:: Home » Numeri » #125 » SCRIVERE » Personalità Psicopatiche e Schizofrenia...
2005
25
Dic

Personalità Psicopatiche e Schizofrenia...

media 2 dopo 2 voti
Commenti () - Page hits: 9450
Personalità Psicopatiche e Schizofrenia,
Cenni Utili per la Scrittura di un Romanzo

Le Personalità psicopatiche in psichiatria costituiscono, tra tutte le figure delle personalità anomale, quelle con maggiori probabilità di sfociare in un danno concreto nei confronti della comunità o del singolo individuo.
In una parola, tra tutte le anomalie patologiche possibili quella della personalità psicopatica è la più pericolosa e al tempo stesso la meno prevedibile.
In particolare il termine Schizofrenia venne coniato per la prima volta da E.Bluere per indicare una psicosi dissociativa di un determinato tipo, appartenente al ceppo delle psicosi con alla base un progressivo fenomeno di disgregazione.
La disgregazione, o dissociazione, della normale personalità psichica sfocia verso una graduale astrazione nei confronti dei consueti valori morali in uso presso la comunità di riferimento.
L’individuo, in pratica, sviluppa in proprio sue personalissime leggi che meglio aderiscono alle sue esigenze e ai suoi bisogni, diventa elastico, ed adatta progressivamente la realtà alle sue necessità e desideri.
Sotto questa nuova luce le sue azioni a volte non gli sembrano nemmeno tanto riprovevoli ed è anche capace di non sentirsi minimamente colpevole di atti che invece scandalizzano gravemente la società nella quale vive.
Nuovi codici e nuovi regole, dunque, per meglio attuare la sopravvivenza psicologica del soggetto e la concreta affermazione, senza vincoli di sorta, della sua reale personalità.
Il processo, alla lunga, si trasforma in gravi disturbi della strutturazione del pensiero, alterazioni consistenti della normale dinamica affettiva, degenerazioni dei rapporti tra la personalità dell’individuo e la realtà circostante.
Molto simile per certi versi a quella che viene comunemente identificata come Demenza Senile, dove per l’appunto il soggetto colpito smarrisce per strada i consueti canoni di riferimento etici, convenzionali e morali, a causa delle turbe legate all’età avanzata, la Schizofrenia colpisce invece soggetti più giovani e fisicamente integri.
Il disturbo fondamentale di questa patologia, è l’alterazione del pensiero, che consiste nella totale arbitrarietà dei meccanismi associativi.
I normali rapporti affettivi, i legami sociali, e le comuni convenzioni vengono annullate, o meglio elise, per essere sostituite con nuovi parametri, appositamente creati, su misura, dal soggetto.
In alcuni casi il pensiero modulare appare destrutturato, vago od assente, privo di logica apparente e decisamente confuso, proprio perché risponde, da un certo punto in poi, a meccanismi schematici totalmente individuali ed autogenerati, quindi non riconoscibili o recepibili  dalla società esterna.
Particolarmente disastrosi sono poi le conseguenze che investono la sfera affettiva, dove le normali percezioni risultano totalmente alterate e si ravvisa un’evidente sproporzione tra l’intensità degli stimoli ricevuti e la portata delle reazioni opposte.
Per questo motivo molti casi di schizofrenia sfociano in delitti sanguinosi ed efferati, compiuti nella totale convinzione di aver adeguatamente risposto a una correlativa provocazione, di modo che il soggetto rimane spesso intimamente convinto di aver agito per il meglio.
A causa di questa dicotomia tra realtà percettiva e realtà oggettiva il soggetto schizofrenico è spesso scarsamente recuperabile e mostra serie difficoltà ad essere reintegrato nel contesto circostante, che non riconosce più come il suo.

Sabina Marchesi
 
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Sabina Marchesi
Nata a Roma nel 1963. Da sempre appassionata di studi umanistici e antropologici. La possibilità di attingere liberamente ai numerosi volumi presenti nella ricca libreria paterna l’ha condotta a un grandissimo amore per la letteratura classica, ancora in giovanissima età. Oggi scrive racconti, romanzi, saggi ed articoli. Fa parte della redazione di Progetto Babele, Sherlock Magazine, Thriller Magazine, Kult Underground e Il Rifugio degli Esordienti. Scrive per Inchiostro, Super Eva, Punto di Vista, Italia Donna, Donne In Viaggio, Brivido Giallo, La Tela del Ragno e Kult Virtual Press. Classificata quarta al concorso Danae, prima e terza al concorso Da Sette a Dodici di Progetto Babele, uno dei suoi racconti è stato prescelto come strenna natalizia per la newsletter delle Librerie Mondadori. Curatrice del Sito di SuperEva per i canali Giallo Noir e Letteratura Fantasy & Fantascienza, responsabile del Servizio Valutazione Inediti di Progetto Babele, coordinatrice dei gruppi di lettura Eros e Bonsai per il Rifugio degli Esordienti, membro tecnico della Giuria per i concorsi letterari di Kult Underground e Statale 11. Allieva di Cinzia Tani, ha in corso di pubblicazione alcuni racconti che saranno inseriti in diverse antologie. Cura rubriche mensili e quindicinali per Kult Virtual Press e Thriller Magazine. In corso di preparazione una serie di articoli a tema sui Misteri della Storia, da pubblicare sulla rivista Scienza e Paranormale del Cicap (Centro Italiano Controllo Affermazioni sul Paranormale), fondata da Massimo Polidoro e Piero Angela. In pubblicazione un ciclo di interviste a personaggi del mondo Giallo Noir: Cinzia Tani, Corrado Augias, Enzo Fileno Carabba, Luigi Bernardi, Carlo Lucarelli. Numerosi articoli di saggistica, biografie, rivisitazione dei classici, monografie, recensioni letterarie e cinematografiche possono essere visionati, oltre che sulle riviste sopra citate, su questo sito
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 182 millisecondi