:: Home » Numeri » #150 » CINEMA » Riparo
2008
16
Gen

Riparo

media 2.88 dopo 856 voti
Commenti () - Page hits: 4900
 
 
Anna e Mara stanno tornando da una vacanza in Tunisia. Durante un controllo alla frontiera, scesa dall'auto, Anna rimane a fissare il portabagagli aperto. Sta cercando il passaporto di Mara. Il suo sguardo è turbato. Si capisce che ha visto qualcosa che non si aspettava.
Questo inizio, in apparenza normale, è invece sorprendentemente significativo, perché segna le coordinate (visive quanto emotive) di un senso di inquietudine che si svilupperà per tutto il film.
All'arrivo in Italia si scopre cosa Anna aveva visto nel portabagagli della propria auto. Un clandestino, Anis, un ragazzo marocchino. Anna decide di ospitarlo nella propria casa e di trovargli un lavoro nell'azienda di scarpe che gestisce insieme alla madre e al fratello.
Puccioni affronta il tema dell'immigrazione clandestina in maniera diretta, al limite della cronaca, con un personaggio che rispecchia fedelmente le caratteristiche (fisiche, linguistiche, psicologiche) dei tanti ragazzi marocchini che arrivano fino in Italia. Con lo sviluppo della storia ci si accorge però che il regista è più interessato agli effetti della presenza di Anis sul rapporto tra Anna e Mara che a una semplice descrizione delle difficoltà di un giovane clandestino appena arrrivato in Italia.
Si viene così a formare una famiglia anomala nella casa di Anna, un nuovo tentativo di convivenza, nel quale i sentimenti dei tre finirianno per rimettere in discussione le poche certezze di ognuno. Le due donne appartengono poi a ceti sociali diversi, Anna è una borghese ricca e imprenditrice mentre Mara fa parte della classe operaia.  Entrambe però soffrono per la mancanza di qualcosa nella loro esistenza, non riuscendo ad integrarsi, come vorrebbero, nella società in cui vivono. E lo stesso accadrà ad Anis.
Afferma lo stesso regista – "L'ispirazione, mai dichiarata apertamente, di Anna a creare una famiglia è desiderio di una completa accettazione sociale. L'indipendenza orgogliosa di Mara dalla protezione di Anna è ricerca, a volte disperata e irrazionale, di un rispetto per se stessa che anche suo padre le ha negato. L'attaccamento di Anis al lavoro è il tentativo di legarsi a qualcosa che lo protegga dalla miseria del luogo d'origine e dal disprezzo degli altri in quanto adolescente, straniero, immigrato."
Le due attrici, Maria de Medeiros e Antonia Liskova, meravigliose, grazie anche alla complicità dello sguardo del regista e a uno splendido lavoro sulla luce e la fotografia, riescono ad esprimere reali emozioni attraverso i loro corpi che diventano, carnalmente e simbolicamente, un riparo (quello del titolo) nel quale nascondersi. E nel quale vorrebbe trovare spazio anche Anis.
Puccioni realizza, con uno stile asciutto ed essenziale, un film capace di scavare nelle ferite dell'anima, negli intimi desideri dettati dall'infelicità. E soprattutto tratteggia con grande sensibilità il doloroso ritratto di tre vite che cercano in ogni modo di trasformarsi, per rendere il futuro qualcosa di ancora aperto, per non finire rinchiuse nelle gabbie di un destino scritto dalle convenzioni e dai pregiudizi degli altri.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 151 millisecondi