:: Home » Numeri » #147 » CINEMA » In questo mondo libero
2007
7
Ott

In questo mondo libero

media 2.89 dopo 786 voti
Commenti () - Page hits: 3800
Locandina In questo mondo libero 
 
Angie lavora per un'agenzia di reclutamento che opera nei paesi dell'Est. Tornata a casa viene licenziata e si ritrova a cominciare tutto da capo. Angie è anche una ragazza madre, suo figlio ha undici anni e vive la maggior parte del tempo con i nonni. Angie decide che non vuole obbedire più agli ordini di nessuno, decide di mettersi in proprio.
Apre, insieme all'amica Rose, un'agenzia tutta sua. Inizia a farsi pubblicità, a stringere rapporti e a darsi da fare. Inizia, in un certo senso, a gestire capitale e uomini, soldi e risorse.
Ed in questo passaggio, in questo scatto, si rivela il dramma del funzionamento della nostra società. Angie inizierà a fregarsene dei diritti dei lavoratori per portare avanti i propri interessi. In questo modo il capitale irrompe in quella che era stata la solidarietà proletaria dei decenni passati e finisce per mettere i lavoratori gli uni contro gli altri. Perché la stessa Angie è figlia di un operaio, non ha studiato, non viene certo da un ambiente borghese. Però le dinamiche del capitalismo e della sua degenerazione odierna (il lavoro precario) la portano a trasformarsi, a diventare come uno di quei padroni che l'avevano licenziata.
Come le rinfaccia il padre, Angie se ne frega della solidarietà e dell'aiuto reciproco tra lavoratori, una volta che lei è passata dall'altra parte, tutto cambia, i suoi interessi divengono i soli ad avere importanza, non le richieste di quelli che lavorano, non i loro bisogni.
La porzione di mondo rappresentata, quella britannica, quella del lavoro precario degli immigrati, diventa un quadro più ampio, che riguarda tutti coloro che fanno parte dell'Europa odierna. Tutto il fiume di persone che sta arrivando dai paesi dell'Est è una forza lavoro inarrestabile, un sogno ad occhi aperti per il capitalismo che si ritrova così un continuo flusso di mano d'opera da utilizzare e sfruttare come meglio crede.
E allora lo sguardo di Loach si fa cupo, pessimista, disincantato. Perché si sono perduti concetti come quelli dell'internazionalismo o dell'identità operaia, in cui già il fatto di lavorare era un punto di incontro tra le persone di tutto il mondo, un modo per riconoscersi al di là delle proprie etnie e dei propri paesi di provenienza. E anche se Angie, ad un certo punto, decide di aiutare una famiglia di rifugiati politici, portandoseli a casa sua, dall'altra parte non si farà scrupoli a chiamare la polizia per far sgomberare un gruppo di immigrati clandestini da alcune roulotte per far spazio ai suoi operai. Il suo è un personaggio sgradevole, ambiguo, che rappresenta alla perfezione il crollo di ogni coscienza politica quanto morale. Ed in questo modo il vortice dello sfruttamento, se risucchia anche gli stessi lavoratori (mettendoli gli uni contro gli altri), non conoscerà mai fine. Perché il capitalismo è sfruttamento, in ogni sua applicazione. Sfruttamento delle risorse ambientali, sfruttamento umano, riduzione delle persone al loro valore economico,.
Loach dirige in una maniera classica, senza far mai sentire la sua presenza, un occhio invisibile che documenta nascondendosi dietro gli eventi, lasciandoli poi esplodere. Il suo cinema militante si dimentica spesso e volentieri dello spettacolo e in questo caso anche di alcuni passaggi della sceneggiatura, ma tende tutto se stesso verso un obiettivo, verso la messinscena di un'ideale, di una visione del mondo.
Perché tra le briciole del nostro consumismo ci sono veramente nuovi proletari, per non dire schiavi, che lottano ogni giorno per un lavoro o una forma di sostentamento. E pensare che lo sfruttamento è tutto quello che si potranno aspettare la dice lunga sul valore della nostra libertà e della nostra democrazia.

Trailer su YouTube
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 282 millisecondi