KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Ballando sul tetto

2 min read

Ballando sul tetto

Sabato 6 ottobre 2001, si è tenuta al teatro STORCHI di Modena, la seconda rappresentazione di "Ballando sul tetto": adattamento della famoso musical broadwayano "Fiddler on the roof". La coraggiosa rielaborazione è opera della compagnia teatrale "IL NODO" in collaborazione con la corale "SERIAL SINGERS".
La traduzione dell’opera, l’adattamento e la regia (oltre al ruolo di protagonista "Tevye il lattaio") sono di Pierluigi Cassano. Pierluigi cassano è nato nel ’74 a Foggia, vive a Modena e sta per laurearsi al DAMS di Bologna. Attore, regista/autore della compagnia "Il Nodo" ha collaborato con la fondazione "Toscanini" di Parma per l’operetta "La vedova allegra" e sta dirigendo per il teatro Alfa di Torino, l’allestimento del verdiano "Falstaff". Da non dimenticare Pierluigi è un apprezzato cantante lirico e jazz.
Le musiche dal vivo di questo spettacolo sono state eseguite dal quartetto musicale "Elefunky".
Per chi non conoscesse la storia si tratta di un
musical che tratta scottanti problemi di tolleranza e integrazione fra popoli prendendo come microcosmo un paesino russo di nome Anatevka. Nel dettaglio si tratta di un lattaio con tre figlie da maritare e, trascurando gli aiuti della sensale e prevaricando le tradizioni, queste tre ragazze vanno spose di un povero sarto, un rivoluzionario e un russo. Si tratta di una famiglia ebrea che alternando momenti di ilarità con momenti di riflessione conduce lo spettatore, tra un brano e l’altro, ad una intelligente riflessione sull’integrazione razziale. Lo spettacolo è stato patrocinato dall’Assessorato alla cultura del Comune di Modena. Le scene ed i costumi (e le voci di corridoio dicono "non solo…") erano di Milena Nicolini.
I punti più forti dello spettacolo stanno nelle "apoteosi corali" dei brani "Tradizioni! Tradizioni", "Brindiam! Brindiam! Lechchayim!", "Tutti gli ebrei devono immediatamente lasciare Anatevka" e nell’ assolo "se io fossi ricco…".
Pregevoli i duetti di Tevya (Pierluigi Cassano) e Golde sua moglie (Daniela Briganti)
Buona anche la prova delle tre figlie interpretate da Francesca Soffici, Gabriella Campani e Ilaria Tosi. Tra gli altri risaltano anche Lazar Wolf il Macellaio (Enzo Sortino) e Motel il sarto (Valerio Vecchi). Oltre alle prove canore fluida è stata anche la recitazione, tra gli altri convincente è stato Perchik lo studente (Enzo Francesca), Yente la sensale (Maria Rosa Menoncin) e il Conestabile (Edoardo Rinaldi). Il cast tutto è stato insomma all’altezza con una cinquantina di elementi in totale che hanno concluso con la "jam-session" di "let the sunshine in" tradotta in italiano. In conclusione possiamo solo elogiare questo gruppo di non professionisti che hanno stupito e coinvolto anche i più scettici della platea. Kult si ripropone dunque di aggiornarvi sulle prossime repliche dello spettacolo brindando alla riuscita di questo musical. Lechayim!


Federico Malavasi

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.