:: Home » Numeri » #266 » MUSICA » Intervista con Alfredo Gargaro
2017
17
Set

Intervista con Alfredo Gargaro

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 250
 
VARIOUS
Sliptrick Records
 
Alfredo Gargaro, noto chitarrista della scena heavy Romana, da tempo impegnato con gli Exiled On Earth, esordisce da solista con “Various” per la Sliptrick records. Un album che raccoglie le sue influenze musicali in questo disco, con il supporto di Andrea Mattei, che si è occupato di strumentazione aggiuntiva e di produzione, e soprattutto con la partecipazione di diversi cantanti.
 
Tracklist:
01. Various
02. Burning Down (ft. Giorgio Lorito)
03. Kill The Flame (ft. Francesco Lattes)
04. She Shark (ft. Cesare Verdacchi)
05. Different  Soul
06. Exodus (ft. Giuseppe Ciape Cialone)
07. Deadly Ride (ft. Tiziano Marcozzi)
08. No More Free (ft. Francesca Messali)
09. ‘Till The End Of Time (ft. Freddy Rising)
10. Twister
Line-up:
Alfredo Gargaro – Rhythm  guitar , Lead guitar
Andrea Mattei  –Arrangiamenti 
 
Intervista
 
 
Davide
Ciao Alfredo. “Various” è il tuo esordio come solista e credo segua “Forces of Denial” con gli Exiled on Earth. E in effetti si tratta di un album piuttosto vario, che spazia dal blues all'hard rock al metal. Ma soprattutto è vario nell'ospitare le diverse voci che cantano. E vari sicuramente sono i tuoi riferimenti. Quali chitarristi e quali dischi del passato ti hanno avvicinato più di altri allo strumento e al fare musica?
 
Alfredo
Ciao Davide. Innanzitutto grazie per questa  intervista... Far parte degli Exiled on Earth è per me un vero privilegio ma soprattutto ciò che ci unisce e' un legame di amicizia.
Si Davide dici bene..Various  è il mio primo lavoro da solista e ha  questo  titolo proprio perchè volevo  far emergere  fin da subito la varietà  delle musiche, dei suoni e delle voci a cui mi sono ispirato scrivendo i brani che con l'aiuto del mio grande amico Andrea Mattei ho realizzato strutturalmente. Ogni brano dei 7 cantati e dei 3 strumentali è un pezzo di me che mi racconta, che racconta  in particolare i miei gusti musicali, le mie influenze, le mie cratteristiche tecniche. 
Sono tanti i chitarristi che  hanno impresso in me un particolare amore per la musica... L'ascolto di autori come Satriani, Richard Blackmore, Petrucci, Gary  Moore e vari generi come Soul, Blues, Hard Rock, Metal, Metal estremo hanno costruito la mia cultura poliedrica e con lo studio costante   della chitarra che è sempre con me,  ho definito le mie caratteristiche e il mio sound .
 
Davide
Come è nato il materiale di questo disco, intorno a quali temi e contenuti?
 
Alfredo
Amo molto l'improvvisazione in ambito musicale pertanto parto da un Riff che mi ispira e ci lavoro sù fino a che non ritengo sia quello giusto e che soprattutto sia completo .
NEL REALIZZARE VARIOUS HO MESSO INSIEME TUTTE LE MIE ESPERIENZE DI VITA MUSICALE ACCUMULATE IN ANNI E LE HO TRASFORMATE IN RIFF, RITORNELLI, E NOTE COSÌ È NATO VARIOUS E COSÌ VORREI CHE NASCESSEREO I MIEI  LAVORI FUTURI ...  Io suono da quando ero adolescente e come spesso accade  la musica mi ha salvato da esperienze che potevano segnare negativamente il corso della vita. Ho incontaro   tanti professionisti sulla mia strada e fin da subito  sapevo  quale doveva essere  la mia  meta: comporre un disco (spero anche più di  uno)  poliedrico come io stesso mi definisco... e con “Various” ho realizzato un mio primo sogno.
 
Davide
Perché hai scelto voci sempre diverse?
 
Alfredo
L'incontro con gli amici cantanti che hanno dato la voce ai miei brani ha reso  tutto ancor più reale, ma soprattutto la maestrale collaborazione con Andrea Mattei arrangiatore del disco e soprattutto amico di vecchia data nonché  grande professionista e musicista. La scelta di voci diverse mi ha permesso di esprimere in quasi totalità la mia poliedricità musicale.  Ogni voce ha una sua particolarità come d'altronde ogni cantante ha un suo personale curriculum di tutto rispetto che mi ha  permesso  di reliazzare il mio sogno.
 
Davide
Quali emozioni ti preme maggiormente di sollecitare attraverso la tua musica?
 
Alfredo
L'unica emozione che mi sento di condividere è quella che suscita la musica. .IO dico sempre: Vivete la musica, amate la  Musica,
Siate la musica della vostra vita... solo così si potrà continuare a comunicare in modo inequivocabile .
 
Davide
Le chitarre sono come le donne, non riesci mai a capirle del tutto, ha detto Slash. Quali sono le tue preferite (chitarre, ovviamente)?
 
Alfredo
Ha ragione pienamente Slash... Per ora il  mio equipment  è composto da 4  diversi tipi di chitarra; ognuna con caratteristiche diverse.  La  GIBSON  LES PAUL STYLE NECK 60 - ideale per  generi hard rock in quanto monta PAF REPLICA 60 che consente di creare sound  alla vecchia maniera – poi uso una IBANEZ  FR1620 PRESTIGE BLACK che con i suoi 24 tasti  e' ottima per  virtuosismi e anche per metal classico   -  invece  l'IBANEZ ICEMAN  e la  B.C. RICH MOCKINGBIRD  si adattano  benissimo  al metal estremo..
 
Davide
Il chitarrista Flavio Cucchi, in alcune sue considerazioni sulla tecnica chitarristica, divide in due grandi famiglie i diversi tipi di impostazione e di tecnica: la visione della chitarra come un pianoforte, che mira alla uniformità dei suoni, alla precisione dei passaggi, alla velocità, alla pulizia oppure la visione della chitarra come una voce, che privilegia l'uso dei colori, delle sfumature timbriche, del controllo e uso delle dinamiche ecc. A quali delle due sentiresti di appartenere?
 
Alfredo
Consiglio  semplicemente i lettori di ascoltare Various... si sentirà  un pò tutto questo .. è il mio essere poliedrico che si distingue.
 
Davide
Leggevo alcune personali considerazioni del chitarrista romano Luca Ricatti sotto il titolo di “Il problema della musica in Italia è”. Rivolgo a te dunque questa domanda: il problema della musica in Italia è?
 
Alfredo
Fare musica di un certo tipo qui in Italia (intendo Metal/ Hard Rock e simili...) è ghettizzante... Altre terre  permettono di fare musica in modo ben diverso e di avere una giusta visibilità e conoscenza a costo zero, mentre qui sappiamo tutti bene come è l'Iter...
Ma questo non ci deve scoraggiare nel continuare a fare musica... la nostra musica e a mettere in musica i nostri pensieri ed esperienze .. 
 
Davide
Cosa seguirà?
 
Alfredo
Sto  gia lavorando  per il prossimo disco solista . Come Various sarà un'insieme di tecniche e melodie di diversi generi ma non sarà la copia del primo. Ma per scaramanzia preferisco non parlarne adesso .  Se ti fa piacere all'uscita del disco  ne riparleremo...
 
Davide
Grazie e à suivre...
 
Alfredo
Grazie a te Davide per l'opportunità data ... e  auguro a tutti Buona Musica Sempre
Alfredo Gargaro
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Davide Riccio
Davide Riccio, di Torino, educatore, musicista polistrumentista, compositore e giornalista. Ha collaborato con molti musicisti italiani e internazionali. Ha scritto poesie, racconti e saggi, che ha pubblicato su antologie e riviste sparse dal 1983 ad oggi (tra le ultime opere pubblicate “Il Musico David Rizzio” (biografia, ebook, 2006), “Povertssiment” (Genesi 2006), “Sversi” (Libellula, 2008), Neumi, cantus volat signa manent – La musica che lascia il segno (con cd di autori vari, Genesi-Into my Bed-Unamusica 2011). Dal 1998 è stato inquirente e articolista ufologo, copywriter in pubblicità e giornalista (il settimanale La Val Susa, il quotidiano Torino Sera, e il mensile Oblò di Livorno) occupandosi di cultura in genere e divulgazione.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 145 millisecondi