:: Home » Numeri » #148 » LETTERATURA » Cosa Cambia - Roberto Ferrucci
2007
5
Nov

Cosa Cambia - Roberto Ferrucci

media 2.68 dopo 887 voti
Commenti () - Page hits: 5800
Ferrucci Roberto, Cosa cambia
 
Diversi anni dopo il G8 di Genova, il giornalista –scrittore ritorna nel capoluogo ligure e prende alloggio, sempre come allora, nella stanza 914 del nono piano dell'albergo "Marinella". Un ritorno, questo dell'autore, per cercare, di comprendere, di capire cosa è successo in quei caotici e febbrili giorni del  luglio del 2001. Giorni in cui l' autore ha verificato gli ideali traditi, le speranze perdute, le strade sbagliate dalla sua generazione di quarantenni  che auspicavano un mondo migliore e una società diversa. E' un libro che alterna il presente e il passato, le convulse giornate vissute con il giovane aspirante giornalista Giorgio, un romanzo che descrive, con dovizia di particolari, le violenze subite dai manifestanti, il fenomeno, primo ed unico caso nel mondo, della compara nella città italiana dei black-bloc, dei giovani torturati, di una violenza inaudita e il tutto è descritto come un reportage giornalistico. Distruzione di vetrine,  vetri infranti, auto carbonizzate, un senso opprimente di paura e di caos hanno caratterizzato gli scontri genovesi decritti minuziosamente dall'autore.  Cosa cambia è anche un libro anche di sentimenti, di rimpianti, di amori finiti male. Ferrucci tratteggia la figura di tre donne: Magdalena, stesa sulla barella, la testa squarciata, il petto sfondato, appoggiata su  borsa della Puma, immagine –simbolo delle violenze subite dai manifestanti, Angela, lasciata prima di partire per il capoluogo ligure ed Elisa, una manifestante fotografa, conosciuta nei giorni convulsi della manifestazione, con la quale avrà un intenso rapporto. I fatti di Genova, lascia intendere l'autore, hanno cambiato il corso della vita per molti giovani. Libro di denuncia sociale,  di ideologie smarrite, lo scrittore ha il merito di usare un tono quasi dimesso, molto intimista, quasi a non volere disturbare il lettore, ma la potenza dei fatti narrati (vissuti, fra l'atro, in prima persona) conferisce a questo libro un valore importante di testimonianza e di una denuncia feroce verso il potere costituito.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 120 millisecondi