:: Home » Numeri » #224 » MUSICA » Intervista con gli ExKGB
2014
2
Mar

Intervista con gli ExKGB

media 5 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 6250
False Hope Corporation, il secondo disco degli ExKgb
 
Dopo il debutto “I Putin” e due anni di lavoro arriva in distribuzione fisica mondiale il nuovo atteso disco degli ExKGB. False Hope Corporation è il sequel del debutto I Putin, apprezzato dalla stampa specializzata e dal pubblico che ha assistito al fortunato tour in giro per l'Italia del travolgente trio. Realizzato con il produttore californiano Ronan Chris Murphy (Terry Bozzio, King Crimson, Tony Levin), impreziosito dalla copertina di Hurricane Ivan, False Hope Corporation è un disco sfrontato, carismatico e sorprendente, che coniuga tradizione rock e ricerca sonora, impatto, sensualità e avanguardia.
Per questo nuovo lavoro il trio parla di "avant-punk", etichetta che sintetizza la fusione tra funk, post-punk e groovy rock, con la tipicità del Chapman Stick. I dieci nuovi brani sono confluiti in due lunghe tracce, la registrazione ai Prosdocimi Studios è rigorosamente analogica, accanto alle abitudini rock non mancano momenti di sperimentazione. Suono "polveroso" e trovate originali, ma anche un'attenzione speciale ai contenuti, a cominciare dal titolo che rimanda a una "corporazione di false speranze" che alimenta le illusioni e perpetua l'ignoranza.
 

ExKGB:
Alberto Stocco: batteria - percussioni - voce 
Emanuele Cirani: Chapman Stick - basso - voce 
Mike 3rd: chitarra - voce

Info:
ExKGB:
http://www.theex-kgb.eu

Ufficio Stampa Synpress44
http://www.synpress44.com

Prosdocimi Records:
www.prosdocimirecords.com


Side A
I Took it Over
Blindness or Else
Make it Happen
This World
The Defender

Side B
Running Against the Sun
Who Cares
Hold Your Breath
Lies
False Hope Corporation

Precedenti interviste
 
Intervista
 
Davide
Ciao ExKGB. Devo dire che sempre più raramente capitano dischi di qualità e originalità così soddisfacenti e che, soprattutto, si torna (o, almeno, io sto tornando) a riascoltare. Ma cominciamo dal titolo: cos'è la Corporazione della Falsa Speranza? Di cosa trattano i testi?
 
ExKGB
“False Hope Corporation” è un disco di protesta come in altro modo lo era il nostro debutto “I Putìn”. I testi descrivono e denunciano sotto varie angolazioni le estreme contraddizioni che la nostra società vive e sono molto variegati.
Il disco è un invito rivolto alle persone sensibili, un invito ad aprire gli occhi su questa corporazione dai mille volti, che se visti da uno sguardo esterno si rivelano tutti inevitabilmente collegati.
La corporazione con i suoi volti è la ragione di follie che viviamo quotidianamente, di una società che con sempre meno empatia giustifica tutto in ossequio all’essere superfluo.
Questo è “False Hope Corporation”.
 
Davide
Perché i disegni di Hurricane Ivan di Frigidaire nell'artwork della copertina? Che tipo d'impatto e di comunicazione grafica cercavate per questo lavoro?
 
ExKGB
Sin dall’inizio cercavamo una copertina ed un artwork che traducessero in modo concreto quello che la musica aspetta di comunicare non appena riprodotta.
Eravamo sicuri di volere un disegno intrigante e irriverente, un tramite per le nostre composizioni, un artwork che urlasse dagli scaffali dei negozi di dischi.
Hurricane ha centrato tutto alla perfezione, è un grande professionista.
 
Davide
Il cd è composto da dieci brani divisi però in due tracce, un lato A e un lato B al modo dei vecchi 33 giri. Perché?
 
ExKGB
È nato tutto da un’idea di Ronan Chris Murphy, il nostro produttore artistico, che abbiamo sposato senza esitazione.
Purtroppo, con il download dalla rete, i dischi spesso perdono identità ed unicità e questo nuoce alla musica ed all’artista.
Questa soluzione ci permette di invitare in modo deciso coloro che ascolteranno il disco ad ascoltarlo in modo più completo.
Pensiamo che “False Hope Corporation” sia un disco speciale se preso interamente, abbiamo voluto evitare la sua “mutilazione”.
 
Davide
Se il termine punk una volta era sinonimo di “scarsa qualità”, di “musica rozza”, spesso suonata anche da chi non sapeva suonare, art-punk e avant-punk mi sembrano ormai tutto l'opposto. Perché dunque questa definizione intorno al termine “punk” per la vostra musica e le vostre notevoli capacità tecniche?
 
ExKGB
Le etichette non sono come i diamanti, non sono per sempre, quella per “False Hope Corporation” è avant-punk.
Le etichette sono un limite per un artista ed una sicura spiaggia per gli ascoltatori.
Consentono di individuare con facilità un insieme di opere anche se attribuendole erroneamente consentono altrettanto facilmente di escluderne di buone.
Dopo una attenta analisi abbiamo pensato che avant-punk, anche per utilizzi pregressi da parte di altri gruppi, fosse quella che più si avvicinava al nostro lavoro.
Dobbiamo però ribadire che nel disco c’è molto di più da scoprire e molto per farsi emozionare.
Concordiamo sul fatto che Avant-Punk sia in antitesi a Punk anche se per certi aspetti ne conserva la caratteristica ribellione.
 
Davide
Il disco è stato già presentato in concerto? Come descrivereste, a chi ancora non è venuto a vedervi, un vostro live? C'è per altro qualche analogia tra la scelta del suono analogico in studio di registrazione e quello dal vivo?
 
ExKGB
Come di consueto abbiamo presentato il disco in occasione di un release party al Bounty Club di Thiene (VI).
È stato a dire il vero un doppio release party in quanto eravamo assieme agli amici dei ClayToRide che presentavano il loro “For His Wine and Chamber”.
Un nostro live - come dovrebbero essere tutti i live - è energia, è musica viva con le sue uniche peculiarità, divagazioni; per questo come tutti i concerti merita di esser goduto.
Per quanto riguarda la scelta della registrazione analogica, quella è guidata dalla volontà di ottenere un sound potente, di elevatissima qualità HiFi, che sia il più possibile vicino a quello che è il nostro suono reale preservandone perciò tutte le armoniche.
Il fatto poi di registrare le basic tracks live è una scelta di produzione che condividiamo con Ronan Chris Murphy, è semplicemente più divertente.
 
Davide
Continua il vostro lavoro con R. Chris Murphy. Quali differenze ci sarebbero state in   questo disco senza il suo contributo?
 
ExKGB
È forse un po’ strano da leggere ma Ronan è per molti versi un quarto ExKGB, un grande professionista, un grande uomo.
Non possiamo immaginare questo disco senza il suo contributo, onestamente.
Senza nulla togliere al nostro lavoro come songwriters ed arrangiatori, alle canzoni prima delle registrazioni, senza la produzione artistica di Ronan Chris Murphy probabilmente non saremmo arrivati a registrare e terminare il disco.
 
Davide
Chitarra, basso e batteria: perché avete scelto il power trio, la forma più semplice di rock-band, per suonare una musica, per quanto diretta, tutt'altro che semplice?
 
ExKGB
Le band si formano sull’onda di una spinta emotiva. Fondano la loro esistenza sull’armonia ed il rispetto tra i membri, sull’apertura mentale degli stessi e la loro voglia di interagire, di dialogare con i suoni, espressione delle emozioni.
È un processo irrazionale, senti che è giusto, segui l’intuito che ti porta ad un obiettivo comune, non vi sono calcoli matematici.
 
Davide
Per voi la musica è, dev'essere e in quale senso anche un mezzo formativo?
 
ExKGB
La musica è arte, è comunicazione, è interazione, è coscienza, è emozioni.
È il mezzo formativo per eccellenza, è carburante per anima e mente.
Il musicista scrive per bisogno creativo e nel farlo crea, alcune volte inconsapevolmente, parte della colonna sonora della vita di quanti ascolteranno la sua musica semplicemente vivendo.
In alto la Musica!
 
Davide
Cosa seguirà?
 
ExKGB
Al momento è un po’ presto per dirlo, mentre promuoviamo False Hope Corporation siamo tutti impegnati in contemporanei progetti paralleli.
Vi invitiamo a seguirci oltre che dal nostro sito ufficiale www.exkgb.net e su Facebook, sui nostri singoli siti ufficiali, prossimamente ci saranno delle belle novità.
 
 
Mike 3rd: www.mike3rd.com anche su Facebook e youtube
Alberto Stocco: www.albertostocco.com anche su youtube
Emanuele Cirani: Facebook
 
Davide
Grazie e à suivre...
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Davide Riccio
Davide Riccio, di Torino, educatore, musicista polistrumentista, compositore e giornalista. Ha collaborato con molti musicisti italiani e internazionali. Ha scritto poesie, racconti e saggi, che ha pubblicato su antologie e riviste sparse dal 1983 ad oggi (tra le ultime opere pubblicate “Il Musico David Rizzio” (biografia, ebook, 2006), “Povertssiment” (Genesi 2006), “Sversi” (Libellula, 2008), Neumi, cantus volat signa manent – La musica che lascia il segno (con cd di autori vari, Genesi-Into my Bed-Unamusica 2011). Dal 1998 è stato inquirente e articolista ufologo, copywriter in pubblicità e giornalista (il settimanale La Val Susa, il quotidiano Torino Sera, e il mensile Oblò di Livorno) occupandosi di cultura in genere e divulgazione.
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 174 millisecondi