:: Home » Numeri » #135 » CINEMA » A casa nostra
2006
20
Ott

A casa nostra

media 2.98 dopo 1086 voti
Commenti () - Page hits: 5450

 

Casa Nostra. Ma quale? L'Italia, naturalmente.

Casa Nostra, così la chiama Rita (Valeria Golino), capitano della Guardia di Finanza mentre sputa in faccia la verità a Ugo (Luca Zingaretti), banchiere affermato e senza troppi scrupoli. Che L'Italia non è solo il paese di chi vuole rubare, ma anche della gente onesta (e il farlo dire da uno della GdF mi ha fatto rabbrividire) e che quindi i grandi ladri la devono smettere di fare i loro porci comodi.

Ecco, questo è il massimo della coscienza politica e sociale a cui arriva il film. Tutto il resto è solo una squallida e banale rappresentazione di caratteri che mettono a disagio solo a vederli parlare o muoversi. Un disagio dovuto dalla costruzione di personaggi che vorrebbero essere specchio di alcune tipologie italiane ma che rasentano a mala pena l'immagine che di essi la televisione o la fiction riescono a darci.

Brividi, brividi dappertutto.

La Comencini dichiara di voler mostrare i luoghi oscuri della società italiana quando riesce soltanto a farci vedere cose che tutti conosciamo e che non sono una novità per nessuno. Qui non c'è nessun coraggio, nessuna volontà di voler scavare veramente nelle ragioni di una tale disastrata società e non c'è neanche l'intelligenza di tirarci fuori un racconto con una sua compiutezza se non morale o etica per lo meno narrativa. Cercando nella coralità una forma espressiva che finisce per crollare su se stessa perché non supportata né da una sceneggiatura degna di questo nome, né dalla prova degli attori, si rimane con un'accozzaglia di piccole storie che cercano di incastrarsi per dare un parvenza di intreccio e di struttura. Non basta far incontrare sette personaggi per caso per parlarci del destino e dei suoi scherzi. Si vorrebbe che il denaro fosse motore narrativo e tematico. Si vorrebbero raccontare le bassezze e la complessità dell'animo umano. Si arriva forse a dare uno spaccato dell'incapacità narrativa a cui il nostro cinema sembra essere arrivato.

E' tutto molto confuso e ipocrita in questo film, alcune sequenze aumentano la mia rabbia di spettatore e infuocano la mia dignità di studioso di cinema.

Brividi, brividi dappertutto.

Il personaggio di Otello, delinquente pentito, che va a puttane sentendo l'opera lirica.

Il personaggio di Gerry, nella sua totalità, interpretato dall'astro nascente della recitazione italiana, Luca Argentero, che dopo anni di formazione all'Actor's Studio di Cinecittà (Big Brother School) approda sul grande schermo.

Elodie (Laura Chiatti) che rivela a Gerri che il suo sogno era di fare la cantante e si mette a cantare.

La scena prima suddetta dello scontro verbale tra Ugo e Rita.

E poi molte altre che avrete il piacere di scoprire al cinema se vi avventurerete nella visione del film.

La mia rabbia è quella per la completa assenza di qualsiasi approfondimento psicologico o narrativo, per l'incapacità di voler veramente scavare nella merda nostrana per tirarne fuori qualcosa di autentico, qualsiasi cosa. La mia rabbia scatta nel vedere volti di gente inetta che si crede di stare a recitare, scatta nell'assistere ad una storia che non ha l'umiltà di riuscire a raccontare neanche un piccolo frammento di verità volendosi travestire da racconto a più voci, dove l'unico suono che ne esce fuori è quello dell'ipocrisia.

A Casa Nostra. Quale? Naturalmente l'Italia, quella da cui ogni persona con un po' di buon senso dovrebbe andarsene.

Perché la casa di ognuno non è quella dove nasci o crepi, ma quella dove trovi persone che sono a te simili.

E di tutte quelle mostrate sullo schermo non ce ne è nemmeno una che mi assomigli.

E' questa la cosa orribile.

Se questo film vuole mostrarci come siamo diventati allora è meglio distruggere qualsiasi macchina da presa e riappropriaci dei nostri occhi per avere il proprio punto di vista sulle cose.

Quello che sa riconoscere un film da una presa per il culo.

 

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Emiliano Bertocchi
Mi chiamo Emiliano Bertocchi. Sono nato a Roma il 22 giugno 1979. Perchè scrivo? Credo sia questa la domanda a cui debba rispondere. Scrivo perchè ne ho bisogno. Niente di più e niente di meno. Scrivere non è un hobby, o uno svago, o una cosa da fare tanto per fare. Almeno non per me. Io ne Sento il bisogno. Quando sto male, quando mi rode, quando sono incazzato, quando vorrei distruggere qualsiasi cosa ho davanti, quando amo, quando sto fuori, quando vivo. L' altra volta sono andato a un reading di poesie e mi sono accorto che leggere le mie poesie davanti ad altri è stato come andare in giro a raccontare a degli sconosciuti la propria vita. Preferisco stamparle e farle leggere le mie cose, piuttosto che leggerle io stesso. C'è meno intimità. E poi il lettore ritrova sempre se stesso nelle pagine che legge ed è preferibile che non si specchi troppo con chi le ha scritte. Scrivere è la mia libertà, il foglio bianco è la mia Anarchia, perchè lì sono veramente libero di poter dire, essere e fare tutto quello che voglio e come lo voglio. Gli scrittori che mi hanno fatto iniziare sono stati Charles Bukowski e Jack Kerouac. Grazie. E un grazie anche alle parole... le mie dolci amiche... vi prego non lasciatemi... non lasciatemi mai.
MAIL: e.bertocchi@tiscali.it
WEB:
lascimmiasullaschiena.splinder.com
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 138 millisecondi