KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Fino all’ultimo respiro

2 min read

 

Pensiamo alle regole.

Quelle di un racconto, di un film, della società.

Pensiamo ad infrangerle.

Possiamo ottenere tutto quello che vogliamo. Qualcosa di nuovo, qualcosa di inaspettato.

Le convenzioni possono essere sconvolte, si può creare una propria forma di comunicazione o un mondo diverso nel quale vivere.

Non è detto che un codice sia immutabile.

Sperimentare, osare, non lasciarsi intrappolare dalle regole.

Pensiamo ad infrangerle.

Truffaut (sceneggiatore) e Godard (regista) ci mostrano come fare.

Truffaut si lascia andare al piacere del racconto come forma da modellare a proprio piacimento. C’è un uomo che non è certo un santo. Lo vediamo rubare macchine e denaro ed uccidere un poliziotto. Lo vediamo così pieno di vita che ne rimaniamo rapiti.

Il corpo di Jean-Paul Belmondo scatta frenetico e nervoso. Pura azione. Pensiero e gesti sono una unica cosa. Perenne sigaretta incollata alle labbra, da una parte all’altra della città alla ricerca di soldi. La malavita, il fascino di chi vive al di là della legge.

Poi il rapporto con una ragazza. L’amore e il sesso e tante parole che costruiscono dialoghi mai banali o noiosi. Truffaut ci fa percepire il gusto della scrittura, la voglia di raccontare, la sua capacità di creare una narrazione che sia prima di tutto specchio di quello che a lui piace.

E allora Bogart e il cinema americano (uno dei falsi nomi del protagonista è Lazlo Kovacs), il poliziesco, poi la scrittura e i film, la pittura e la musica.

Godard segue il suo amico e fa piazza pulita di qualsiasi regola del linguaggio filmico. Saltano i raccordi, la continuità, i codici del montaggio. Godard si preoccupa solo del ritmo della narrazione.

Pura azione.

Sincopato come un be-bop di Charlie Parker il film ci trascina in un vortice esistenziale fatto di suggestioni narrative e incontrollato desiderio di vita.

Godard&Truffaut riescono a realizzare un’opera che si impone come punto di rottura con tutto il cinema precedente. Ci si lascia andare al proprio gusto personale e alle proprie idee su qualsiasi cosa in maniera incontrollata.

L’azione diventa un qualcosa che con la sua forza dirompente dà energia alle immagini.

Il cinema si dimostra ancora una volta un mezzo che può avere le sue regole perennemente riscritte.

Godard&Truffaut ci dicono di non rinchiuderci in gabbie semantiche, narrative o espressive.

Ci dicono di andare a rotta di collo lungo la strada del racconto.

Di lasciare senza fiato lo spettatore.

In questo modo un film diventa esperienza di vita e d’arte.

Due mondi dove le regole esistono sa sempre.

Nel primo per una utopica convivenza degli uomini.

Nel secondo per l’attesa che qualcuno le distrugga e ne inventi di nuove.

Commenta

Nel caso ti siano sfuggiti

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.