:: Home » Numeri » #183 » CINEMA » La Passione
2010
6
Ott

La Passione

media 3 dopo 119 voti
Commenti () - Page hits: 4950

 

Mèlange di arti e mestieri l'ultimo film di Mazzacurati. Affresco macchiettistico senza grande spessore, in apparenza, ma se si gratta la patina, emerge un ritratto del mercato del lavoro in Italia ben contestualizzato e lucido. Si tratta di una dimensione realistica fatta di snodi professionali imprigionati tra barriere di ricatto  e frustrazione dove l'unico potere è nelle mani di squali, attricette, burocrati. Commuove e fa davvero ridere grazie ad un registro mobile che va dal demenziale al surreale, dal fantozziano al guzzantiano. Dietro un guazzabuglio che sembra prestare poca attenzione ai dettagli formali e troppa alle gag, si  nasconde una traccia narrativa coerente che privilegia la creatività estemporanea come unica soluzione ai tanti impasse quotidiani. Silvio Orlando (Gianni Dubois) è un regista allo stremo, emarginato dal gotha cinematografico e ricattato da uno spietato produttore che gli paga le bollette in cambio di una storia fresca da scrivere in fretta per una stellina della televisione, la divertente Cristiana Capotondi. Nella grottesca situazione di stallo creativo, Orlando inventa storie estreme ed improbabili prendendo spunto da quello che di minuto in minuto si staglia nel suo orizzonte visivo. Gioca con analogie e rimandi casuali,  supportato dal portentoso Giuseppe Battiston che gli fa da spalla. Riesce così a sopravvivere in un paesino della Toscana popolato da strani personaggi tra cui Corrado Guzzanti, meteorologo assurdo e mortifero penosamente intrappolato nelle proprie velleità attoriali. Un ulteriore ricatto gli viene dalla burocrazia locale. Per far fronte alla ristrutturazione della sua casa, il nostro regista si vede costretto a dirigere la sacra rappresentazione paesana, quella del Venerdì Santo, l'unica che vedremo davvero realizzata nel film.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta Ruggeri
SIMONETTA RUGGERI vive e lavora a Roma. Dopo una tesi sullo stile di Italo Calvino e la prosa d’arte, inizia a pubblicare negli anni ‘90 con la Armando Editore. Nel 2001 vince il premio nazionale di poesia ''Dario Bellezza'' e nel 2008 il premio “Poesia e Immagine” indetto dalle Pari Opportunità di Cesena. Partecipa ad eventi letterari e ha pubblicato articoli, poesie, saggi su riviste specializzate. Nel 2009 pubblica la silloge di poesie “Fotosmosi” (Arduino Sacco Editore).
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 232 millisecondi