:: Home » Numeri » #118 » MUSICA » Good Charlotte - The Chronicles of life and death
2005
25
Apr

Good Charlotte - The Chronicles of life and death

Commenti () - Page hits: 18k

Good Charlotte - The Chronicles of life and death

 

I Good Charlotte hanno azzeccato il singolo del momento, il loro orecchiabilissimo "I Just Wanna Live" si sente ormai dappertutto ed il video è una satira molto forte del mondo della musica. Cosa c'e' oltre a questa canzone - mantra di questo periodo?
Il prodotto dei gemelli Madden è un tentativo di fare qualcosa di nuovo, virato piu verso il rock rispetto alle opere precedenti, più sperimentale, più Blink 182.
Il risultato mi lascia interdetto: a metà tra il fenomeno mediatico e il prodotto di qualità mi ricorda per molti versi cosa successe a Capa Rezza con Fuori Dal Tunnel.
Come per il cantante di Molfetta la cui canzone divenne l'inno di coloro che condannava, i Good Charlotte hanno avuto la fortuna ed il privilegio che il loro singolo di condanna delle major seguisse il più classico degli iter discografici per i successi annunciati. Quindi... ipocrisia o qualità? Questi Good Charlotte sono un fuoco di paglia o hanno dato vita ad un bell'album?
In medio veritas.
L'album dei Good Charlotte è orecchiabile e divertente, i Madden tentano di inventare qualcosa di nuovo, lgia dall'intro dell'album (un coro di voci) si puo capire che il tentativo c'è. Poi l'utilizzo del pianoforte o degli archi, l'uso della voce, l'impostazione delle canzoni...
Poi le cadute di tono: influenze dark molto forti che poco si sposano con il resto dell'album, schitarrate collocate con poco gusto nei brani e scelte kitch abbassano la qualità del prodotto, facendo pensare ad un'effettiva immaturità artistica del gruppo.
In definitiva non mi sento di consigliare questo album, il pericolo di delusione è alto. Magari l'acquisto del singolo se vi è entrato in testa... e speriamo meglio per il futuro.

TRACKLIST:

"Once Upon A Time: The Battle Of Life And Death"
"The Chronicles Of Life And Death"
"Walk Away (Maybe)"
"S.O.S."
"I Just Wanna Live"
"Ghost Of You"
"Predictable"
"Secrets"
"The Truth"
"The World Is Black"
"Mountain"
"We Believe"
"It Wasn't Enough"
"In This World (Murder)"
"Meet My Marker [Death Version]"
"Falling Away [Life Version]"

Simone Bonetti

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simone Bonetti
Nato nel lontano 5 maggio 1977, il prode Bonetti si destreggia tra le campagne di Spilamberto e le incursioni nella ''metropoli'' Modena. Si crea una cultura fumettistica già da bambino, quando legge quintali e quintali di Topolino ereditati dai genitori. Percorso che si evolve fino a portarlo a leggere Garth Ennis colo suo ''Punitore''. Appassionato di libri di ogni genere, si fa portabandiera del genere fantasy soprattutto dopo l'inizio della sua ormai quindicinale esperienza di giocatore diruolo, con la mitica edizione di ''Dungeons & Dragons'' della Editrice Giochi.

La sua vita ha sempre avuto una colonna sonora, se il primo walkman si distrusse passando pezzi di Battiato, il secondo andò in frantumi con AC DC e Iron Maiden . Ha cercato di avere una cultura musicale discretamente vasta e variegata, grazie soprattutto alla sua insaziabile curiosità, ad alcuni amici (Grazie Cesare! Grazie Stefano!) ed all'interesse per le manifestazioni che chiamano in causa gruppi locali. Recentemente ha partecipato all'iniziativa ''Fresh'' dell'Unione Terre di Castelli. Di professione è un chimico tecnico dell'ambiente e della sicurezza che lavora in ceramica. Grande appassionato di basket ed hockey.

 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 144 millisecondi