosta tra nebbie e ricordi.
Remo Bassini è autore di romanzi per Newton & Compton, il suo ultimo lavoro è La donna che parlava coni morti, mentre adesso sta lavorando a Bastardo posto, un noir di denuncia che uscirà per i tipi dell'editore romano. Fa piacere incontrare un autore edito da un gruppo medio - grande che ha il coraggio e l'umiltà di inaugurare il catalogo di un editore microscopico. Fa ancora più piacere notare che lo fa senza secondi fini (come spesso accade) ma solo per amore della letteratura. Remo Bassini e Francesco Giubilei sono la prova vivente che la letteratura è ancora una passione. Per fortuna…
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi
Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Ha tradotto i romanzi del cubano Alejandro Torreguitart Ruiz: Machi di carta (Stampa Alternativa, 2003), La Marina del mio passato (Nonsoloparole, 2003), Vita da jinetera (Il Foglio, 2005), Cuba particular – Sesso all’Avana (Stampa Alternativa, 2007), Adiós Fidel (A.Car., 2008) e Il mio nome è Che Guevara (Il Foglio, 2008). I suoi lavori più recenti di argomento cubano sono: Nero Tropicale (Terzo Millennio, 2003), Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Orrori tropicali – storie di vudu, santeria e palo mayombe (Il Foglio, 2006), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Avana Killing (Sered, 2008), Mi Cuba (Mediane, 2008) e Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009).
MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 139 millisecondi