KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Viva Mussolini! – Aram Mattioli

3 min read
La guerra della memoria nell'Italia di Berlusconi, Bossi e Fini
traduzione Sara Sullam
Garzanti (Milano, 2011), pag. 266, euro 22.00
 
Il poderoso saggio dello storico svizzero di lingua tedesca Arma Mattioli, "Viva Mussolini!", che s'è servito prevalentemente delle comodità della nuova tecnologia per condurre le sue meticolose ricerche, per portare a compimento l'opera di scavo e ricostruzione che è alla base del imperdibile tomo, finalmente ci spiega tutto sul revisionismo che dagli anni Ottanta ha macchiato le verità tramandateci dalla Storia sul fascismo. Un processo lento e inarrestato. Non controllato nel giusto modo. Che ha dato una "rivoluzione silenziosa". Un peggioramento, intollerabile, un'involuzione per la società civile. La distruzione lenta, anzi una vera e propria 'sovversione' dei principi della memoria. E delle sue necessità. Silvio Berlusconi da Mattioli, che è a livello internazionale uno dei maggiori conoscitori dell'antisemitismo e del fascismo, è individuato quale opportunista e consapevole spalleggiatore dell'ondata revisionista: a fini prevalentemente elettorali. Data, come sappiamo, la scarca preparazione e la predisposizione alla menzogna dell'ex presidente del consiglio. Ma, allo stesso tempo, sempre come sappiamo il ducetto da subito ha cominciato a rovinare la carta della Costituzione, sputare sui giudici e gli altri elementi che dovrebbero esser garanzia dello Stato, invocare ragioni di potere che immediatamente hanno fatto scoprire il retropensiero del Berlusconi imprenditore, pidduista e autoritario. Aram Mattioli, sempre sostenuto da fonti documentarie e osservazioni lucide della realtà italiota, ricorda all'italiano deficiente che da anni è in corso la rivalutazione complessiva di Benito Mussolini e del suo regime totalitario. Nonostante le sopraffazioni che questo ha significato, è stato. Praticamente: "un'operazione politica, che ha portato al governo gli eredi politici del fascismo e un movimento con forti venature populiste e razziste come la Lega Nord". Producente il fatto che: "non solo la società italiana si è spostata a destra, ma le idee della destra hanno conquistato uno spazio crescente nel dibattito pubblico". Guardate CasaPound, per rendervene conto. Ma ancor di più, sia chiaro, il fenomeno di commercializzazione del mito di Mussolini, gadget e luoghi compresi. Ancora simbolo positivo, e persino a forma di 'italiani brava gente', per tantissimi. Non solo, s'intende, per i tanti fascisti, neo-fascisti, post-fascisti in circolazione. Il saggio di Aram Mattioli legge la storia personale e politica e professionale, per esempio, di Gianfranco Fini, Indro Montanelli, Gianpaolo Pansa e molte altri figure chiave per il ragionamento condotto dallo studioso. L'opera è suddivisa in cinque sezioni. In una delle quali, la quinta per l'esattezza, si ricorda che e perché la cultura della memoria dell'ex Belpaese è in sostanza un'anomalia nel contesto europeo. Tornando leggermente indietro, invece, si potrebbero rimarcare una serie di comportamenti e gesti che sono in fatti e per l'appunto dimostrazione di quel che vive nell'Italietta clerico-fascista. Si pensi insomma al saluto romano assicurato dall'ex ministro Brambilla quando era al governo col ducetto. Alle tante braccia tese sul Campidoglio alla vittoria da sindaco dell'ex missino Alemanno. L'opera guarda inoltre ai segni dell'urbanistica quasi immobile, che per dire non hanno visto crollare o abbattare le realizzazioni di Benito Mussolini. Come pure alle pellicole cinematografiche e alle fiction inventate in questi anni. Spesso utili a disegnare un fascismo dal volto buono, paesano. Oppure, anche e addirittura, il duce 'bella persona dentro'. (Qui segnaliamo, in aggiunta, molte puntate del programma della Rai "La Storia siamo noi" – tranne quando, eccezionalmente, ha fatto vedere le vite di 13mila bambine e bambini dal fascismo strappati alle madri e fatti cresce nell'amore del duce e dal denutrimento e dalla caserma). Libri, persino, coi quali ci vorrebbero insegnare che le camice nere non sone stati criminali e razziste, portatrici di sopraffazioni e dolori. A smentire la Storia. Un libro intransigente. Vero.

 

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.