:: Home » Numeri » #68 » RPG » L'arte dello scudo
2000
25
Ott

L'arte dello scudo

Commenti () - Page hits: 3400
L'arte dello scudo

Continuiamo questo mese la panoramica sul gioco di ruolo creato dal sottoscritto, ovvero Blood. In questa puntata vedremo come vengono gestiti gli strumenti di difesa per eccellenza, spesso ingiustamente sottovalutati: gli scudi.

Per ridurre la probabilità di essere feriti in combattimento, che c'è di meglio di uno scudo robusto? Per semplicità gli scudi vengono suddivisi in tre categorie:
  • Scudo piccolo (rotella)
  • Scudo medio
  • Scudo grande
    In termini di gioco, lo scudo (anche se non usato attivamente, ma solo imbracciato) rende il personaggio più difficile da colpire. In altre parole, la percentuale di colpire dell'avversario riceve un malus di:
  • -10% se lo scudo è piccolo
  • -20% se lo scudo è medio
  • -30% se lo scudo è grande
    L'avversario tira normalmente per colpire. Si possono verificare tre casi: se il risultato del lancio è minore o uguale al valore colpire modificato come sopra, il colpo è andato a segno, e si può procedere a determinare i danni come di consueto. Se il risultato del lancio è superiore al valore colpire non modificato, il colpo è andato a vuoto, e non vi sono conseguenze. Se infine il risultato del lancio è maggiore del valore colpire modificato ma inferiore o uguale al valore colpire non modificato, allora il colpo è finito sullo scudo, e si dovranno determinare i danni che quest'ultimo subisce.
    Esempio: L'attaccante ha un valore colpire del 60%. Il difensore ha uno scudo medio che dà un malus del -20%. L'attaccante tira i dadi, tenendo conto che:
  • Se il risultato è minore o uguale a 40% (valore modificato) il colpo va a segno;
  • Se il risultato è maggiore di 60% il colpo va a vuoto;
  • Se il risultato è maggiore di 40% e minore o uguale a 60% il colpo va sullo scudo.
    E' poi possibile, per chi possiede uno scudo, utilizzarlo in maniera attiva per parare il colpo dell'avversario. In questo caso non si tiene conto di quanto detto in precedenza: l'attaccante tira normalmente sul suo valore colpire non modificato, mentre il difensore effettua una speciale manovra, detta parata con scudo, del tutto simile alla parata convenzionale. I valori di default per questa manovra sono i seguenti:
  • DES + 30% per lo scudo piccolo;
  • DES + 20% per lo scudo medio;
  • DES + 10% per lo scudo grande.
    Per utilizzare gli scudi in questo modo è necessaria una FOR minima come da tabella.


    Scudi di legno
    Scudi di metallo
    rinforzato
    Scudo piccolo
    Normale (41+)
    Discreta (51+)

    Scudo medio
    Discreta (51+)
    Buona (61+)

    Scudo grande
    Buona (61+)
    Molto buona (71+)



    Gli scudi hanno una Resistenza al Danno intrinseca, o Rd, che indica quanti danni di un colpo sono in grado di assorbire senza conseguenze. Ulteriori danni vanno a danneggiare lo scudo, ovvero ad intaccare il suo punteggio di Durata (Du). Quando quest'ultimo viene azzerato, lo scudo si considera completamente rovinato e pertanto inutilizzabile. La seguente tabella riporta i valori di Rd e Du per i vari tipi di scudo.


    Scudi di legno
    Scudi di metallo
    rinforzato
    Scudo piccolo
    5/20
    8/30

    Scudo medio
    5/30
    12/40

    Scudo grande
    7/40
    15/60


    Legenda: Rd/Du

    Esempio: uno scudo medio di metallo che riceva venti punti di danno, ne assorbe dodici e i restanti otto punti vanno ad intaccare la sua Durata che passa così da 40 a 32.

    Ogni scudo ha poi un determinato peso (Ps) e ingombro (In) come riportato nella seguente tabella:

    Scudi di legno
    Scudi di metallo
    rinforzato
    Scudo piccolo
    2/40
    3.5/40

    Scudo medio
    5/70
    7/70

    Scudo grande
    8/120
    11/120


    Legenda: Ps/In

    Infine gli scudi danno dei malus ai test di Agilità che i personaggi dovranno affrontare, nella ragione di:
  • -10% per lo scudo piccolo;
  • -20% per lo scudo medio;
  • -30% per lo scudo grande.

    Esempio: Un personaggio con uno scudo grande e con AGIL=74% deve effettuare un test di agilità per camminare su una fune tesa. Il valore da contenere col dado percentuale sarà del 44% (74-30).

    E per questo mese è tutto... Alla prossima!

  • Massimo Borri
     
    :: Vota
    Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
     
    :: Massimo Borri
    Massimo Borri, nato il 6 marzo 1971, diplomato alla Scuola di Informatica dell’Università di Modena, attualmente lavora come referente informatico per la stessa università, presso il Dipartimento di Chirurgia della facoltà di Medicina. Si occupa principalmente di fotografia, video editing e grafica 2D e 3D (con Blender 3D), oltre che di consulenza informatica a tutto campo. Innamorato profondamente del Giappone e di tutti gli aspetti della sua cultura, ha come hobby lo studio della lingua giapponese. Adora il gioco del Go con cui cimenta regolarmente assieme agli amici del Go Club del Tortellino. Ama il blues e il rock anni ’70, leggere e disegnare fumetti, il cinema e la letteratura di fantascienza, i giochi di ruolo. Ha scoperto nei libri di Thich Nhat Hanh il volto umano del buddhismo. Si interessa di filosofie orientali, arti marziali (ha praticato karate, taijiquan, kali) e in generale di tutto ciò che porta equilibrio e serenità. Per KULT ha curato in passato le sezioni dedicate a fumetti e animazione giapponesi e alla lingua del sol levante; attualmente scrive recensioni di applicazioni per Ipad.
     
    :: Automatic tags
     
    :: Articoli recenti
     
    KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
    Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
    Questo sito è ospitato su server ONE.COM

    pagina generata in 200 millisecondi