:: Home » Numeri » #243 » MUSICA » Intervista con i Madhouse
2015
13
Ott

Intervista con i Madhouse

media 3.46 dopo 26 voti
Commenti () - Page hits: 1650
 
La rock band MadHouse, capitanata dalla cantante/autrice Federica Tringali ha pubblicato l'EP  "You Want More". Co-prodotto con Marco Barusso (Lacuna Coil, Cayne), "You Want More" è una raccolta di 4 solide tracce di rock moderno, con influenze che spaziano da Joan Jett alle Hole.
 
Bio
I MadHouse nascono dalla fortunata unione di 4 musicisti di Milano e Pavia impegnati da anni nella scena musicale rock. L’intenzione della band è quella di usare la musica e il palco come i migliori mezzi di comunicazione.
La sinergia fra i 4 elementi (voce femminile, chitarra, basso e batteria) è immediata e da origine ad uno show di due ore di cover dei migliori pezzi rock internazionali, spesso rivisitati.
Perchè MadHouse?
La band rappresenta il limite fra genio e follia. La timbrica della voce rock blues, la creatività della chitarra passando per la pazzia delle corde del basso ed il tiro sostenuto del batterista sono gli ingredienti che rendono i MadHouse una "macchina da rock".
A settembre 2015 è uscito il primo EP di brani inediti scritti dalla cantante Federica Tringali e prodotto da Marco Barusso. "YOU WANT MORE". ICM Records.
 
 
Line up
Federica Tringali - Lead Vocals
Filippo Anfossi - Guitar
Lorenzo Marzagalli - Bass
Max Di Muro Villicich - Drums
 
TRACKLIST
1 Change
2 Empty Inside
3 You Want More
4 Skulls and Bones
 
"You Want More" è già disponibile su iTunes e tutte le principali piattaforme digitali.
https://itunes.apple.com/ua/ album/you-want-more-ep/ id990324487
 
Video di "Empty inside"
 
Intervista

Davide
Ciao Federica, ciao MadHouse. Come nascono i MadHouse e da quali precedenti esperienze venite? 

Federica / MadHouse
Ciao Davide!
I MadHouse nascono nel 2012 come cover band di pezzi rock internazionali. Negli anni la band ha subito qualche cambio di lineup fino ad arrivare a quella definitiva: io (Federica Tringali) alla voce, Filippo Anfossi alla chitarra, Lorenzo Marzagalli al basso e Max Di Muro Villicich alla batteria. Proveniamo da realtà musicali diverse con tanta gavetta e palco alle spalle che si sono ben fuse nel progetto MH. Un anno e mezzo fa abbiamo deciso di iniziare a lavorare su brani inediti che hanno dato vita all’EP “You Want More” co-prodotto con Marco Barusso (ICM Records).

Davide
Perché "You want more" per titolo e perché quelle postazioni di un call center in copertina? 

Federica
"You want more" significa “tu vuoi di più”. Il cambiamento in senso positivo, il migliorare la propria vita e il proprio io è il fil rouge che unisce tutti i brani dell'EP.
Il brano è profondamente autobiografico. Ogni parola del testo ha un forte legame fra significato,  significante e vissuto. La copertina dell’EP è totalmente esplicativa dell’intenzione del brano. La totale volontà di uscire da uno schema ripetuto all’infinito da situazioni anonime e impersonali  in cui si è obbligati a vivere. 

Davide
Avete scelto di esordire con un CD singolo e quattro brani. Perché non piuttosto con un vero e proprio album? 

Federica
Volevamo dare un imprinting efficace e rappresentativo della nostra musica. L’album uscirà tra un anno. Stiamo già lavorando sui nuovi pezzi. 

Davide
Nella presentazione del gruppo si leggono, tra le vostre influenze, due nomi storici del rock come The Runaways di Joan Jett e The Hole di Courtney Love. Due nomi importanti di grande forza d'ispirazione per la scena rock femminile e di un rock'n'roll potente e diretto. Gail Pellert: «Fondamentalmente e quasi totalmente, il rock è una celebrazione della sensualità umana». Qual è la vostra idea del rock? 

Federica
Il rock per noi è molto più di un genere musicale, è un modus vivendi molto lontano dal cliché “sesso, droga e rock'n'roll". È un modo di affrontare la vita di tutti i giorni con coraggio e propositività. Spesso la vita richiede di essere rock ossia duri, affrontare le difficoltà e le paure per migliorarsi.
Questo è stato tradotto da noi in musica nel nostro EP che racchiude tutti questi concetti.
La forza è vita e vivere il rock è seducente e sensuale per definizione. 

Davide
Se il timbro è la pelle della voce, il tono è la sua carne emozionata, ha scritto Miguel Ángel Arcas. Cos'è per te la voce? Cosa il suono? 

Federica
La mia voce sono le mie impronte digitali, il mio modo per lasciare un segno, il mezzo per me migliore per comunicare. La voce e gli strumenti si trasformano in suono organizzato creando la musica che veicola le mie emozioni (almeno questa è la mia intenzione) a chi ascolta.
Nella vita mi sento un liquido, come se non avessi una forma, e la musica è il mio contenitore perfetto. 

Davide
Quali pezzi rock rivisitati più spesso nei vostri concerti e che significato per voi suonare dal vivo? 

Federica
Rockin'in the free world resta un nostro cavallo di battaglia. Ne esistono tante versioni e noi ne abbiamo creata una nostra, abbiamo rivisitato in chiave hard rock anche Poker Face di Lady Gaga, Umbrella di Rihanna e Careless Whisper di George Michael. Suoniamo poi un repertorio molto vasto che spazia dagli U2, a Bon Jovi, ai Queen, a Alice Cooper, ai RHCP fino ai Nirvana. Uno show eterogeneo energico e non scontato in pieno stile MadHouse.
I live sono la cosa più importante per chi fa musica. Si ha un contatto diretto con il pubblico e se ne percepiscono le reazioni, cosa che permette di migliorare il lavoro del musicista e le performance on stage. Il palco resta comunque la parte più divertente e rock in tutte le sue sfaccettature. 

Davide
Cos'è genio? Cos'è follia? Cos'è il limite tra genio e follia secondo MadHouse? 

Federica
Ho scelto di chiamare la band MadHouse  partendo da un episodio che ho vissuto quando avevo 15 anni. Mio padre mi portò ad una mostra di quadri creati dagli ospiti di una casa di cura psichiatrica. Alcuni di loro erano pittori, altri no. Attraverso quelle immagini raccontavano la loro realtà in maniera forte, semplice ed estremamente comunicativa. Ho sempre sostenuto che l’artista nasca con una sorta di “occhiali colorati” attraverso i quali vede la vita di tutti i giorni con sfumature, colori e forme spesso diverse da quelle che vedono gli altri. Colui che crea vive una sua sensibilità spesso incompresa che necessita un veicolo (l’arte)  per riuscire ad esprimersi al meglio. Spesso gli artisti vengono definiti matti..
L’incontro di sensibilità e personalità diverse ha creato la nostra realtà musicale, il nostro “manicomio”, i MadHouse. 

Davide
Cosa seguirà? 

Federica
Ora abbiamo davanti sei mesi di promozione dell’EP ma nel frattempo stiamo lavorando al disco che uscirà tra un anno.
Naturalmente proseguiamo con i live lavorando con impegno e costanza. 

Davide
Grazie e à suivre...

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Davide Riccio
Davide Riccio, di Torino, educatore, musicista polistrumentista, compositore e giornalista. Ha collaborato con molti musicisti italiani e internazionali. Ha scritto poesie, racconti e saggi, che ha pubblicato su antologie e riviste sparse dal 1983 ad oggi (tra le ultime opere pubblicate “Il Musico David Rizzio” (biografia, ebook, 2006), “Povertssiment” (Genesi 2006), “Sversi” (Libellula, 2008), Neumi, cantus volat signa manent – La musica che lascia il segno (con cd di autori vari, Genesi-Into my Bed-Unamusica 2011). Dal 1998 è stato inquirente e articolista ufologo, copywriter in pubblicità e giornalista (il settimanale La Val Susa, il quotidiano Torino Sera, e il mensile Oblò di Livorno) occupandosi di cultura in genere e divulgazione.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 125 millisecondi