:: Home » Numeri » #191 » LETTERATURA » Dieci gay che salvano l'Italia oggi - Daniela Gambino
2011
6
Giu

Dieci gay che salvano l'Italia oggi - Daniela Gambino

media 2.95 dopo 42 voti
Commenti () - Page hits: 6600
prefazione di Matteo B. Bianchi, Laurana (Milano, 2011)
pag. 128, euro 11.90
 
Cos'hanno in comune Nichi Vendola e Tiziano Ferro? A questa domanda, se non si vuole scherzare dicendo "la voce" è semplice rispondere: entrambi sono gay; ed ecco il primo, grande, errore. La comunanza non è nel fatto che loro sono omosessuali e basta. Ma che hanno dimostrato il loro gusto sessuale con un coraggio che potrebbe essere d'aiuto a chi le stesse scelte di vita ha paura d'esternarle. Grazie a "Dieci gay che salvano l'Italia oggi", di Daniela Gambino, giornalista e già autrice d'altri libri importantissimi, che questo innanzitutto c'insegna. Perché, e non facciamo finta di nulla, tante volte, anzi davvero troppe, si divide il mondo in categorie. Tra normali e diversi. Come se la diversità si dovesse mettere, o la cosiddetta normalità, in un campo a parte. Ma l'Italia clerico-fascista, questo è. Non garantire diritti alle minoranze. E di qualsiasi tipo. E chi scrive, da convivente, lo sa bene. Mentre, invece, sarebbe ora d'aprire una stagione di nuovi diritti. Altro che la difesa dei pochi acquisiti. Questo saggio di Gambino racconta alcuni esempi. Storie e personaggi che possono essere bandiere per battaglie che non dovremmo abbandonare. Nichi Vendola, dunque, Tiziano Ferro. Ma con Nino Gennaro e Rosario Crocetta. Insieme a Leo Gullotta, Aldo Busi, Gianni Vattimo. Con Anna Paola Concia, Titti De Simone e Franco Grillini. Non: gay e lesbiche: persone che danno e hanno dato alla società. In favore di cause collettive. Ferro evidentemente è stato anni divo prima di fare, come si dice oggi, coming-out. Ma l'ha fatto, e pubblicamente. E per mettere quello sfogo al servizio d'altri o altre. Mentre Gennaro e Crocetta rappresentano un vanto per il Sud dell'Italietta. Concia De Simone Grillini la certezza d'un impegno politico che non muore. Passando per un Gullotta che tiene alla sua intimità ma senza che questa difesa del personale diventi codardia. Quando Busi, di contro, sceglie una via parallela ma simile; ovvero eccede e si fa testimonial, togliendosi riservatezza eppure racconta con il proprio corpo le sue idee forti. Vendola, poi, è l'esempio, al momento, più potente. Perché oltre alla decennale battaglia per tutti i diritti, prova a inventare un'alternativa politica, seguendo chiaramente un vialone costellato di contraddizioni ingombranti. Ma "non buttiamola in politica", perché questa nuova opera di Daniela Gambino per fortuna è oltre una certa 'politica'. Non teme smentite. Non dimostra genuflessioni. Spiega storie necessarie.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 235 millisecondi