KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Intervista con Amedeo Giuliani

6 min read

IL VIAGGIO DI CHINOOK

Fortemente ispirato dalla musica e dai testi di Fabrizio De Andrè e dalle canzoni di Francesco De Gregori, Leonard Cohen e Bob Dylan, inizia a scrivere le prime composizioni seguite dalle prime esibizioni.
Nell’aprile del 2000 vince il Festival Musica la Vita live, ricevendo una speciale segnalazione per la profondità dei testi e per l’impatto con il pubblico giovanile.
Nel 2001 si diploma presso la Hope Music School, dove conosce grandi autori e musicisti come Oscar Prudente, Sergio Bardotti, ricevendo un diploma di merito “Migliore musica” per la canzone “Comunque libero” (Guastella, Giuliani).
Nel 2008 esce il disco “Il fantasma del buio” edito WideProduction / MusicForce e distribuito Self, dodici brani, alcuni dei quali scritti in collaborazione con il poeta siciliano Cesare Zarbo e magistralmente arrangiati dal M° Adriano Guarino.
Nell’agosto 2009 prende parte alle finali del Premio Nazionale “La canzone del Sole” con giuria presieduta da Giulio Rapetti in arte Mogol, vincendo il Premio Migliore Musica con il brano “Il Fantasma del Buio”.
Nel 2015 esce il concept album “Monadi”, scritto il collaborazione con Cesare Zarbo e arrangiato dal M° Adriano Guarino, distribuito Wide Production.
Nel 2017 vince il Premio Letterario Nazionale Borgo Albori per la sezione “Musica d’Autore”.
Il 25 giugno 2021 esce il suo nuovo disco “Il viaggio di Chinook” per Music Force, dieci nuove tracce che contraddistinguono lo stile del cantautore pescarese.

Gabbia di vetro / Il casellante / Figlio di un’idea / Neve / Luna cubana / Artista di strada / Mela acerba / Codice a barre / Non aver paura / Vorrei vedere il mare

Intervista

Davide

Ciao Amedeo. Gli chinook sono una tribù di indiani d’America o cos’altro? Cos’è il viaggio di Chinook?

Amedeo

Lo Chinook è un singolare pesce, comunemente denominato salmone il quale, con la sua forza, coraggio e resistenza del vivere ci riporta alle aspirazioni e desideri e travagli nell’affrontare le vicissitudini le esperienze e disavventure dell’esistenza Umana.

Davide

Cosa è cambiato dai tuoi lavori precedenti, “Il fantasma del buio”, “Monadi”, e cosa è invece rimasto?

Amedeo

Certamente sono dischi differenti, vuoi perché “Il fantasma del buio” ad esempio è uscito nel 2008 e “Il viaggio di Chinook” nel 2021, nel mezzo Monadi, circa sette anni l’uno dall’altro, in totale sono trascorsi tredici anni fra il primo e l’ultimo… sono fisicamente e mentalmente maturato, gli studi, la ricerca sonora, l’esperienza,“la gavetta”, il mio sguardo è totalmente cambiato e così anche le canzoni che scrivo.

Davide

Chi ha suonato nel disco?

Amedeo

Adriano Guarino ha curato gli arrangiamenti e ha suonato le chitarre, le batterie, il piano, le tastiere e le programmazioni. 
Francesco Marranzino il contrabbasso,
Francesco Mazzeo le percussioni,
Cinzia Carlà i cori,
Fabio Petrella l’Hammond 
Io chitarra e voce. 

Davide

Boris Vian disse che gli uccelli sono responsabili di almeno tre grandi maledizioni che colpiscono gli esseri umani. Ci hanno dato la voglia di arrampicarci sugli alberi, di volare e di cantare… Chi o quali cose e fatti sono stati “responsabili” della tua attività musicale e autoriale?

Amedeo

L’amore per la canzone d’autore mi è stato trasmesso dai grandi cantautori primo fra tutti De Andrè, ma anche De Gregori, Guccini, Branduardi e gli stranieri Cohen, Dylan… Scrivo la mia opinione sulle cose che mi girano intorno, senza la pretesa di insegnare niente a nessuno. È il mio modo di comunicare, di mettere gli accenti sulle tematiche che mi stanno più a cuore. 

Davide

Come sono nate le tue nuove canzoni in collaborazione con Cesare Zarbo, intorno a quali temi più sentiti e pressanti?

Amedeo

Partono tutte da me, da quello che l’ispirazione mi suggerisce, successivamente ne parlo con Cesare e insieme sviluppiamo la trama. Tutto a seguito di attente analisi… ogni parola è messa al punto giusto perché è lì che doveva stare. 
“Volevo una canzone come una donna di malaffare 
Di tutti e di nessuno, come una lingua, come un altare 
Tutti in fila al lavatoio, quando all’alba si va a lavare 
Tutti in fila sul portone, lei sola sceglie chi deve entrare…” ( Max Manfredi)

Davide

Musicalmente le composizioni spaziano dal cantautorato italiano classico più o meno folk, al rock (Codice a barre) al blues (Artista di strada), evocando ritmi, suoni e atmosfere che vanno da Cuba (Luna cubana) alla Grecia (Mela acerba). Sappiamo che una canzone piò essere arrangiata in infiniti modi diversi. In che modo tu attingi a modi e generi diversi quando scrivi e poi arrangi  una canzone? Come scegli a una tua canzone il suo “vestito” definitivo?

Amedeo 

È il testo che molto spesso ne suggerisce la musica. Altre volte capita il contrario, ho voglia di scrivere un brano ad esempio blues, compongo la musica e poi scrivo il testo. La cosa certa è che ogni canzone ha sempre il suo migliore abito.
Tutto il resto, e parlo degli arrangiamenti, è cucito da un sarto eccezionale il Maestro Adriano Guarino che fra le tante capacità innate e tecniche ha il dono di una forte sensibilità.  

Davide

La canzone non ha più la stessa funzione formativa e soprattutto sociale, né lo stesso seguito di quella ai tempi in cui cominciarono autori come De Andrè e De Gregori, Bob Dylan e Leonard Cohen. Cosa ne pensi?

Amedeo

Non sono d’accordo, secondo il mio modestissimo parere la canzone ha ancora la stessa funzione, purtroppo oggi viene utilizzata male e spesso con contenuti nocivi. Ma la responsabilità è di chi la diffonde e al fine puramente speculativo cerca di proporre sempre un prodotto che consente il facile guadagno a scapito del messaggio che trasmette. Ma il discorso sarebbe troppo lungo…

Davide

Qual è il tuo obiettivo artistico primario,? Cosa ti proponi di raggiungere infine attraverso la canzone?

Amedeo

Nel nostro modesto borgo cerchiamo di proporre la nostra musica come promulgazione culturale. Proviamo, io insieme a tanti  altri colleghi  di far resistere la canzone d’autore, perdonatemi il paragone irriverente, siamo i Partigiani della Canzone d’Autore. 
Personalmente mi piacerebbe riuscire a vivere solo di questo. Impresa ardua. 

Davide

Cosa seguirà?

Amedeo 

Speriamo tanti concerti, altre canzoni e altri dischi…Sempre che il Cielo ci assista.
Nel frattempo seguite la mia pagina dedicata sul sito della mia etichetta discografica con la quale sto condividendo la promozione e la diffusione del disco.
www.musicforce.it/catalogo-produzioni/2522-amedeo-giuliani-il-viaggio-di-chinook
Qui potete trovare tutte le mie info, le mie interviste, recensioni, i link per vedere i miei video, per acquistare l’album, insomma, per essere aggiornati costantemente sul mio nuovo lavoro discografico.
E poi dovete seguirmi sulla mia pagina Facebook amedeogiuliani75

Davide

Grazie e à suivre…

Amedeo

Grazie a voi.

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.