:: Home » Numeri » #182 » LETTERATURA » Opera settima - L’Equinozio del tempo - Davide Vaccino
2010
2
Set

Opera settima - L’Equinozio del tempo - Davide Vaccino

media 3.09 dopo 115 voti
Commenti () - Page hits: 6200
di Davide Vaccino
Prefazione dell'autore
A cura di Enigma Divì
Collana Autori contemporanei Poesia
Pagg. 116
Prezzo € 12,00

 

Opera edita in sole 77 copie, i cui proventi saranno destinati alla Lotta contro i tumori.

Per acquisti: enigmadivi@gmail.com

 

La poesia di Davide Vaccino è permeata da un profondo pessimismo, che muove da una visione malinconica della vita, come se l'autore si chiedesse continuamente che logica c'è nel condurre l'esistenza fra le poche gioie e i molti dolori per concluderla poi inderogabilmente con il passaggio di quella porta oscura oltre la quale non vi sono certezze, ma al più speranze.
Già in Presenze e Assenze, edito dal Foglio Letterario, avevo riscontrato questa caratteristica, che trova conferma ulteriore in questa Opera Settima – L'equinozio del tempo - , come del resto precisa Vaccino nella prefazione da lui stesso stilata.
Il problema esistenziale, che è di tutti, in questo poeta assume una veste di particolare drammaticità al punto che vive proprio solo di esso e questo fa sì che a volte possa apparire anche un po' cinico, ma è solo una parvenza, perché quel flusso di angoscia sottile che, racchiusa nel suo animo, permea i versi non è frutto di uno sguardo disincantato, bensì di un deluso che, nonostante tutto, cerca ancora la sua illusione  (…/ ché il Paradiso / può aprirsi a chiunque, / si dice, / e, dunque, io, mi ergo / a Cristo in Croce.). E il pessimismo si accompagna a momenti di scoramento, come se la visione di un buio incipiente venisse stretta nella morsa delle tenebre (…/ Il mio albero, ora, / è un frutice spoglio.) .
Eppure, fondamentalmente, il poeta è legato alla vita, certamente insoddisfacente, pessima, incongruente, irreale nella sua realtà, non rispondente al suo anelito, ma per lui è motivo di confronto, è occasione per analisi interiore, è passaggio nel deserto, ma è ciò che si trova per le mani e che se non riesce ad assaporare, è comunque tutto ciò che possiede, unico bene, unico dolore (…/si capisce d'essere vivi / quando viene la Sera.) (…/Seppellitemi con una poesia / scritta in momenti gioiosi / che narri di giorni felici / che narri di giorni felici /…).
Non a caso poi le liriche sono precedute dall'aforisma di un altro autore, che dalla vita ebbe ben poco se non la soddisfazioni di esprimersi in poesia a livelli eccelsi;  sono dell'opinione che queste poche parole siano idonee,  molto di più delle mie, a delineare, in breve e con precisione, la poetica di Vaccino. Giovanni Pascoli, uno dei miei poeti preferiti, infatti scrive: Confessa, / che è mai la vita? / E' l'ombra / d'un sogno fuggente.
Opera settima non è un ombra, ma raccoglie la penombra di un animo, lo sfogo di un poeta in cerca di sé.
Da leggere, senz'altro.
 
Davide Vaccino, Cavaliere della Poesia, Cavajer ëd le Tradission, nonché Medaglia d'Argento e di Bronzo conferitegli dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è  nato a Vercelli l'otto settembre del 1970.
Nella sua carriera artistica, iniziata nei primi anni Ottanta, a soli 9 anni e concretizzatasi professionalmente intorno alla metà dei Novanta, l'Autore piemontese ha conseguito 95 Onorificenze, Premi e Riconoscimenti.
Un referendum promosso nel 1998 dal quotidiano "La Stampa" ha indicato Vaccino fra i quattro personaggi vercellesi più apprezzati.
Numerose sue liriche sono state tradotte in inglese, francese, spagnolo, tedesco e in vari dialetti nazionali, diventando oggetto di studio in diverse scuole ed università europee, venendo anche pubblicate su almeno 20 antologie italiane e straniere; inoltre, dal 1999 ad oggi Davide Vaccino è organizzatore, insieme a tre Amministrazioni comunali, del prestigioso Premio di Poesia "Albano Greggio Oldenico", di cui è mente e Presidente di Giuria.
Ha pubblicatole sillogi:

1996:

-                      Frammenti di Pazzia.

1999:

-                      Benvenuti nel Crepuscolo.

2001:

-                      Passaggi: Canti di Demoni e di Dei.

2004:

-                      Alba Priméva.

2006:

-                      Le Catacombe dell'Anima.

2008:

-                      Presenze e Assenze.

2010:

-                      Opera Settima – L'Equinozio del Tempo
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Ha vinto con la poesia Senza tempo il premio Alois Braga edizione 2006 e con il racconto I silenzi sospesi il Concorso Les Nouvelles edizione 2006. Sue poesie e racconti sono pubblicati sulle riviste Carmina, Isola Nera, Prospektiva e Writers Magazine Italia, oltre a essere presenti in antologie collettive e in e-book. Ha pubblicato le sillogi poetiche Canti celtici (Il Foglio, 2007) e Il cerchio infinito (Il Foglio, 2008). E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net)
MAIL: rmontagnoli@alice.it
WEB:
http://larmoniadelleparole.blogspot.com/
 
:: Automatic tags
 
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 130 millisecondi