KULT Underground

una della più "antiche" e-zine italiane – attiva dal 1994

Oltre le colonne d’Ercole

2 min read

Oltre le colonne d’Ercole
Segnalato dalla giuria

…così com’era venuta, improvvisa si sciolse la nebbia, mentre un alito gelido gonfiò alte le vele. Si scosse gemendo la nave tra i flutti mentre noi marinai restavamo stupiti, chè mai mare era parso più strano. Dal blu del cobalto, trasmutò l’acqua in tinte d’arancio e infine giallo divenne di fosforo colma.
"Il veliero di moto proprio procede" annunciò il timoniere, "una mano spettrale ne ha preso la guida". In molti accorsero intorno al timone – il capitano per primo – ma la nave si sottraeva al comando. Davvero una forza invisibile la prua sospingeva verso l’incerto e l’ignoto.
Dispiegò il capitano la carta del mare e la bussola prese. Le linee tirò per fare la rotta e invano esplorò col binocolo il cielo. "Il Nord non trovo e l’ago è impazzito" annunciò, e con occhio smarrito vagava lontano, d’in sull’orizzonte senza né sole né luna. "Male hai fatto a condurci quaggiù", disse il nostromo. "Perché d’Ercole le colonne passammo che segnano i confini del mondo? Perché degli dei suscitare la furia? Tu solo della colpa sostieni il fardello, tu solo del Dio Nettuno meriti la vendetta!".
E pronunciate che furono queste parole, il mare più trasparente del vetro divenne. Le estreme profondità degli abissi scorgemmo, per leghe e leghe giù sotto in mezzo agli scogli. Ecco sul fondo velieri e navigli scomparsi, per sempre dal fortunale travolti. Sedevan al loro posto i capitani, marinai scheletriti correvano indaffarati sul ponte ad ammainare le vele.
"Non s’accorgon gli stolti d’esser già morti?". Così, atterriti, ragionavamo assistendo all’orrore, ma di lì a poco un ciclopico gorgo inghiottì pure noi.
E ancor oggi, giù tra gli abissi, in mezzo a carcasse e relitti, ci affanniamo per evitare il naufragio.
Eppure sappiam d’esser morti.

Guido Marcelli

Altri articoli correlati

Commenta

Il materiale presente, se originale e salvo diverse indicazioni, è rilasciato come CC BY 4.0 | Newsphere by AF themes.