:: Home » Numeri » #139 » CINEMA » The Descent
2007
19
Feb

The Descent

media 3.02 dopo 1224 voti
Commenti () - Page hits: 4750

 

 

The Descent è un viaggio iniziatico (reale quanto simbolico) verso l'oscurità. Alcune donne, dopo un incidente accaduto ad una di loro (Sara, la morte della figlia) si ritrovano insieme per realizzare un qualcosa.

Una discesa in una grotta.

Affrontare insieme un'esperienza pericolosa.

Compiere un rituale.

Questo è il senso profondo della loro discesa. Ritrovare unità, cercare di trasformarsi.

Infatti abbiamo una guida (Juno) e delle prove a cui saranno sottoposte, nel corso della storia, tutte le donne.

L'oscurità avvolgente e cupa, illuminata da luci rossastre o verdognole, ci ricorda un antro infernale. La grotta inizia a significare qualcosa. Potrebbe essere il lato oscuro della personalità femminile. Potrebbe essere il buio in cui si cade quando la tua vita viene distrutta.

Strani esseri iniziano a strisciare lungo le pareti. Affamati, ciechi, cattivi. Potrebbero essere l'incarnazione dell'istinto maschile, potrebbero essere il richiamo a quanto di più primitivo possediamo.

Alcune delle donne iniziano a morire. Dilaniate da una fame atavica e ancestrale. Conoscono la paura, il dolore e infine la morte.

Un rituale, una trasformazione.

Di loro ne rimarrà viva solo una, Sara. L'unica a portare a termine il suo cambiamento. L'orrore a cui assiste e di cui poi si fa partecipe la conducono alla scoperta della propria animalità, del proprio lato oscuro, della potenza selvaggia di cui la natura umana è capace.

Il suo volto. Una maschera di sangue.

Il regista non arretra davanti a nulla, costruisce la messainscena scavando nelle viscere (umane quanto terrene) e nel dolore per arrivare ad un senso che non sia il semplice compiacimento dell'orrore mostrato. In questo, le istanze più importanti del genere horror sono ancora vive e feroci, quelle che vanno al di là della morale comune nella ricerca di altre verità, sotterranee e nascoste.

Un viaggio a ritroso che dalla luce (la vita, una figlia, l'amicizia) porta al buio.

Un percorso che Sara, all'inizio del film, svegliatasi in ospedale dopo l'incidente, cerca di compiere al contrario. Fuggendo dal buio che la insegue. Luci di corsia che si spengono una dopo l'altra. L'arrivo tra le braccia di una amica. Nessuna consolazione. Solo l'indifferenza dei suoi simili e un dolore lancinante, quello della definitiva certezza della morte della figlia.

E in questa ottica, in un finale capace di non essere banale, l'ultimo incontro con l'immagine della figlia stessa (con una torta in mano e delle candele, ancora la luce, ma questa volta senza nessuna speranza) e l'aver capito di essere diventata ormai parte di quel buio (che dentro a lei già da tempo si era diffuso) le danno finalmente la consapevolezza di se stessa.

Nessuna fuga e nessun domani possono esistere quando ci si è spenti dentro. Concetto, questo, ben espresso nella sequenza antecedente quella finale.
Perché se è vero che solo nel buio ha senso la presenza di una luce è bene ricordare che solo nell'oscurità più profonda il nostro dolore smette finalmente di farci soffrire.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 147 millisecondi