:: Home » Numeri » #184 » LETTERATURA » Incubo di Strada - Derek Raymond
2010
24
Nov

Incubo di Strada - Derek Raymond

media 2.98 dopo 85 voti
Commenti () - Page hits: 4200
traduzione e nota di Marco Vicentini
Meridiano zero (Padova, 2010), pag. 156, euro 13.00
 
"Incubo di Strada", titolo originale dell'88 Nightmare in the Street, era un'opera inedita dello scrittore giramondo Derek Raymond. Fino a quando, insomma, arriva la padovana Meridiano zero di e con Vicentini. Per fortuna. Che questo nuovo romanzo di Raymond, e ci scusiamo per le mancanze verso le altre opere dell'autore, è una goccia che ci scava l'anima. Il dolore offertoci in dono da Derek Raymond è il racconto di pagine contrarie alla rassegnazione. Ma soprattutto una lettera d'amore imperdibile per il mondo. Nonostante il quantitativo di violenza misto a strada; il gran quantitativo di violenza. Ci siamo. E ci risiamo. "Incubo di Strada", definito il testamento di Raymond, è la dichiarazione d'appartenenza a un mondo diverso da parte dello scrittore che mai s'è fermato. Il ritmo della trama, spuntato dalle solite formule ben congegnate di tanto noir, sorprende per l'accanimento con il quale lo scrittore descrivere la psicologia del protagonista del libro. Il poliziotto Kleber, dunque, sospeso aver rovinato il grugno d'un collega stronzo stronzo, innamoratissimo della sua donna - a scoprire un sentimento che mai aveva provato, deve restituire un favore importante al suo amico del cuore. L'amico che aveva salvato la vita della sua donna ha bisogno d'aiuto. Ma deve fare cadaveri. Kleber accetta. Non senza, però, porsi tantissimi dubbi sul concetto stesso di vita e morte, facendo sentire alla sua compagna di vita quanto è innamorato di lei: ma il compleanno dell'ex poliziotto, che segue la prova di forza da lui messa nella pistola a servizio dell'amico d'anni e anni, diventa la linea sottile che porterà nella morte in vita. La bomba a lui destinata ammazza la donna. E comincia, anzi continua, la rappresentazione della terra del rimorso dell'uomo. Le parole di Raymond, semplicissime, scondite da colpi di scena, portano una ventata che sa di tragedia esistenziale. In parole semplici semplici c'è tutto il mondo. Il bene e il male. Attraversato dalle strade e i bar - dominati da poliziotti corrotti e menefreghisti quando non in servizio e non solo – che sono la casa d'una parte dell'umanità parigina che odia Kleber. La persecuzione dell'uomo è la piaga che lo porterà alla morte? Il rapporto stretto fra il vivo Kleber e il fantasma della sua amatissima moglie è il destino presenta risposte.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Nunzio Festa
Nunzio Festa è nato a Matera, nel’81, dove attualmente lavora; risiede nel suo paese natale, Pomarico (MT), con la sua compagna.
Poeta, narratore, critico; lavora nel campo dell’editoria, revalentemente come editor per la materana Altrimedia Edizioni – della quale è anche direttore editoriale, e come consulente editoriale. Collaboratore giornalistico per cronaca e cultura, dal 2004 in maniera stabile per Il Quotidiano della Basilicata Collabora, inoltre, con siti internet, riviste e altri giornali. Suoi articoli, poesie e racconti sono stati pubblicati su riviste, quotidiani e in varie antologie. Nel 2004 ha pubblicato la sua prima silloge poetica E una e una (Montedit), mentre nel 2005 la sua prima raccolta di racconti Sempre dipingo e mi dipingo. Storie di vita ballate e condite con musica (Edizioni Il Foglio letterario). Nel 2007, la silloge poetica Deboli bellezze è entrata a far parte della collana curata da Silvia Denti, ‘I quaderni Divini’. Dieci brevissime apparizioni è il titolo delle prose poetiche pubblicate da LietoColle nel 2009. Il suo primo romanzo è stato pubblicato presso Arduino Sacco Editore, sempre nel 2009, ed è titolato L’amore ai tempi dell’alta velocità. Del 2010 è anche “Quello che non vedo”, (poema, per Altrimedia Edizioni), con contributi di Ivan Fedeli, Plinio Perilli, Giuseppe Panella, Francesco Forlani, Franco Arminio, Massimo Consoli. Una sua silloge inedita, nel 2011, è entrata a far parte dell’antologia, curata da Gianmarico Lucini, “Retrobottega”.
Altre opere sono in corso di pubblicazione. Poesie, racconti invece ancora inediti, un romanzo e un'antologia poetica in “fase di scrittura”. Vive per scrivere.
MAIL: nunzio8@msn.com
WEB:
http://www.nunziofesta.nelsito.it/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 151 millisecondi