:: Home » Numeri » #146 » LETTERATURA » Il poliziotto che ride - Sjöwall Maj, Wahlöö Per
2007
11
Set

Il poliziotto che ride - Sjöwall Maj, Wahlöö Per

media 3.13 dopo 1004 voti
Commenti () - Page hits: 6300

Su un  autobus a due piani, il  47,  vengono rinvenuti nove cadaveri, crivellati  da 77 colpi di pistola sparati a raffica.  Un caso unico per la polizia di Stoccolma e per Martin Beck, l'ispettore capo della squadra omicidi. Indagini complesse, nessun indizio, nessun testimone. La stampa assedia la polizia, il governo interviene affinché si trovino i responsabili dell'apparente  folle gesto viene chiamato da supporto per Beck e i suoi collaboratori, Månsson.  Sull'autobus viene rinvenuto morto un giovane poliziotto della squadra omicidi, Åke Stenström e inquietanti interrogativi si pongono agli investigatori. Che faceva sull'autobus il poliziotto, si trovava per caso o stava per pedinare qualcuno, specialità nella quale era veramente in gamba?  Un dilemma attanaglia Beck:  la strage di nove persone sull'autobus 47 è opera di un pazzo criminale o l'obiettivo era il poliziotto che stava conducendo  qualche indagine, all'oscuro di tutti, essendo una persona molto riservata? Le strane fotografie della ragazza del poliziotto , rinvenute in un cassetto della scrivania, portano i poliziotti ad interrogare la compagna, Åsa dalla quale apprenderanno indizi, pur se abili, utili nelle indagini che brancolano nel buio. Comprendere chi ha sparato ed ucciso nove persone non è certamente un'impresa facile e gli autori, veri e propri maestri del giallo, imbastiscono una trama narrativa  molto complessa ed articolata, avvincente. Un giallo di difficile soluzione,ma non per il capo della squadra omicidi di Stoccolma che, coadiuvato dai fidi Röön e Kollber verrà a capo della vicenda, riuscendo ad arrestare i responsabili della strage e soprattutto  a comprendere che il vero obiettivo era la morte del poliziotto. Il tutto va ricercato nel passato,in una indagine perfetta, da manuale,  portata a termine nel giugno del 1951, sedici anni prima la strage dell'autobus, della quale però non si era riuscito a trovare il colpevole. Vicenda legata alla morte della prostituta Teresa Camĕraŏ,  che era diventata  un chiodo fisso per il poliziotto , deciso a trovare i responsabili dell'omicidio e del giallo perfetto. Un tentativo, questo di Åke,  di riuscire a fare carriera in polizia, di stanare i responsabili di un delitto archiviato. Il libro, che segue la pubblicazione di altri come Roseanna, Un assassinio di troppo, L'uomo al balcone, ci sembra il migliore di quelli finora pubblicati,  perché oltre ad a presentare degli intrighi seducenti, dei personaggi consistenti, è un vero e proprio manuale di come si conduce una  inchiesta investigativa. Un libro forte, corposo,  mai banale, un giallo perfetto che disorienta il lettore, ma lo affascina fino all'ultima pagina.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Pubblicista iscritto all'Ordine dal 1984. Sposato, due figli, 47 anni, dipendente del comune di Trapani. Svolge, dal 1981, il ruolo di corrispondente da Partanna (Trapani) per il ''Giornale di Sicilia'', collabora al sito libri.brik.it, cura una pagina di libri sul periodico ''Il Belice'', ha collaborato al sito, oggi chiuso, della scrittrice Francesca Mazzucato e alla rubrica ''I libri della settimana'' curata da Giancarlo Macaluso sul sito de ''Il Sicilia'' anch'esso chiuso. Non si considera un critico letterario, solo una persona che ama i libri.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 135 millisecondi