:: Home » Numeri » #116 » LETTERATURA » Gialloteca - Dario Flaccovio Editore (1)
2005
25
Feb

Gialloteca - Dario Flaccovio Editore (1)

Commenti () - Page hits: 6200
Gialloteca - Dario Flaccovio Editore (1)
Intervista a Raffaella Catalano1


DOMANDE SPECIFICHE SUI VOSTRI RAPPORTI CON GLI AUTORI ESORDIENTI

I Vostri consigli a un autore esordiente?

Leggere molto, mandare in giro i romanzi solo dopo un'accurata revisione e una scrupolosa opera di rifinitura. Quindi lavorare tanto. Evitare le scorciatoie, raccontare ciò che conosce bene, come meglio sa fare.

Un esordiente come deve presentarVi un manoscritto?

- Basta che lo spedisca in dattiloscritto, con una breve sinossi e i suoi dati personali. Poi se è scritto con un carattere ben leggibili e margini ampi, consentirà una lettura più rapida e l'annotazione di qualche appunto a margine a chi lo valuterà. Dario Flaccovio Editore non accetta testi in formato elettronico perché se una casa editrice piccola come la nostra dovesse stampare tutti gli inediti che arrivano, paralizzerebbe la propria attività.

Come può orientarsi un esordiente nella selezione delle case editrici a cui inviare il proprio lavoro?

- Leggendo qualche libro pubblicato dall'editore che gli interessa, scorrendo il catalogo e individuando le collane nelle quali il testo che vuole proporre si possa idealmente inserire. E' utile informarsi su quali case editrici pubblicano autori esordienti e quali non lo fanno.

Vi sentite di indicare qualcosa di particolare a un emergente circa la revisione dei suoi testi?

- Sarebbe sempre il caso, dopo aver concluso la stesura di un testo, di lasciarlo "decantare" per qualche tempo, in modo da rileggerlo solo dopo un periodo di pausa, con maggiore distacco. In genere, qualcosa da revisionare salta fuori.

Quando è il momento per un autore esordiente di spedire la sua opera agli editori?

Dopo una pausa di riflessione seguita all'ultima stesura e una rilettura accurata.

Ritenete che sia fondata l'utilità dei corsi di scrittura?

Non sempre. I corsi di scrittura possono servire a chi scrive già, a chi avverte l'urgenza, la necessità quasi, di esprimere qualcosa mettendola su carta. I corsi aiutano ad affinarsi. Non voglio dire che scrittori si nasce, ma quasi... Un corso può fornire una serie di strumenti tecnici, ma non motivare chi si improvvisa scrittore per passatempo.

E il ruolo delle Agenzie Letterarie nel panorama editoriale italiano quale è? C'è da fidarsi?

La nostra casa editrice ha rapporti con alcune agenzie molto valide, la cui serietà è indiscussa. Ma un autore che vuole esordire dovrebbe diffidare da certe agenzie che chiedono compensi anticipati per leggere i testi e fornire un generico e costosissimo parere sulla qualità dell'opera da far pervenire alle case editrici. Insomma, ci si può fidare solo di chi ha alle spalle comprovata esperienza e professionalità.

Cosa consigliereste di leggere a un autore esordiente per migliorare la sua formazione?

Di tutto, il più possibile.

Domanda cruciale: Scrittori si nasce o si diventa? In breve quanto conta il talento di base rispetto a quanto si può eventualmente acquisire in seguito a livello di tecnica?

Ho già risposto prima a questa domanda. Uno scrittore dev'essere spinto da una forte motivazione e coltivarsi per affinare la tecnica. La sola tecnica non basta, così come non basta il solo talento senza metodo.

Si dice che l'aver vinto dei concorsi letterari a volte sia un'arma a doppio taglio nei confronti delle case editrici. E' vero? Insomma, giova o gioca a sfavore?

Nel caso di Dario Flaccovio Editore, al vincitore di vari concorsi letterari, Nicola Verde, abbiamo pubblicato il primo romanzo. E' andata bene, come critica e come vendite. Ma il fatto di non aver vinto nessun premio non significa che uno scrittore non sia valido. Né l'aver conquistato dei premi dà garanzie di pubblicazione. Ogni caso fa storia a sé. Ma non vedo perché l'essersi aggiudicato un riconoscimento letterario dovrebbe, a priori, risultare controproducente.

Tra centinaia di manoscritti che una casa editrice esamina, quali sono i particolari che possono significare la differenza?

Una storia forte, una scrittura efficace, buoni dialoghi, personaggi convincenti.

Vi è mai capitato, come dire, di non dare considerazione a una giovane promessa, che poi magari è stata "scoperta" e lanciata da altre case editrici concorrenti?

Al momento non è accaduto. Ma non si può essere infallibili.

Si comincia a pensare che dopo il primo successo molti autori emergenti, dopo la prima pubblicazione, siano destinati a un flop quasi predestinato. Quanto influenza questo sulle Vostre scelte editoriali?

Non è così per una piccola casa editrice che cerca di coltivare i propri autori, quelli che ha scoperto e che pubblico e critica hanno mostrato di apprezzare. Piuttosto, a volte, riuscire a produrre un buon secondo romanzo può costituire un problema per l'autore di un'opera d'esordio di grande successo.

Siete dunque alla ricerca più di un valido professionista, altamente motivato, e capace di vendersi bene, piuttosto che di un dilettante entusiasta. Me lo conferma?

Non necessariamente. Dicevo che per una piccola casa editrice è interessante anche scoprire qualche talento e coltivarlo. Se la scommessa riesce, la soddisfazione è tanta. Certo un autore già noto è una garanzia di qualità, di vendibilità e di possibilità di essere recensiti più facilmente. Ma a noi piace correre qualche rischio puntando anche sugli esordienti.

Autori continui, regolari, costanti, che scrivono con regolarità e che si suppone possano crescere fino a raggiungere un alto livello di professionalità e di bravura. Potrebbe essere questo l'identikit del Vostro autore ideale?

Potrebbe. Ma ci sono anche autori che esordiscono con romanzi già maturi, professionali, nei quali persino l'intervento dell'editor risulta quasi superfluo. L'importante è scegliere con attenzione.

E quando ne incontrate uno da cosa siete in grado di riconoscerlo? E soprattutto siete veramente certi di essere in grado di riconoscerlo?

Con un comitato di lettura affidabile, il parere di tre-quattro persone dà un'idea efficace dell'impatto del testo. Nessuno può avere certezze assolute su come, poi, il romanzo sarà accolto dal pubblico o sulla "tenuta" di uno scrittore esordiente alla seconda o terza opera. E' una scommessa, come lo è anche la scelta di un autore piuttosto che di un altro. Ci si butta. Finora è andata bene.

Una volta che avete individuato un autore promettente fino a quanto e come siete disposti ad investire su di lui?

Sempre, finché la qualità delle opere si mantiene alta e, meglio ancora, cresce. Noi miriamo a costituire un catalogo che duri nel tempo, non a bruciare un autore. Continuiamo a investire sul titolo con pubblicità e campagne stampa, accompagnando la vita del libro per lungo tempo e "coccolando" lo scrittore.

Eppure nonostante tutto sugli scaffali delle librerie ancora si continuano a vendere solo e soltanto i bestsellers di autori affermati, questa tendenza non si prevede invertibile, o forse qualcosa sta cambiando?

Intanto non sempre i bestsellers sono indice di qualità. E' anche vero che molti lettori comprano sulla spinta di sollecitazioni pubblicitarie massicce che una piccola casa editrice si sogna. E a volte quei libri fanno bella mostra di sé, intonsi, sugli scaffali di casa, come un oggetto alla moda. Si comprano, ma magari non si leggono nemmeno. Noi contiamo sul lettore che sceglie in base ai gusti personali, che ama spulciare tra i banchi delle librerie e comprare qualcosa che non conosce e che stimola la sua curiosità, al di là dei soliti prodotti strombazzati.

Ultimamente quali sono gli autori esordienti sui quali avete deciso di investire particolarmente?

Ne cito alcuni perché non posso nominarli tutti, ma Dario Flaccovio Editore, se sceglie di pubblicare, non fa differenza di trattamento tra un autore e l'altro: investe su ciascuno allo stesso modo. Quindi citerò alcuni fra i più recenti: Nicola Verde, Valter Binaghi, Gery Palazzotto, Egle Rizzo. E altri ne arriveranno.

E il risultato che avete ottenuto in questi casi è stato rispondente alle Vostre aspettative?

Sì, molto soddisfacente. La critica li ha apprezzati, e anche i lettori, che cominciano ad avvicinarsi ai loro romanzi come a dei piccoli "cult". Così ci hanno scritto.

Quali sono le modalità per inviare un manoscritto alla Vostra casa editrice?

Basta collegarsi al nostro sito
www.darioflaccovio.it per trovare l'indirizzo della casa editrice e spedire il manoscritto, con una sinossi e una scheda biografica.

Quante persone si occupano della lettura dei materiali pervenuti in redazione e che procedure seguono per l'esame, la valutazione e il responso finale?

Al momento, siamo in cinque: la sottoscritta, il consulente editoriale Luigi Bernardi, un editor interno - lo scrittore Giacomo Cacciatore - e due lettori esterni. Anche la direttrice editoriale Marisa Dolcemascolo talvolta valuta personalmente qualcuno dei manoscritti. Un romanzo viene esaminato da più di un lettore, per mettere a confronto i pareri. Si raccolgono le schede di lettura e si decide la sorte di un'opera inedita. Fino a qualche tempo fa rispondevamo personalmente a ogni autore. Oggi, dato l'incremento degli inediti che riceviamo, siamo costretti a inviare agli aspiranti scrittori una lettera di conferma dell'avvenuta ricezione del testo e comunicare loro che se entro sei mesi dall'invio non avranno ricevuto nostre notizie, possono considerare rifiutata la proposta. In caso contrario, quando un romanzo ci interessa, contattiamo l'autore e avviamo con lui - e con il suo agente letterario, se ne ha uno - il rapporto di lavoro.

Spesso gli editori parlano degli autori esordienti come di un "male necessario", possiamo capire che alcuni autori possano essere particolarmente invadenti, o permalosi in caso di un rifiuto, ma continuiamo a pensare che gli autori esordienti, bravi o meno bravi, siano fondamentali per lo sviluppo dell'editoria, e che le case editrici dovrebbero forse costruire una specie di ponte virtuale per aiutarli ad attraversare il vasto mare agitato della tentata pubblicazione. Voi a tale proposito come la pensate?

Per noi, gli esordienti di qualità sono una ricchezza. Chi non supera la selezione talvolta la prende male. Peccato, perché i rifiuti fanno parte del percorso di formazione di uno scrittore e, se ci si medita su, può essere un'occasione per crescere.

La Vostra posizione sul fenomeno oramai tanto diffuso della Pubblicazione con Contributo o a Pagamento?

Siamo assolutamente contrari. Spesso riceviamo lettere di autori esordienti che hanno pagato per pubblicare o per ottenere la valutazione di un inedito. Il risultato è amaro, stando alle loro testimonianze: edizioni mal confezionate e mai distribuite o schede di lettura con valutazioni di comodo, molto generiche. E il portafoglio che si alleggerisce. Quindi sconsigliamo a chiunque di pubblicare narrativa a pagamento. Non è indice di serietà da parte di un editore, non è gratificante per un aspirante autore. Chi crede in un libro paga, non si fa pagare per pubblicarlo.

Una volta deciso di investire su un particolare autore, quali sono i meccanismi di promozione che adottate per incentivare l'iniziativa?

Pubblicità sui maggiori quotidiani e sulle riviste di settore; massicce campagne stampa; invio di copie omaggio ai recensori; presentazioni su tutto il territorio nazionale, anche con alcuni "testimonial" molto noti (abbiamo avuto l'appoggio amichevole di Carlo Lucarelli, Tinto Brass, Alessandro Defilippi) e nell'ambito delle maggiori fiere librarie; fascette di copertina, "strilli" o prefazioni illustri (Pinketts, Lucarelli, Evangelisti, Altieri, Fois, Montanari, Bernardi, Arona, Teodorani, Crovi) per gli autori esordienti o che hanno voglia di una spinta in più. Nella promozione, anche gli scrittori, finora, ci hanno sempre dato una mano: come Gianfranco Nerozzi, che per pubblicizzare il suo romanzo "Genia" ha organizzato un tour di concerti con reading, che è in corso in varie città italiane. Lo stesso ha fatto Valter Binaghi (il quale, come Nerozzi, è scrittore e musicista) per il suo "Robinia blues", girando in Lombardia con il suo gruppo musicale "Doctor Blue and the Healers". E anche la casa editrice ha organizzato in passato qualche evento: come l'aver riunito una decina di scrittori a Palermo in occasione della presentazione dell'antologia noir "Duri a morire": Quadruppani, Arona, Bernardi, Teodorani, Nerozzi, Cacciatore, Barbara, Carabba e altri, impegnati in un seminario sul giallo, il noir e le loro contaminazioni. E molte scrittrici sono state riunite per presentare l'antologia noir al femminile "Le ragazze con la pistola". Infine, sul nostro sito è attivo il servizio "Filodiretto con l'autore", attraverso il quale i lettori possono contattare tutti gli scrittori che pubblicano con Dario Flaccovio Editore.

Capita invece che qualche nuovo autore, dopo la prima opera, Vi proponga un nuovo lavoro per la pubblicazione, e che Voi vi troviate a rifiutarlo a causa dei risultati non soddisfacenti di vendita finora ottenuti? Vi trovate a volta a dover dire di no a un Vostro pupillo?

Le ragioni commerciali non possono essere ignorate del tutto, non fino all'autolesionismo. Non da un piccolo editore agli esordi in narrativa. Noi facciamo il possibile per prolungare la vita della prima opera, ma se proprio non c'è risposta soddisfacente da parte del pubblico, si può solo sperare che l'autore si ripresenti con qualcosa di diverso, magari più stimolante.

E' vero che molti autori esordienti calano di livello dopo il primo successo, o peggio ancora non sono in grado di mettere a punto la seconda opera e rinunciano del tutto? E in caso come Ve lo spiegate?

Non abbiamo ancora una storia così lunga, nel settore della narrativa, da poter riferire il caso del "bis" di un autore esordiente. Aspettiamo che alcuni di loro si cimentino nella seconda opera. Altri nostri autori invece hanno già due o tre romanzi pronti, e su questi - magari meditati più a lungo, in passato, o rielaborati nel tempo prima di proporli a un editore - lo scrittore ha meno insicurezze. Vedremo.

Nell'economia generale del Vostro catalogo quanto puntate sulle opere degli autori esordienti?

Nella collana Gialloteca abbiamo, su dodici volumi editi, i romanzi di sette esordienti, due di autori che hanno pubblicato con noi la loro seconda opera e solo tre libri (tra i quali due antologie in cui figurano debuttanti e nomi noti) di autori navigati. Le prossime uscite, a metà marzo, prevedono il romanzo di un altro scrittore al debutto, il giornalista Gianfrancesco Turano, e il romanzo - "Vendesi Napoli" - di un autore che ne ha altri al suo attivo: Massimo Siviero.

Quale può essere una buona tiratura per un romanzo di esordio di un autore italiano?

Posso dire quali sono le nostre: intorno alle 2000-2500 copie.

E dopo che cosa succede?

Se un autore vende bene, si ristampa in tempi brevissimi.

Rimane ancora vero che il sogno di ogni editore è quello di creare un autore, e dunque un nuovo fenomeno editoriale?

Sarebbe ipocrita dire di no. Per un piccolo editore, che ha bisogno di visibilità, il "caso" letterario sarebbe una fortuna. Ma è bene distinguere tra autori veri, che sono quelli che preferiamo, e "fenomeni" di scarso spessore che magari durano una sola stagione.

Parliamo di percentuali, su centinaia di manoscritti inviati a una casa editrice quanti sono ragionevolmente proponibili e quanti di quelli accettabili giungono poi alla pubblicazione? Insomma su che numeri viaggia la selezione di un nuovo autore? I nostri lettori sospettano che la probabilità di riuscire sia paragonabile alla vincita dell'Enalotto, è davvero così?

E' onesto dire che la maggior parte dei manoscritti che ci arrivano è di pessima qualità. La prima selezione è un po' una strage: il 70% degli inediti non ha i numeri per essere pubblicato, nemmeno con un editing corposo. Resta quel 30% da valutare a fondo. E da lì - lo dicono le percentuali della nostra collana Gialloteca - in un anno e mezzo abbiamo pescato nove romanzi sugli undici volumi pubblicati.

Non dovreste essere Voi a cercare gli autori, e non essere viceversa sottoposti da questi ultimi a un costante ed asfissiante corteggiamento?

Alcuni li cerchiamo, anche tramite il nostro nuovo consulente editoriale, Luigi Bernardi. Altri ce li segnalano le agenzie letterarie e una minima parte è invitata a mandare qualcosa perché notata in internet o grazie a un concorso letterario. Ad oggi, quattro o cinque dei romanzi pubblicati vengono dalla mole di manoscritti che ci arrivano ogni giorno. E' una situazione equilibrata tra ricerche e proposte.

Quali sono le opere che prediligete? E in base a quali criteri progettate le collane editoriali? Successo di pubblico, o passione per il genere letterario prescelto?

Fino allo scorso novembre, avevamo solo una collana di narrativa, Gialloteca, e lì la scelta cadeva ovviamente su romanzi o antologie gialle o noir, con qualche incursione nel "contaminato", horror, fantastico, eccetera, come nel caso di "Palo Mayombe" di Danilo Arona o del recente "Genia" di Gianfranco Nerozzi. Ma nella collana hanno trovato posto anche opere più mainstream, quali "Robinia Blues" di Valter Binaghi, che è un romanzo di formazione in cui il filo giallo è volutamente molto tenue. Da novembre, però, abbiamo una collana con meno confini, "Tempora", che può accogliere romanzi meno etichettabili. E amplieremo la produzione anche con alcuni fuori collana. La passione per la buona narrativa, di genere o meno, è un elemento portante di queste scelte.

Come fa un autore a sapere che sorte ha avuto il suo manoscritto inviato in lettura presso di Voi?

Rispondiamo a tutti. Prima lo facevamo a lettura avvenuta, personalmente. Ora, come accennato, a causa della mole di opere che arrivano, siamo costretti a inviare a ogni autore un avviso di ricezione del manoscritto e lo avvertiamo che se entro sei mesi non riceverà risposta, potrà ritenere rifiutata la sua proposta. E contattiamo solo chi passa la selezione.

La politica editoriale non è mai incentrata su un solo libro, ma è rivolta generalmente alle potenzialità dello scrittore, ma come si può con un esame frettoloso di poche pagine di ogni manoscritto individuare non solo il valore letterario di un'opera ma anche le capacità di sviluppo di chi scrive e che potrebbe diventare un buon autore?

Ci sono manoscritti che fin dalle prime pagine presentano problemi di grammatica, di sintassi e di struttura così evidenti da rendere inutile una lettura approfondita. Quindi, scartati questi, che sono la maggior parte, ci si può dedicare a un esame accurato e complessivo delle opere rimanenti. In ogni caso è molto difficile che un testo che risulta carente per cinquanta pagine poi diventi magistrale. Per il resto, i romanzi che superano la prima scrematura li si legge per intero. Inoltre, uno scrittore che parte bene lo si riconosce. Se, poi, invia anche più di un inedito, si può avere un quadro più preciso delle sue potenzialità (in bene o in male) e sulle sue capacità di sviluppo. Se invece l'autore ha scritto e proposto soltanto un primo romanzo, le sue possibilità future si vaglieranno via via.

Avete una vera e propria politica editoriale per gli esordienti?

Li sosteniamo, li curiamo, li promuoviamo. Diamo loro molto spazio nella nostra collana Gialloteca.

Investimento sul libro ma soprattutto sull'autore, quale sono le modalità che applicate e le forze che mettete in campo per motivare un buon autore a rimanere nella Vostra scuderia? In poche parole i Vostri meccanismi di fidelizzazione.

Proprio quelli cui accennavo prima: un autore va curato con ogni attenzione e sostenuto con la promozione e la pubblicità. Con tutti i nostri autori abbiamo instaurato un rapporto professionale, ma anche e soprattutto un rapporto umano. Molti li conosciamo personalmente, creiamo occasioni d'incontro in trasferta o li invitiamo qui.

Sabina Marchesi

1
Raffaella Catalano, la curatrice della collana Gialloteca di Flaccovio Editore risponde alle nostre domande per la prima delle interviste riservate alle Case Editrici Specializzate in Giallo e Noir. Raffaella Catalano è anche Editor ed Addetto Stampa.

Per maggiori informazioni visitate il sito della Flaccovio Editore o scrivete a Raffaella Catalano.

Raffaella Catalano
Editor e addetto stampa Dario Flaccovio Editore
press@darioflaccovio.it
--
Dario Flaccovio Editore
Via Oliveri Mandalà, 35
90100 Palermo
091-202533
www.darioflaccovio.it

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Sabina Marchesi
Nata a Roma nel 1963. Da sempre appassionata di studi umanistici e antropologici. La possibilità di attingere liberamente ai numerosi volumi presenti nella ricca libreria paterna l’ha condotta a un grandissimo amore per la letteratura classica, ancora in giovanissima età. Oggi scrive racconti, romanzi, saggi ed articoli. Fa parte della redazione di Progetto Babele, Sherlock Magazine, Thriller Magazine, Kult Underground e Il Rifugio degli Esordienti. Scrive per Inchiostro, Super Eva, Punto di Vista, Italia Donna, Donne In Viaggio, Brivido Giallo, La Tela del Ragno e Kult Virtual Press. Classificata quarta al concorso Danae, prima e terza al concorso Da Sette a Dodici di Progetto Babele, uno dei suoi racconti è stato prescelto come strenna natalizia per la newsletter delle Librerie Mondadori. Curatrice del Sito di SuperEva per i canali Giallo Noir e Letteratura Fantasy & Fantascienza, responsabile del Servizio Valutazione Inediti di Progetto Babele, coordinatrice dei gruppi di lettura Eros e Bonsai per il Rifugio degli Esordienti, membro tecnico della Giuria per i concorsi letterari di Kult Underground e Statale 11. Allieva di Cinzia Tani, ha in corso di pubblicazione alcuni racconti che saranno inseriti in diverse antologie. Cura rubriche mensili e quindicinali per Kult Virtual Press e Thriller Magazine. In corso di preparazione una serie di articoli a tema sui Misteri della Storia, da pubblicare sulla rivista Scienza e Paranormale del Cicap (Centro Italiano Controllo Affermazioni sul Paranormale), fondata da Massimo Polidoro e Piero Angela. In pubblicazione un ciclo di interviste a personaggi del mondo Giallo Noir: Cinzia Tani, Corrado Augias, Enzo Fileno Carabba, Luigi Bernardi, Carlo Lucarelli. Numerosi articoli di saggistica, biografie, rivisitazione dei classici, monografie, recensioni letterarie e cinematografiche possono essere visionati, oltre che sulle riviste sopra citate, su questo sito
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 186 millisecondi