:: Home » Numeri » #189 » LETTERATURA » Un uomo ridicolo - Silvano Notari
2011
4
Apr

Un uomo ridicolo - Silvano Notari

media 3.07 dopo 109 voti
Commenti () - Page hits: 4150
Introduzione di Cinzia Demi
In copertina: Richard Gerstl, Self Portrait Laughing, 1908
Edizioni Pendragon
Poesia
Collana Poesia
Pagg. 112
ISBN 9788865540237
Prezzo € 12,00
 
Psico poesia
 
E' proprio vero che poeti si può nascere, ma che scrittori di poesie si diventa con uno studio continuo e approfondito, perchè non c'è talento che possa rivelarsi tale se non adeguatamente coltivato.
E' questo il caso di Silvano Notari, di cui in passato ho avuto occasione di leggere una silloge (Il sorriso del pensiero), nella quale si poteva riscontrare una certa attitudine poetica, tuttavia non accompagnata da una tecnica adeguata che potesse dar luogo a un lavoro di particolare interesse.
L'autore bolognese, a quanto mi risulta, si è poi dedicato con passione alla poesia, leggendo e applicandosi a dovere, e così quel talento che prima era indovinabile con quest'ultima raccolta è finalmente emerso.
Si possono infatti scorgere elementi di equilibrio e di armonia non occasionali, ma continui, accompagnati anche da invenzioni poetiche che impreziosiscono il verso e danno forza al concetto espresso ora in modo più chiaro e convinto.
Insomma, a dirla con parole un po' più semplici, Notari è riuscito a passare dal ruolo di aspirante a quello di artista e pertanto onore al merito, perché so, per esperienza diretta, quanta fatica si debba fare per migliorarsi in modo significativo.
Ora, ai testi di Un uomo ridicolo si vorrebbe attribuire un significato psicologico, come anche scrive Cinzia Demi nella introduzione; tuttavia, al di là della psicanalisi di Freud o di Jung, mi permetto di puntualizzare che questa raccolta è di poesia introspettiva, di analisi interiore, rapportata con il mondo esterno, e quindi solo in questo senso è una poesia psicologica, ma senza astruserie che spesso rendono grevi la lettura e quindi con una comprensibilità e gradevolezza che accompagnano tutta l'opera.
E' piacevole infatti recepire la comunicazione in presenza di equilibri e armonia che contribuiscono alla identificazione di uno stile personale, sempre suscettibile di miglioramenti, ma già ora ben preciso e appagante (All'alba sono tenebre in fuga / raggi apicali le inseguono / in nicchie si ritrae il sogno / di luminosi spazi mentali. / Il pensiero apre il sipario / sul proscenio già danzi / fringuelli intonano liriche / sulle punte volteggi gioiosa. /…); oppure ( Luce che abbaglia/ il tuo sguardo / bagliore ammaliante / che trafigge la mente. /  Sospiro di vento / il tuo respiro / plano volando come gracile foglia. /…), o ancora ( La sera umida e pallida / mostra tutta la mestizia / del giorno che sfuma. / Il buio ha la meglio / col suo grigionero copre / gli orrori del mondo. /….).
C'è ariosità in questi versi, un flusso continuo in un ritmo del tutto equilibrato, che si recepisce con facilità, immediatamente, lasciando al dopo l'opportuna riflessione.  E' una poesia, perché si tratta di poesia in tutti i sensi, di carattere onirico, in cui i sogni sono più concreti della realtà e in cui si accompagnano visioni metaforiche che fanno andare il nostro sguardo oltre l'apparente per cogliere ciò che è verità.  Il tema non è certo facile da trattare, ma Notari è riuscito a domare l'irruenza delle sensazioni intime riproponendocele in altra veste, frutto dei risultati della sua analisi posta a disposizione di altri, che un po' ci si ritrovano, perché in fondo l'uomo ha una natura comune, pur con le inevitabili sfaccettature, ma ciò che domina in tutti, e spesso inconsapevolmente, è il significato da dare all'esistenza ( …Sarai immensa anche nel silenzio / di palcoscenici desrtu e luci spente. / Il poeta? Una libellula impaurita / un soffio di nulla e scompare.).
E qui concludo, con la raccomandazione di leggere questo libro, perché sicuramente non ve ne pentirete.
 
Silvano Notari è nato il 15 luglio 1950, in provincia di Bologna. Di famiglia contadina, conserva ancora oggi i valori delle proprie origini. Raggiunta l'età della pensione, si dedica totalmente alle sue due grandi passioni: la poesia e il teatro brillante. È socio del gruppo poetico Il Laboratorio di Parole del Circolo La Fattoria di Bologna. Ha pubblicato due raccolte in versi: Poesie. Una vita di poesie... le poesie di una vita (Edizioni SPP, Aosta 2004); Il sorriso del pensiero (Libreria Editrice Urso, Avola 2007). Fa parte della compagnia teatrale amatoriale I Roncati di Zola Predosa, in cui recita e collabora con la regista, Mariuccia Squintani, all'adattamento dei testi. Nel 2009 ha scritto la commedia brillante in due atti L'Osteria del biacco andata in scena nel 2010 in diversi teatri del Bolognese.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 233 millisecondi