:: Home » Numeri » #225 » MUSICA » Intervista con Chiara Rosso
2014
7
Apr

Intervista con Chiara Rosso

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 6100
La raffinata vocalist piemontese torna con un disco ispirato all'acqua, alla memoria, alla femminilità: tra jazz e canzone d'autore, l'album rivela il mondo sonoro e tematico dell'autrice, circondata da musicisti del calibro di Franco Olivero e Riccardo Zegna
Elemento H2O: il nuovo album di Chiara Rosso
 
Chiara Rosso
&
Geco Records
sono lieti di presentare:
 
ELEMENTO H2O
...acqua, femminilità, musica d'autore...
 
Geco Records
Distribuzione Egea Music
13 brani - 58 minuti
 
"L'Acqua è elemento di purificazione e sento il bisogno, in questo momento storico-sociale molto confuso e, per così dire, in decadenza, di tornare alla mia “essenza”, ricondurmi al mio essere, ritrovare la mia autenticità di persona, donna e musicista. L'acqua col suo fluire è emblema di femminilità, pace e rigenerazione. Dopo l'uragano, la quiete...". È così che Chiara Rosso presenta Elemento H2O: un disco dichiaratamente ispirato alla simbologia dell'acqua, pubblicato dall'etichetta "tutta al femminile" Geco Records e distribuito da Egea Music. Un disco che porta Chiara nel territorio a lei più congeniale: a cavallo tra jazz e canzone d'autore, pop e ricerca, tra le leggendarie jazz vocalist del passato e le grandi interpreti rock americane.
 
Elemento H2O è un'opera suggestiva che vede tornare in pista l'autrice piemontese dopo alcuni anni di silenzio discografico. Nel 2007 il suo duo Hederix Plann si fece notare con Libero Arbitrio, ma Elemento H2O è molto differente, come nota Chiara: "Rispetto a Libero Arbitrio, figlio di un organico più sobrio di estrazione indie-rock, Elemento H2O è un disco introspettivo, sicuramente più maturo. Dietro ci sono anni di jazz, ma non ho dimenticato l’amore per il rock, la canzone d'autore, la musica etnica. É stato in qualche modo anticipato da una crisi personale, umana, spirituale. Ma dalle crisi si rinasce più forti. E in questo percorso di ricostruzione, l’acqua ha avuto una funzione fondamentale per me"… Alla musicalità poliedrica e coinvolgente, Elemento H2O risponde con testi intimisti e riflessivi: il divenire delle cose, il cambiamento, l'infanzia e il ricordo, il turbamento interiore e la ricerca della propria direzione, l'amore e la leggerezza della libertà.
 
Chiara è al centro del disco, autrice di musica e testi, circondata da un team di ottimi musicisti: Enzo Fornione, Marco Allocco, Francesco Bertone, Paolo Franciscone, Matteo Negrin, Gianni Virone, infine Franco Olivero (che si è occupato degli arrangiamenti e di vari strumenti) e uno dei grandi pianisti del jazz italiano, ovvero Riccardo Zegna. "L'apporto che hanno dato i musicisti è assolutamente fondamentale. Hanno suonato esattamente come avrei voluto che fosse il suonato Elemento H2O, anzi, molto meglio! La loro classe e la loro esperienza hanno contribuito a rendere questo lavoro raffinato, elegante e di grande qualità."
 
 
Chiara Rosso:
 
Geco Records:
 
Ufficio stampa Synpress44:

Intervista

Davide
Ciao Chiara e grazie per quest'ora di musica piacevole e raffinata. Sette anni fa il tuo esordio con “Libero arbitrio” e nel mezzo molte esperienze, collaborazioni e progetti diversi, anche nel cinema e nel teatro musicale. Come sei artisticamente cambiata nel frattempo e quali punti fermi sono rimasti?

Chiara
Credo si possa parlare di “evoluzione” o “maturazione” artistica. “Libero arbitrio” era un disco appartenente all'area più indie-rock, “Elemento H2O” è più legato alle atmosfere jazz, alla canzone d'autore, al pop elegante. In entrambe i casi posso dire di sentirmi me stessa, la mia natura di ricercatrice vocale e musicale è ben espressa, la contaminazione la fa da padrona, la ricerca d un sound ben preciso e “nuovo” (mi auguro) mi caratterizzano.

Davide
Oltre alla crisi sociale, politica ed economica in cui ci stiamo trovando ormai da lungo tempo, c'è stata anche una tua crisi personale, e per aiutarti a superare tutto questo hai sentito il bisogno di scrivere e cantare le tue nuove canzoni. Ma poi, a ben guardare nel significato della parola, è sempre tempo di crisi. O, almeno, lo è se badiamo all’etimo: Crisi, dal greco antico, ‘scelta’. Quand’è infatti che non si è costretti a scegliere o che non sia conveniente farlo? Se non scegli, sarai scelto. Ma, per intanto, cos'hai scelto attraverso queste crisi e questo lavoro?

Chiara
Questa è una bellissima domanda, caro Davide! Esattamente, questa “crisi” mi ha portata a scegliere ciò che forse non riuscivo a scegliere di fare per i troppi impegni, per la necessità di lavorare, per l'insieme di progetti o situazioni nelle quali ti ritrovi, sentendoti poi imbrigliato in un qualcosa che non ti appartiene più. Mi spiego meglio. Io ho scelto, sì. Di fare la mia musica. Stop. Ho abbandonato i progetti di cover, standards, bellissimi, che mi hanno dato tanto in tutti questi anni, ho lasciato andare le situazioni musicali e lavorative che non mi convincevano più. Ho ridotto anche i miei impegni sull'insegnamento per potermi dedicare quasi interamente alla scrittura, alla sperimentazione, alla ricerca del mio sound, vocale e musicale. La “crisi” naturalmente ha investito anche la mia persona, umanamente parlando, conducendomi a scelte di vita ben precise. Ora sono felice. “Elemento H2O” è conseguenza, colonna sonora e felice esito di tutto ciò.

Davide
Un disco che ti porta nel territorio a te più congeniale: a cavallo tra jazz e canzone d'autore, pop e ricerca, tra le leggendarie jazz vocalist del passato e le grandi interpreti rock americane. Quali?

Chiara
Bè, io sono un'artista assolutamente “contaminata” da moltissimi ascolti di natura differente.
Le grandi  jazz vocalist, in particolare Ella e Nina Simone, ma anche le più attuali Dianne Reeves e Cassandra Wilson, mi hanno sicuramente accompagnata nel mio percorso musicale, ma accanto ad esse intravedo figure di spicco della canzone americana, songwriters meravigliose, come Joni  Mitchell, Rickie Lee Jones, le più attuali Sheryl Crow e Alanis Morissette, la canzone d'autore italiana (i genovesi in particolare), Sting e i Police, Noa e la musica etnica (adoro l'India...), ma anche la musica elettronica, Bjork e i Portishead, per tornare al tango di Piazzolla, al rock dei Metallica e dei Led Zeppelin, a artiste indie del calibro di Fiona Apple e P.J. Harvey. E poi il blues e i raffinatissimi Duke Elington,  Coltrane e Mingus. Insomma, di tutto un po'.

Davide
Hai dedicato una canzone a Parigi. E Torino, cos'è per te questa nostra piccola Parigi?

Chiara
A Parigi sono stata una volta soltanto, ma l'ho fotografata nella mia mente, legandola ad emozioni ed impressioni che ho dipinto in questa canzone.  Parigi è magica, romantica, rocambolesca, cistercense. Torino non è così dissimile dal cuore della Francia. Torino è elegante, assolutamente viva, si respira molta musica, parecchia arte e tanto desiderio di esplodere. In senso positivo, ovviamente. È un folto sottobosco di talenti emergenti. Amo Torino, profondamente. La frequento spesso, ci suono volentieri. Mi piace respirarla. Il video di “Leggera” l'abbiamo girato lì!

Davide
Ma anche una domanda sulla tua città. Quale luogo in particolare o storia e quale personalità legata a Saluzzo ti sono più cari?

Chiara
Saluzzo è un piccolo gioiello storico-artistico preziosissimo nel basso Piemonte. È la mia città, che amo, con i suoi difetti e i suoi pregi. Qui c'è la scuola in cui insegno, l'Apm, Alto Perfezionamento Musicale, e c'è un antico splendente Marchesato, che ancora si respira tra le sue mura. Qui vivo, scrivo, insegno. Ci canto poco, preferisco portare la mia musica fuori. Nemo profeta in patria est...

Davide
Componi al pianoforte? Come procede di solito il tuo lavoro di composizione, per altro armonicamente ben strutturato? È l'accordo, l'armonia che ti aiuta a trovare la melodia o privilegi la linea melodica su cui intervieni successivamente con l'arrangiamento da un punto di vista armonico?

Chiara
Si, compongo al pianoforte, compagno prezioso... Generalmente è l'armonia a condurmi alla ricerca di linee armoniche nuove e interessanti per me, spero anche per l'ascoltatore...
Melodia e testo nascono contemporaneamente, con i dovuti aggiustamenti. Tendo a non modificare troppo la linea iniziale. Generalmente la prima registrazione casalinga (ovvero, io, pianoforte, gatto e registratore vocale) è sempre la più magica. Su quella scia magica parto, poi intervengono gli arrangiamenti del caso. A volte l'idea armonica non è mia, ma di qualche collega. Melodia e testo, invece, sono sempre miei.

Davide
Cosa precede o quand'è il momento in cui senti il desiderio di sederti al piano o davanti a un foglio per scrivere le tue canzoni?

Chiara
Ogni volta che mi siedo al piano per studiare o lavorare, avrei voglia di comporre. Lo faccio spesso nelle pause, tra un allievo e l'altro, oppure, la domenica, giorno di pace, per me.
È un desiderio continuo, direi, incessante. Mi fa sentire viva. Naturalmente compongo su fogli volanti, trovati qui e là per casa. Però ho la buona abitudine di registrare tutto.

Davide
Parlaci dei musicisti che ti accompagnano in questo disco.

Chiara
In “Elemento H2O” ho fortemente voluto circondarmi di meravigliosi musicisti, oltre che amici. La squadra che né è nata, è molto affiatata. Durante i live ci divertiamo parecchio. Il mio spirito è molto goliardico, ma anche loro non si tirano indietro... ah ah! Il primo a credere in H2O, oltre a Giovanni Gullino, produttore e responsabile della Geco Records, è stato Franco Olivero, nonché arrangiatore di quasi tutti i brani. Io e Franco abbiamo lavorato insieme in passato, in teatro. Il teatro, altra grande passione! E poi Enzo Fornione al panoforte, Marco Allocco al violoncello, Francesco Bertone al contrabbasso e basso elettrico, Paolo Franciscone alla batteria, Matteo Negrin alle chitarre e la speciale partecipazione di Riccardo Zegna, che è stato mio maestro ai tempi del conservatorio, uno dei più grandi pianisti jazz italiani, e Gianni Virone, una giovane promessa del sax. Sono musicisti che appartengono alla sfera jazzistica del basso Piemonte, tra Cuneo, Torino ed Asti. Ma si sono divertiti in questa avventura così fortemente intrisa di contaminazione. Qui il purismo non c'è e non mi interessa che ci sia.

Davide
Dindalan cita una ninna nanna in dialetto piemontese. Dindalan le mortie el can, can bucin ciamava giuanin, giuanin cutel taiaie la pel, la pel del luu, curucucuu. Perché? Un ricordo?

Chiara
Dindalan è un mantra, una ninna nanna, che mia nonna mi cantava da bambina. È il mio modo di ricordare questa figura così forte e importante per me. Nonna Margherita, speciale, appassionata, forte, indipendente. La ninna nanna non è mai un canto così allegro. Generalmente le ninne nanne popolari hanno testi anche terribili, dove si parla di morte, i bambini venivano spesso spaventati con le ninne nanne. Se non dormi, il lupo ti mangerà... Per me non esiste quest'idea così terribile di morte. La vita e la morte sono un tutt'uno. È  una trasformazione. Il messaggio è positivo.
“Le stelle non si spengono , se le sai guardare”. C'è speranza. Almeno, per me.
E poi l'omaggio al mio dialetto, il piemontese. Suona bene, vero?

Davide
Molto. Suppongo che in copertina ci sia vicino a te una fata, o molto vi assomiglia. Sono esseri che tra l'altro hanno tradizionalmente come compito quello di vegliare sulle persone come angeli custodi.  Che significato ha la tua?

Chiara
Si, è una fata, dipinta da Paola Rattazzi, la pittrice che ha curato la grafica del disco. Le fate sono esseri assolutamente affascinanti. Fate e sirene mi accompagnano da quando sono bambina. Rappresentano la magia delle cose, che spesso ci dimentichiamo di vedere. L'estrema razionalità ci inganna. Ci regala false sicurezze. Ma questo è una altro discorso.

Davide
Come insegnante di canto... Cosa ti preme anzitutto di insegnare con il canto o attraverso di esso, specialmente ai più giovani, ai bambini? E cosa sono per te la voce e il canto?

Chiara
La voce è l'espressione più intima di noi stessi. Il canto è la gioia di essere noi stessi. Ai miei allievi trasmetto questo, il rispetto per la propria voce, dunque lo studio della tecnica vocale, ma anche l'amore per la musica, la capacità di ascoltare, la disciplina e l'importanza dello studio. Per cantare non è sufficiente prendere un microfono in mano... Bisogna studiare e anche parecchio!
E poi è fondamentale conoscere il linguaggio musicale e saper suonare almeno uno strumento.
Credo di non amare i format televisi... Ma i miei allievi lo sanno... ah ah!

Davide
La musica avanti a tutte le cose, disse Paul Verlaine. E per te?

Chiara
Si, Verlaine la sapeva lunga in merito. La musica è avanti a tutte le cose. Sempre. E comunque.
Io ho sposato la Musica. (Questa è forte). Nel senso che la musica è la mia ragione di vita, il mio modus vivendi. Ma credo che tutti i miei colleghi la pensino come me. È totalizzante. 

Davide
L'acqua è comunemente associata alle qualità dell'emozione e dell'intuizione,  alla parte più profonda della personalità. L'acqua è presente in vari rituali di purificazione e iniziazione. il termine iniziazione identifica appunto un inizio. Cosa è iniziato artisticamente con Elemento H20? Cosa stai facendo ora e cosa seguirà?

Chiara
L'acqua è pace, purificazione, emblema e simbolo di femminilità. Con “Elemento H2O” è cominciata la fase della ricerca, che non ha mai fine. Ricerca musicale, artistica, personale. Che succederà? Bè, intanto, promuovo “Elemento H2O”, del quale sono felicissima! Poi, tra dieci giorni sarò in scena con uno spettacolo teatral musicale, “Le donne di Kurt”, dedicato a Kurt Weill e Bertold Brecht, insieme a tre mie colleghe stupende, Francesca Monte, Marta Mattalia e Clara Dutto. A Cuneo. Spettacolo interessantissimo, che porteremo sicuramente in giro per l'Italia. E poi.. poi... si lavora già al prossimo disco! Che uscirà, spero nel 2015!
Grazie a voi, Grazie a te, Davide!

Davide
Grazie e à suivre...

Biografia
 
Chiara Rosso è nata a Saluzzo , città che ama ed in cui vive tuttora.
Dopo la Laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l'Università degli Studi di Torino, l'amore incondizionato per la musica nera l'ha portata ad approfondire gli studi in questo genere, laureandosi in Vocalità Afroamericana e in Jazz presso il Conservatorio “Ghedini” di Cuneo e frequentando le Clinics di Umbria Jazz. Tra i suoi maestri: Riccardo Zegna, Danila Satragno, Gianni Negro, la cantante americana Darcel Wilson, il direttore di coro gospel Denny Montgomery, la vocal teacher Anne Peckam.
Cantante poliedrica, ha militato in varie formazioni, cimentandosi in repertori di diversa natura. Le sue esperienze sul palco sono numerose: dai Nonsolojazz (la musica del Sud America e la canzone d'autore), ai Mantequilla (rock, pop), dai Talking loud (funky)ai Jazy (jazz) e agli Unplugged (acoustic rock band ).
Ha cantato e collaborato con vari artisti, tra i quali il cantautore genovese Federico Sirianni in Genova Calling e nel disco Nella prossima vita, con Paola Gassman in Sguardi d'oriente, con l'attore e doppiatore Mario Brusa in Fratello Sole, Sorella Luna, con la Jam studio Big Band di Torino diretta da Gianfranco Marchesi, l'Orchestra Sinfonica di Savona, l'Orchestra Sinfonica “B.Bruni” di Cuneo in Parlami d'amore Mariù, e con Matteo Beccucci (vincitore di X Fatcor 2008).
La sua voce compare in spot pubblicitari nazionali ed internazionali (Ferrero, Pro-Activ-Amuchina) e in film d'animazione (Motus Film, Uffa che pazienza, in onda su Rai Uno).
Ha partecipato inoltre alla realizzazione della colonna sonora di due film d'autore: Corazones de mujer (regia Davide Sordella - musiche Enrico Sabena), in concorso al Festival di Berlino 2008, e The truth about angels della regista Lichelli Lazar-Lea, musiche di Enrico Sabena, una produzione indipendente di Hollywood.
In veste di cantautrice ha pubblicato nel 2007 Libero arbitrio, il suo primo lavoro inedito, nato dal sodalizio musicale con il chitarrista e compositore torinese Daniele Cuccotti. Il duo, Hederix Plenn, vanta passaggi radiofonici su importanti emittenti nazionali (Demo, in onda su Radio Rai 1, e Radio 105) e la partecipazione a concorsi nazionali con grande successo di pubblico e giuria (Greenage Festival 2006, Rock targato Italia 2007, Bologna Music Festival 2008, Atina Jazz Festival 2010).
 
Tra i concorsi vinti:
 
·                     2007 Premio delle Arti in Jazz presso il Conservatorio “G.Verdi” di Como e l'Auditorium Parco della Musica di Roma;
·                     2008 Concorso Sipario-Voci di Donna presso il Teatro "Chiabrera" di Savona
·                     2009 Golden Disc-Festival Nazionale di Musica Leggera, presso il Teatro “Goldoni” di Livorno con un brano di sua composizione
 
Ospite al Festival di Mantova 2008 con il quartetto vocale Jazz'n Soul, è stata finalista al Just Like a Woman 2009 di Savona, dedicato a Janis Joplin, con due brani di sua composizione, e si è aggiudicata il terzo posto al concorso Incroci Sonori all'interno del Jazz Festival 2009 di Moncalieri.
Ha fatto parte del cast di Broadway Broadway, musical prodotto dal Conservatorio di Cuneo per la regia di Gianpaolo Marino (Teatro Toselli Cuneo maggio 2010 - Roma Eliseo giugno 2011), interpretando i ruoli di Weelma Kelly (Chicago), Dionne (Hair), Rosalia (West Side Story).
Si divide tra attività artistica ed insegnamento: è docente di Canto Moderno e Jazz presso l'Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo ed insegna nella scuola pubblica.
È tra le quindici selezionate in Italia per il conseguimento della Masterclass in Vocal Care, metodo vocale ideato da Danila Satragno.
Tiene regolarmente seminari di canto per bambini e adulti:
·                     Incanto d'estate Suoni dal Monviso 2012 e 2013
·                     Musiche dal mondo Ostana Popularpop 2012
·                     La voce del blues: da Bessie Smith a Nina Simone C'è fermento 2013
 
Ha curato la programmazione artistica dell'Interno Due a Saluzzo ( Interno Jazz 2012 ).
Collaborazioni e progetti con:
Enzo Fornione Franco Olivero Paolo Franciscone Francesco Bertone Elemento H2O Project
Federico Sirianni Genova Calling
Chiara Maritano C&C
Enzo Fornione Rosso-Fornione Live
Sergio Di Gennaro Marco Piccirillo Chiara Rosso Jazz Trio
Enrico Gosmar e Marco Inaudi Ghost train Blues
Fabio Gorlier Marco Vezzoso Jazz Conventios
Clara Dutto Musiche dal mondo
 
Spettacoli teatrali con:
Luca Occelli e Franco Olivero Solitudine (B. Fenoglio)
Francesca Monte ed Enzo Fornione Tennessee's Blues (Tennessee Williams)
Francesca Monte Marta Mattalia Clara Dutto Le donne di Kurt (Kurt Weill)
 
Sceneggiatrice e regista di spettacoli teatral musicali:
Vocal Lab Show (2012)
Da Caronte a Beatrice: voci dall'Aldilà ( 2013 )
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Davide Riccio
Davide Riccio, di Torino, educatore, musicista polistrumentista, compositore e giornalista. Ha collaborato con molti musicisti italiani e internazionali. Ha scritto poesie, racconti e saggi, che ha pubblicato su antologie e riviste sparse dal 1983 ad oggi (tra le ultime opere pubblicate “Il Musico David Rizzio” (biografia, ebook, 2006), “Povertssiment” (Genesi 2006), “Sversi” (Libellula, 2008), Neumi, cantus volat signa manent – La musica che lascia il segno (con cd di autori vari, Genesi-Into my Bed-Unamusica 2011). Dal 1998 è stato inquirente e articolista ufologo, copywriter in pubblicità e giornalista (il settimanale La Val Susa, il quotidiano Torino Sera, e il mensile Oblò di Livorno) occupandosi di cultura in genere e divulgazione.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 135 millisecondi